Magazine Società

"Scorci di Sicilia" nel Castello di Bauso

Creato il 27 aprile 2013 da Antonella Di Pietro @Antonella_Di_Pi

Nel meraviglioso Castello di Bauso, a Villafranca Tirrena, avrà luogo il 27 ed il 28 aprile la mostra fotografica "Scorci di Sicilia" di Laura La Barbera, vincitrice dell'omonimo concorso. Un incontro-dibattito, che si terrà oggi pomeriggio alle ore 17.00, sarà introdotto dalla Dott.ssa Stefania Urso e coordinato dal Prof. Antonino Ioli e dalla Prof. Teresa Rizzo. Interverranno il Sindaco Matteo De Marco, il Dott. Luigi Giacobbe, la Prof. Rosa Maria Lentini, l'Arch. Michele Palamara e il Dott. Mosè Previti. Inoltre, all'interno del Castello, un fotografo professionista darà dimostrazione pratica di alcune tecniche e pose fotografiche.
Bauso (Bàusu in siciliano) è l'antico nome di Villafranca Tirrena ed il borgo che vi sorge fu fatto costruire a forma di castello nel 1590 dal Conte Stefano Cottone, mercante e banchiere tra i più importanti di Messina. Nel Dizionario illustrato dei Comuni di Sicilia di Francesco Nicotra, 1907, leggiamo: "Castello del Conte: è detto Castelnuovo, e da esso, che è signoreggiante il paese, prese titolo il principato, che nel parlamento generale di Sicilia occupò il XXXI posto. Vi si accede da un lato percorrendo tutta l'amenesissima villa, nella quale i viceré spagnoli solevano riposarsi nei loro viaggi da Palermo a Messina, e dall'altro di fronte l'attuale chiesa madre". 
La fortificazione, che era solo una residenza secondaria del Conte, serviva, soprattutto, ai cittadini del borgo, dove si rifugiavano per difendersi dagli attacchi di corsari barbareschi, all'epoca frequenti in Sicilia. Infatti, nell'epigrafe situata sul portale del bastione sud-est, vi è scritto: "....a difesa dalle incursioni da terra e dal mare, Stefano Cottone, IV signore di Bauso, eresse le mura dalle fondamenta …nel 1590…". 
Ogni stanza del Castello è corredata da un camino di fattura rinascimentale e ornata con fregi, statue, affreschi e busti marmorei. Tra quest’ultimi, spiccano le raffigurazioni dei poeti Dante, Virgilio e Tasso, oltre alle sculture che rappresentano le "Quattro Stagioni". Una pavimentazione di mattonelle di ceramica dipinte a mano di manifattura siciliana abbellisce sia la gradinata esterna del Castello che portava alla porta principale, sia le stanze interne. Per la costruzione del Giardino sono state utilizzate pietre di colore diverso e vetri multicolori e, al suo interno, insistevano opere artistiche di pregio come la "Fontana dei quattro Leoni" attribuita alla bottega dello scultore fiorentino Giovanni Angelo Montorsoli.
Il Castello di Bauso venne citato anche da Alexandre Dumas nel Pascal Brunò, 1838: "Ascoltate - mi disse - non dimenticate di fare una cosa quando andrete da Palermo a Messina per mare o per terra. Fermatevi al piccolo paese di Bauso, vicino alla punta di Capo Bianco. Di fronte ad un albergo troverete una strada in salita che termina a destra con un piccolo castello a forma di cittadella. Alle mura di quel castello si trovano appese due gabbie: una è vuota, nell'altra biancheggia da vent'anni la testa di un morto. Domandate al primo viandante che incontrerete la storia dell'Uomo a cui appartenne quella testa e avrete uno di quei racconti completi che dipingono tutta una società, dalle montagne alla città, dal contadino al gran Signore...." 

Dal 29 aprile al 5 maggio, sarà possibile visitare la mostra fotografica "Scorci di Sicilia", nei locali del Centro Commerciale La Via Lattea a Messina (S.S. 114, km. 3,913) dove saranno esposte le opere dei primi tre classificati al concorso "Scorci di Sicilia": Laura La Barbera, Giuseppe Spina e Emidio Sarpietro.
Antonella Di Pietro©

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sicilia a rischio default

    Sicilia rischio default

    Si è appena conclusa la riunione a Palazzo dei Normanni, nella Sala D'Ercole, dei deputati dell'Assemblea Regionale Siciliana. Ed è caos, i conti non tornano,... Leggere il seguito

    Da  Antonella Di Pietro
    SOCIETÀ
  • Qui in Sicilia

    Sicilia

    Riprendiamo dal blog del nostro Nino Fricano una riflessione sull’aria asfittica che in Sicilia spinge sempre più gente a emigrare e, al contempo, trasforma... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • L'origine della Sicilia

    L'origine della Sicilia

    Il popolo siciliano, nella sua ricca fantasia dovuta alla sua vivacità spirituale, determinata dal clima mediterraneo e dal suo effervescente carattere, ha... Leggere il seguito

    Da  Antonella Di Pietro
    SOCIETÀ
  • O che bel castello…

    castello…

    lug31 O che bel castello… Posted on 31 luglio 2013 by Alessandra O che bel castello… Ci sono volte in cui ho l’impressione che la mia povera autostima sia... Leggere il seguito

    Da  Controcornice
    ATTUALITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • Castello infestato dai fantasmi

    Castello infestato fantasmi

    Ebbene si, anche quest'anno mi sono lasciata prendere dalla febbre di Halloween :-).E vi prego, non dite che Halloween è la festa dei cretini, o che è la festa... Leggere il seguito

    Da  Danita
    CUCINA, RICETTE
  • Sicilia docet

    Sicilia docet

    Da: Questo blog - Rita Coltellese26 febbraio 2012: dal post "Italiani derubati dai partiti"Gli italiani votarono CONTRO il finanziamento pubblico dei partiti... Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • Scorci di una notte di piena estate

    lunedì 12 novembre 2012 di Noemi Venturella 9 agosto 2012, Cinisi. L’acqua bolle sul fuoco e l’aglio crepita nell’olio in attesa di mischiarsi alla... Leggere il seguito

    Da  Abattoir
    CULTURA, OPINIONI, TALENTI