Magazine Cultura

San Valentino: qualche nuovo testo

Creato il 12 febbraio 2011 da Atlantidelibri
San Valentino: qualche nuovo testo PER SAN VALENTINO I POETI INNAMORATI DI PATRIZIA VALDUGA: UN'ANTOLOGIA Patrizia Valduga Poeti innamorati, Interlinea

Da Guittone a Raboni

"Fuoco di paglia è amore di poeta, / perciò è vorace, ed è così fugace". Questo dice Attila József. "L'amore dei poeti è come l'amore degli adolescenti, che vogliono essere quello che non sono, che vogliono che gli altri siano quello che non sono, che vogliono dare l'amore a chi non lo vuole, che perdono l'amore appena lo possiedono, che se ne stancano appena lo conquistano, che pensano di poter davvero possedere una persona, davvero conoscerla interamente e definitivamente": così scrive Patrizia Valduga, una delle poetesse più note per i suoi versi d'amore, introducendo questa originale antologia sui poeti innamorati, da Guittone d'Arezzo fino a Giovanni Raboni.

Patrizia Valduga (nata a Castelfranco Veneto nel 1953) è poetessa e traduttrice. Vive a Milano, Moglie del poeta, traduttore e critico letterario Giovanni Raboni, ha fondato nel 1988 la rivista mensile "Poesia" che ha diretto per un anno. Tra i suoi libri poetici, Medicamenta (Guanda 1982), Donna di dolori (Mondadori 1991), Requiem (Marsílio 1994), Corsia degli incurabili (Garzanti 1996). Ha tradotto John Donne, Molière, Mallarmé, Valéry e Kantor.

UN BRANO TRATTO DALLA PRESENTAZIONE

Questa piccola scelta antologica potrebbe testimoniare, in qualche modo, della storia del sentimento amoroso, oltre che, naturalmente, di quella della nostra lingua, e del gusto di oggi nei confronti della lingua poetica. Fino al Quattrocento nessuno avrà quasi niente da ridire, ma subito dopo ci sarà chi lamenterà l'assenza di quello e la presenza di questo. Perché, ad esempio, non ho messo Buonarroti? Perché, a mio parere, si è scambiata per grandezza poetica la rudezza di un geniale dilettante. Perché non ho messo Penna? Perché la sua voce mi sembra assai flebile. Perché non ho messo Gozzano? Perché, tolte le polverose carabattole della nonna, quello che resta è già tutto in Pascoli. E così via. Perché ho messo poeti che da anni dichiaro di non amare? Perché sono grandi intellettuali che hanno lasciato un segno, da vivi o da morti, nella storia della nostra letteratura.

FRAMMENTI DI POESIE

Ne li occhi porta la mia donna Amore,

per che si fa gentil ciò ch'ella mira;

ov'ella passa ogn'om ver lei si gira,

e cui saluta fa tremar lo core

[...]

(Dante Alighieri)

Se ridete gioiose,

dolci labbra amorose,

non sa mostrarne Amore

pregio d'amor maggiore

in alcun nobil viso,

che 'l vostro bel sorriso;

e pur ne mostra Amore

pregio d'amor maggiore

nel vostro nobil viso

col lampeggiar d'un riso,

se ridono gioiosi

gli occhi vostri amorosi

(Gabriello Chiabrera)

Voglio un amore doloroso, lento,

che lento sia come una lenta morte,

e senza fine (voglio che più forte

sia de la morte) e senza mutamento

[...]

(Gabriele D'Annunzio)

___________________________________________________________________

Fiabe D'amore, Collodi, Giunti

Nel 1875, prima di scrivere Pinocchio, Carlo Collodi accettò di riadattare dal francese alcune fiabe del Sei-Settecento destinate ad accompagnare intere generazioni di bambini e di adulti e a entrare a pieno titolo nei classici della letteratura. Fra queste, i capolavori di Madame d'Aulnoy e di Madame Le Prince de Beaumont, due tra le favoleggiatrici più sensibili e raffinate alla Corte del Re Sole. L'Uccello turchino, La cervia nel bosco, La Bella dai capelli d'oro, La gatta bianca, La Bella e la Bestia e Il Principe Amato, raccolte in questo volume, sono fiabe d'amore meravigliose e incantate, tra le più significative di tutti i tempi. Un libro a uso e consumo di tutti gli innamorati, da regalare, raccontare, conservare.

Il bacio. I più bei momenti d'amore nel cinema, nell'arte, nella poesia Krols Birgit, Gribaudo

Il primo bacio, baci rubali, baci di addio, baci materni, baci gay, baci clandestini, baci tra amici... un bacio non è mai soltanto un bacio, perché racchiude un significato unico. Questo volume vuole rendere omaggio al gesto d'amore per eccellenza attraverso una galleria di più di 150 baci, scelti tra quelli del cinema, della TV, dell'arte e della vita quotidiana. Dal mitico bacio tra Marilyn Monroe e Tony Curtis in A qualcuno piace caldo a quello dolcissimo tra Audrey Hepburn e George Peppard in Colazione da Ttffany, dal controverso bacio saffico tra Madonna, Christina Aguilera e Britney Spears durante gli MTV Music Awards del 2003 al raffinato, prezioso bacio dipinto da Klinit. Ogni immagine rappresenta un momento speciale, accompagnata da citazioni, poesie, aforismi, canzoni che celebrano il bacio in ogni sua forma.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog