Magazine

Sanremo 2014: le mie pagelle

Creato il 28 febbraio 2014 da Vittoriano @BVittoriano
SANREMO 2014: LE MIE PAGELLEIl festival di Sanremo 2014 sarà ricordato come uno dei più asettici dei nostri tempi, povero di idee e di contenuti, in preda ad una crisi economica che con le sue metastasi è giunta ad imbavagliare il genio e la creatività della musica.
Il calo degli ascolti rispetto alla passata edizione (in media -10 punti, tra sharee telespettatori), solo in parte giustificato dalla concorrenza delle partite di calcio, è una riprova di quanto sia difficile ripetersi.
La formula delle due canzoni in gara per ciascun artista, tanto apprezzata nel primo Sanremo del duo Fazio - Littizzetto, si è rivelata molto discutibile mietendo, in qualche caso, brani che a detta degli stessi interpreti, meritavano un giudizio migliore. Forse sarebbe stato meglio affidare proprio ai cantanti la scelta di puntare tutto, fin dall'inizio, sul pezzo più forte.
Scenografia quasi “cimiteriale”, con gli orchestrali collocati in reparti simili a dei “loculi”, la manifestazione è andata avanti più per la bravura degli ospiti nostrani (fra tutti Renzo Arbore e Ligabue), che per la qualità delle proposte musicali e dei cantanti in gara.
Il tema della bellezza, filo conduttore della kermesse, ben lungi dal decantare sublimi fini, ha finito col mettere in evidenza proprio il suo rovescio, ovvero la bruttezza dei nostri tempi fatta delle solite “risatine” per la politica che non va, di qualche parolaccia buttata qua e là per stare al passo con il linguaggio “moderno”, e dell’ennesima manifestazione di protesta, più o meno artefatta, per denunciare le ben note grane sociali.
Quella che doveva essere una grande occasione per valorizzare la musica italiana, si è rivelata poco più di una passerella estemporanea di ludico intrattenimento, in cui i cantanti in gara (molti dei quali “big” per caso) hanno semplicemente recitato ( e neppure bene) il ruolo di “comprimari”.
Ma ecco le mie pagelle.
Arisa: Controvento.Scritta dall'ex fidanzatoGiuseppe Anastasi, che aveva già fatto centro nel 2009 con “Sincerità”, il brano vincitore di questa edizione segna la metamorfosi della cantante lucana: da “occhialuta” e stravagante a tranquilla ragazza “rusticana”. La canzone è tipicamente “festivaliera” e fa breccia nel cuore di un pubblico prevalentemente popolare.Voto 7,5.
Frankie Hi-Nrg:Pedala.Ballata rap rivolta a un pubblico giovanile ma lui … non ha più l’età per fare certe cose. Frankie, comunque, è una garanzia per tutti coloro che sono costretti a pedalare davvero. Se ce l’ha fatta lui …Voto 4.
Raphael Gualazzi con Bloody Beetroots :Liberi o no.Nonostante l’inquietante presenza del suo accompagnatore, travestito da“rapinatore” di banca, Raphael, che è l’ultima “scoperta” diCaterina Caselli, non si smentisce nel suo genere e sfoggia un brano che fa subito presa per ritmo e orecchiabilità.Voto 7.
Antonella Ruggiero:Da lontano.L’ex vocalist deiMatia Bazar, pur non ripetendo le gesta di “Vacanze romane”, si esibisce con un brano che esalta le sue (eccellenti) qualità vocali. Gradevole. Voto 7.
Cristiano De André:Il cielo e’ vuoto.Uno dei (pochi) testi più belli (“il cielo è vuoto perché la nostra immaginazione ha bisogno di spazio”), come “Invisibili”, l’altra canzone frettolosamente eliminata. Ma Sanremo, tranne rare eccezioni (vedi Vecchioni), non è mai stata indulgente con i cantautori.Voto 8,5.
Giusy Ferreri:  Ti porto a cena con me.Brano dalle tranquille atmosfere, forse fin troppe.Voto 6,5.
Perturbazione:L’Unica.Il gruppo piemontese, a dispetto del nome, si presenta con un brano dalla struttura molto ordinata e lineare che rispolvera, in chiave moderna, la disco-music degli anni “70.Voto 7.
Noemi:Bagnati dal sole.La “rossa” siciliana sfoggia un look da “Piccadily Circus”, forse influenzata dal suo trasferimento a Londra dove ha realizzato il nuovo album, dal titolo, appunto, “Made in London”. La canzone è orecchiabile ma con un refrain che ricorda, nella sua ritualità, “Sono solo parole”, l’altro suo successo di due festival fa.Voto 6.
Giuliano Palma:Così lontano.Lo è stato anche per me. Direi lontanissimo. Canzone banale che è il miscuglio di tante altre già sentite.Voto 4.
Francesco Renga:Vivendo adessoIl brano, firmato da Elisa, è gradevole e orecchiabile. Venderà di più rispetto alla vincitrice Arisa.Voto 8.
Ron:Sing in the rain .Non ripete i fasti dei suoi maggiori successi, fra tutti “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, vincitrice del festival del 1996.Voto 6.
Renzo Rubino:Ora.Brano dalla struttura non facile per le oscillanti sonorità, ma ben ritmato. Personalmente preferivo l’altra canzone (“Per sempre e poi basta”), poco “sanremese” ma più intensa.Voto 7.
Francesco Sarcina:Nel tuo sorriso.L’ex delleVibrazioninon convince. Meglio ritornare al passato e riascoltare la più collaudata “Vieni da me”.Voto 5.
Riccardo Sinigallia:Prima di andare via.Alla fine se n’è andato sul serio, prima della finale, per essersi già esibito al (famosissimo) festival di Cremona. Al di là dell’espulsione, il brano è una camomilla per chi ha problemi di insonnia.Voto 4,5.
http://feeds.feedburner.com/VittorianoBorrelliLeParoleDelMioTempo

