Magazine Società

Sesso e Potere

Creato il 19 gennaio 2011 da Gaetano61
Nei giorni in cui veniamo a conoscenza delle notti di Arcore, viene alla mente l'ultimo film di Pier Paolo Pasolini, Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975), opera in cui l'autore definisce la natura del "Potere" nel suo controllo completo sui corpi delle persone. In questa interpretazione il sesso diventa "sia pure in modo onirico e stravolto, [...] la metafora di ciò che oggi il potere fa dei corpi". Proprio a pochi mesi dal suo assassinio, Pasolini traccia un quadro del "Potere" quanto mai disilluso:
«Nulla è più anarchico del potere, il potere fa praticamente ciò che vuole e ciò che il potere vuole è completamente arbitrario, o dettatogli da sue necessità di carattere economico che sfuggono alla logica comune.»
(Le citazioni delle parole di Pasolini sono tratte da wikipedia).
La colonna sonora di Salò è firmata da Ennio Morricone. L'apparente leggerezza della melodia esprime bene il contrasto tra la violenza delle immagini e la "naturalezza" di quella stessa violenza nelle menti di chi nel film rappresenta il "Potere":

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lo squilibrio del potere

    squilibrio potere

    Qualche anno fa frequentavo una ragazza che si stava laureando. Uno degli assistenti che la seguivano la invitò a cena a casa sua per discutere della... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    SOCIETÀ
  • “Lingua è potere”

    “Lingua potere”

    : UN QUADERNO SPECIALE DI LIMES TRACCIA LA GEOGRAFIA DELLA COMPETIZIONE LINGUISTICA IN EUROPALa più importante rivista di geopolitica italiana, in collaborazion... Leggere il seguito

    Da  Mdeconca
    SOCIETÀ
  • Niente sesso, grazie

    Delle carte, dei contenuti, delle donnine, degli eventuali (ipotizzati) reati, non me ne importa nulla.Mi importa eccome, del fatto che si continuerà per... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Politica e sesso

    Anche Francesco Maria Orsi, consigliere comunale del Pdl a Roma, ha partecipato a festini a luci rosse. Altro caso che tiene botta dopo le rivelazioni di... Leggere il seguito

    Da  Loriscosta
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Privatizzazione del potere

    Privatizzazione potere

    Il caso del ritrovamento di "cimici" negli uffici del ministero e nella casa romana di Umberto Bossi, la decisione di non dire niente alla Magistratura ("tanto... Leggere il seguito

    Da  Gaetano61
    SOCIETÀ
  • Volere è potere

    Volere potere

    Teheran, Iran, 24 gennaio 2011Zohre Etezadolsaltaneh è una donna di Teheran, ha 49 anni, è un’insegnante in pensione, ma soprattutto è l’incarnazione del motto... Leggere il seguito

    Da  Loriscosta
    SOCIETÀ
  • Quarto Potere

    Quarto Potere

    Dimmi come è strutturato il tuo sistema televisivo e ti dirò che Paese sei.Non voglio discutere di come i mass media, e in particolare il tubo catodico,... Leggere il seguito

    Da  Confortevolmente Insensibile
    SOCIETÀ

COMMENTI (1)

Da gianni tirelli
Inviato il 13 febbraio a 15:43
Segnala un abuso

SESSO E' POTERE

Se l’uomo si riproducesse per scissione* (senza l’intervento dell’atto sessuale), la Chiesa di Pietro, non esisterebbe. Lo stesso, ma all’inverso, vale per il liberismo relativista che, sulla mercificazione della sessualità e del suo indotto, ha edificato il suo impero perverso. La Chiesa cattolica, investe la sua esistenza, sulla negazione dell’atto sessuale, e di tutto ciò che lo contempla, attribuendogli l’onta, di peccato mortale, punito dalla legge di Dio. L’atteggiamento radicale della Chiesa, su tale questione, trova nel sacramento della confessione, la sua redenzione. In questo modo, l’uomo cattolico, persiste nel suo comportamento “peccaminoso”, fino al giorno del perdono divino e, nella transustanziazione del pane e del vino (eucaristia), attua la comunione dei fedeli con il Redentore. Il liberismo relativista, all’opposto, fa, della sessualità, il suo baluardo, trattandolo come bene primario e ineludibile. Le bieche forme di propaganda mediatica, che si prefiggono una vendita su larga scala, fanno di questo prodotto, il più consumato e gettonato, da grandi e piccini. Se il sesso, non fosse oggetto di speculazione morale ed economica, sia dall’uno che dall’altro fronte, Chiesa e Liberismo, farebbero la fame, o non sarebbero mai divenute: la Chiesa, riaffermerebbe così, la sua originaria entità cristiana, e finalmente, gli ultimi della terra, trovare vero conforto, vera pace e vera speranza, in un nuovo credo, autentico e liberatorio. Il Liberismo relativista, dal canto suo, riassorbirebbe la sua degenerazione etica, morale e spirituale, per trasformarsi, poi, in Stato di diritto. L’intento del cattolicesimo, è di fare leva sulla paura dell’inconoscibile e, sulla seria possibilità di un castigo eterno, nell’aldilà. Il Liberismo relativista, al contrario, agisce sulle debolezze e miserie della gente, con la promessa, di appagare ogni più subdolo desiderio; immortalità compresa.

*processo di riproduzione caratteristico degli organismi unicellulari.

Gianni Tirelli