Magazine Viaggi

Senza bussola

Creato il 17 gennaio 2011 da Andrea
Senza bussola
E' successo ancora. E' successo perché doveva o perché poteva. E' successo perché non c'è un modo per me che sia uno per non spezzarmi in due. E' successo perché io ci credo ancora e dovrei smettere di farlo. Ma sono vivo, e finché lo sarò so che continuerò a farmi questo e a farmi fare questo. E tutto sommato, non voglio morire oggi. No.
Nel rompermi e nel perdere ogni direzione, nel non sentire più alcun vento che gonfia le mie vele, l'irreale situazione di silenzio e di immobilità mi lascia sparso al sole, senza acqua, ma senza sete. Potrei non scrivere niente in questo post, lasciare che tutto si annebbi in una incomprensibile e limacciosa immobilità, ma devo rialzarmi presto, perché nessuno mi può raccogliere da dove sono. Non posso dare i miei punti cardinali. Mi sono spinto precipitosamente in una direzione senza potere e volere imparare la strada per tornare indietro. Ho sperato che quella strada non servisse, solo per realizzare che semplicemente una strada non c'è. E ora che tutto giace in frantumi e in rovina intorno a me cerco cocci che non possono essere incollati. Non mi bastano le fitte di ogni singolo pensiero. Ogni immagine, ogni pezzo che resta di un momento lo prendo a testate, perché per smettere di sentire male in un posto, a volte bisogna sentirne in qualche altro. Potrei mettermi anche a relativizzare, ma a volte vale la pena di mandare anche Einstein a farsi fottere...
Tutto questo può essere chiaro solo per me. Eppure non mi importa che sia così. Mentre le dita scorrono sui tasti, mentre lo schermo diventa a momenti opaco, mentre mi avvolge il candido silenzio di una serata a casa, esigo da me stesso la promessa di rialzarmi domattina. Eppure mi lascio questa sera, me la lascio per sentire ancora una volta che sono stato io e che sono stato vero, senza menzogna, senza finzioni. Tirando fuori il bello e il brutto di un'anima comune forse, ma di una persona che non vuole lasciare dietro di sé il rimpianto di non averci provato fino all'ultimo a essere felice, a essere completa. Il rimorso verso me stesso e verso gli altri, invece lo conservo gelosamente, a futura memoria...
Anche questa volta, come nella mia migliore tradizione, non ho trovato una risposta alla domanda: "Perchè no?". Avrei dovuto forse cercarla meglio questa risposta. Ma forse non l'avrei trovata comunque da solo. Ci voleva qualcuno a darmi quella risposta, con i suoi perché che credo non saprò mai. Un giorno tutto questo svanirà, finanche il ricordo diventerà una stanca sinapsi legata a chissà quali altre e da chissà quali altri legami. Ma so che quel giorno non è così vicino come dovrebbe essere...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il popolo senza nome

    popolo senza nome

    E’ con grande emozione che apprendo dell’esistenza di un popolo che vive nella foresta pluviale del Perù e che entra in contatto con il resto del mondo per la... Leggere il seguito

    Da  Albix
    SCIENZE, VIAGGI
  • Un popolo senza commitment

    popolo senza commitment

    Da qualche mese a questa parte non faccio altro che incontrare gente che parla di “essere committati”, da commit, in inglese, che significa dedicarsi,... Leggere il seguito

    Da  Lucalo
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Il mio regno per un Natale senza piedi pestati

    regno Natale senza piedi pestati

    (o anche Pugliesi tornatevene a casa*) Puntuale come i soldi scalati della promozione wind per chiacchierare con il fidanzato è arrivata anche quest’anno... Leggere il seguito

    Da  Elettra
    ITALIA, SUD ITALIA & ISOLE, VIAGGI
  • Le domande senza risposta...

    domande senza risposta...

    Le domande senza risposta sono tipiche di tutte le età. La differenza che si riconosce tra le diverse epoche della nostra vita è che sappiamo sempre di più... Leggere il seguito

    Da  Andrea
    VIAGGI
  • Pizza, Meriggio e La festa senza festa

    Pizza, Meriggio festa senza

    A Natale in teoria bisognerebbe essere tutti piu’ buoni. Dico bisognerebbe, e ci aggiungo che oggi e’ ancora il 22, percio’ faccio ancora in tempo, se... Leggere il seguito

    Da  Albino
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Nave senza tempo.

    1 febbraio 1963 L'oggetto era uscito dal cono d'ombra e ruotava lentamente attorno al pianeta su un'orbita lievemente ellittica con un apogeo di 280 chilonetri. Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Quando magari senza qualche forse

    Quando magari senza qualche forse

    Mappa delle parole più utilizzate su questo blog. Ecco, non so se sia un certo stile,il troppo politically correct o l'accozzaglia di pensieri mal rimbalzati tr... Leggere il seguito

    Da  Andima
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI

Magazine