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Euro 2013 le mie considerazioni

    Finito l'europeo di football americano nel modo in cui purtroppo non tutti speravamo è il momento delle considerazioni. Visto che molti, troppi lo fanno senza... Leggere il seguito

    Da  Kirikong
    SPORT
  • Le mie lunghissime vacanze

    lunghissime vacanze

    Tre mesi di vacanze (anche se qualcuno sostiene che io sto in vacanza tutto l’anno!) sono lunghi e quest’anno abbiamo viaggiato davvero tanto. Un piccolo... Leggere il seguito

    Da  Atrebor
    HOBBY, LIFESTYLE
  • Inter-Juventus: le pagelle bianconere

    Inter-Juventus: pagelle bianconere

    - La Juventus termina in parità il Derby d'Italia. Ad Icardi, dopo appena due minuti, risponde Arturo Vidal. (QUI i gol del match). Ecco le pagelle dei... Leggere il seguito

    Da  Luciomormile
    CALCIO, SPORT
  • Bancali per le mie scarpe

    Bancali scarpe

    Quando hai troppe scarpe (certo, non ai livelli di Carrie Bradshaw) che ti piacciono, che non daresti mai via pur indossandole di rado, ecco che hai bisogno di... Leggere il seguito

    Da  Greenkika
    ECOLOGIA E AMBIENTE, LIFESTYLE
  • Copenaghen-Juventus, le pagelle

    Copenaghen-Juventus, pagelle

    COPENAGHEN Wiland 7,5: lo davano in crisi, sfodera una prestazione da migliore in campo Jacobsen 6: ordinato sulla fascia destra Mellberg 6: sufficiente nella... Leggere il seguito

    Da  Pablitosway1983
    CALCIO, SPORT
  • Napoli-Borussia: le pagelle

    Reina 7: una sicurezza, nelle parate sia facili che difficili. Cinque o sei della prima categoria, e due, una per tempo, della seconda, che salvano il risultato... Leggere il seguito

    Da  Antonoce
    CALCIO, SPORT
  • Europei di basket: le pagelle degli azzurri

    Europei basket: pagelle degli azzurri

    Goldmund100 / Foter / CC BY-SA Al termine degli Europei che hanno fatto sognare gran parte del popolo italiano del basket, ma che si sono conclusi anzitempo è... Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