Magazine Cultura

Scrivo un romanzo in Power Point …

Creato il 20 maggio 2011 da Mdalcin @marcodalcin

Scrivo un romanzo in Power Point …

E vinco pure il Pulitzer 2011! Si, è andata così a Jennifer Egan, con il suo “A Visit From The Goon Squad”, in uscita in Italia  con il titolo “il tempo è un bastardo” per la Minimum Fax, nel quale un intero capitolo (ottanta pagine circa) è stato scritto in Power Point dopo che l’autrice ha letto sul New York Times  “una presentazione in Power Point è stata il vero ariete che ha decretato il successo della campagna elettorale di Obama. Subito la Egan, donna di una certa intelligenza e intuito, si è chiesta, posso usare questo programma anche io nel mio lavoro di scrittrice?, ma non voleva semplicemente illustrare l’azione, tipo Graphic Novel, no, voleva rappresentare semmai, visivamente, l’ossatura narrativa di ciascuna scena, quello che normalmente fanno le slide preparate per una presentazione aziendale, scarnificare, rendere visibili i concetti e si è pure esaltata in due occasioni, durante la stesura, quando si è accorta che questa narrazione per diapositive offre opportunità che la narrazione classica non concede, ad esempio, 1) l’assenza del contesto (descrizione del luogo dove si muovono i personaggi, dove è seduto uno, cosa sta facendo l’altro, un vero incubo per qualsiasi scrittore), e 2) la simultaneità di percezione di più situazioni, azioni, pensieri, senza un ordine imposto (come succede inevitabilmente sulla pagine scritta per la quale è obbligatoria una consequenzialità). Qualcosa di potenzialmente rivoluzionario anche se forse non letterario (o almeno non ancora, per quella che è la nostra percezione attuale di letterario), rendere intuitivi i concetti come era già chiaro ad Aristotele, perché l’anima non pensa mai senza immagini. Che il futuro del romanzo passi di qui?… altro che ebook

Fine prima parte

Posts correlati:

  • Andrea De Carlo: lo scrittore che odia Milano
  • Un timer per scrivere meglio
  • Marrakesh cafe

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine