Magazine Curiosità

Sette teorie del complotto sulla Disney

Creato il 05 settembre 2013 da Mcnab75
Chiunque si occupi di cospirazionismo, per diletto, per ricerca o per curiosità, conosce quale gran quantità di dicerie esiste riguardo il buon Walt Disney. Come tutte le persone ricche, potenti, famose e impegnate nei mass media, anche il caro Walt ha attirato su di sé le attenzioni dei complottisti di tutto il mondo. Di certo alcuni suoi collaboratori ci hanno messo del loro per rincarare la dose, tra fotogrammi di nudità, contenenti messaggi sessuali espliciti etc etc inseriti in arcinoti film d’animazione. Di cosa sto parlando? Di questi, per esempio. Si tratta di episodi che sono stati spiegati come “gesti da burloni”, compiuti da anonimi disegnatori della lunghissima catena produttiva che contribuisce alla realizzazione di film come La Sirenetta e Il Re Leone. Oggi ci occuperemo invece delle sette teorie del complotto più conosciute (nell’ambiente) riguardanti la Disney. Piccole e grandi, e non tutte necessariamente false.Sette teorie del complotto sulla Disney Walt Disney ibernato Partiamo alla grande, con la storia che vuole il vecchio Walt nascosto in una bara di stasi criogenica, in attesa di essere risvegliato nel futuro, quando la scienza sarà in grado di curare il tumore al polmone sinistro (malattia che lo colpì nel 1966, allontanandolo dal “lavoro sul campo” della sua company). Una scelta che Disney avrebbe fatto per poter tornare a lavorare su nuovi progetti d’animazione, ossia a ciò che più amava al mondo. Ovviamente non c’è alcuna prova a sostegno di questa teoria del complotto, se non l’irreperibilità del corpo (cremato, su volontà di Walt). Tuttavia al mondo ci sono diverse migliaia di persone che sperano di vedere il buon Disney tornare sulle scene per rimettere mano al suo impero di fantasia… Nessuno muore nei parchi Disney Ascoltante questa: i legali della Walt Disney Company farebbero pressioni su chiunque – giornalisti, pubblico, media di vario genere – per nascondere ogni notizia luttuosa registrata all’interno dei parchi facenti parte del Disneyworld. Non stiamo parlando di omicidi o di atti violenti, bensì anche di semplici malori (infarti e altre piacevolezze). Questa teoria viene smentita dai fatti, visto che di spettatori morti nei parchi Disney ce ne sono stati diversi, tutti regolarmente citati dai quotidiani locali. Andy’s coming! Questa teoria del complotto, piccola piccola, era vera! Fino a poco tempo fa era sufficiente entrare in un parco-giochi Disney, urlare “Andy’s coming!” per vedere tutti i personaggi in costume del mondo di Toy Story cadere a terra, fingendosi morti. Come vi ho già detto, questo fatto era vero. Si trattava di un piccolo giochino deciso dai vertici della Company, un inside joke che funzionò finché la voce si diffuse a macchia d’olio su Internet, azzerando l’effetto sorpresa. Lo scherzetto in questione venne sospeso. Disney contro gli Asili Nido La teoria del complotto nasce così: un giorno a Miami si diffuse la voce che la Disney Company aveva denunciato tre asili nido perché questi avevano dipinto sui loro muri delle immagini di Topolino senza chiedere il permesso alla casa-madre. Sorpresa… la notizia è vera! Variano soltanto i dettagli: non ci fu denuncia, bensì minaccia della medesima. Gli asili nido in questione, poco desiderosi di mettersi contro il colosso dell’animazione, optarono semplicemente per rimuovere i dipinti. Una pessima figura, messa in risalto dai rivali di Hanna-Barbera, che si fecero avanti per offrire i loro personaggi (ovviamente in libero usufrutto) agli asili in questione. Disney Company, società maschilista La teoria vuole che alla Disney non lavorino donne, non nei ruoli più importanti della produzione. Anche in questo caso c’è un fondo di verità. Fino al 1938 gli studios “sconsigliavano” l’assunzione di donne, in quanto esse erano naturalmente predisposte a fare figli e a occuparsene. Questa politica sessista ebbe una vita assai breve. Bastò il lento ma inesorabile sviluppo della società per rimuovere pregiudizi e ingiustizie. Non a caso Disney può vantare delle celebri donne che contribuirono al successo di alcune pellicole cult: Mary Blair e Retta Scott su tutte. La storia delle mestruazioni secondo la Disney La diceria: nel 1946 la Disney realizzò un ardito corto d’animazione, con lo scopo di spiegare il ciclo mestruale femminile alle giovani spettatrici. Ebbene… il corto esiste e potete tranquillamente vederlo su Youtube. Esso faceva parte di una serie di film educativi, che in quegli anni venivano prodotti per essere distribuiti nelle scuole. Papero nudo finlandese Ok, ridete pure: per un certo periodo, Paperino rischiò di essere bandito dalla Finlandia perché un politico locale, conservatore e bacchettone, lo giudicò indecente, in quanto “nudo”. La proposta di legge fu avanzata e respinta. Non contento, il nostro buon politicante tentò una seconda mossa, scrivendo alla Disney per chiedere di “mettere delle mutande” alla versione finlandese di Paperino. Non fu nemmeno ascoltato e la sciocca querelle fu dimenticata per sempre.- – -Alex Girola – follow me on Twitter

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Torta sette veli

    Torta sette veli

    Ingredienti: Per la torta: 4 uova, 125 gr di zucchero, 70 gr di farina 00, 30 gr di amido di mais, 25 gr di cacao, 40 gr di burro, ½ bustina di lievito, 1... Leggere il seguito

    Da  Loredanads
    CUCINA, RICETTE
  • I sette Santi di Marrakech.

    sette Santi Marrakech.

    La “Dekka Marrakchia“ è apprezzata da tutti i marocchini, che non dimenticano mai di invocare i santi di Marrakech. Sapete che pronunciare “vado al sebaätou... Leggere il seguito

    Da  Paolo
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Anatomia di alcuni personaggi Disney

    Anatomia alcuni personaggi Disney

    L’illustratore Alessandro Conti si è divertito a disegnare alcuni celebri personaggi Disney mettendoli a nudo e facendoceli conoscere più a fondo. Leggere il seguito

    Da  Darkf3d3
    TECNOLOGIA
  • La "Fantasia" di Walt Disney

    Un modo semplice di accostarsi alla musica classica per chi ancora non la ama, è rivedere il celebre film di Walt Disney “FANTASIA” che racchiude i se molti... Leggere il seguito

    Da  Dino Licci
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • La Disney chiude la LucasArts

    Disney chiude LucasArts

    La notizia è arrivata inaspettata e avrà mandato in depressione moltissimi videogiocatori di vecchia data. La Disney difatti ha deciso di chiudere il leggendari... Leggere il seguito

    Da  Darkf3d3
    TECNOLOGIA
  • Sette per otto cinquantasei

    Sette otto cinquantasei

    Ogni volta che nel mondo un bambino, o chi per esso, viene interrogato su questa tabellina si apre un varco spazio temporale che assume una consistenza quasi... Leggere il seguito

    Da  Hombre
    SOCIETÀ, TALENTI
  • intorno alle sette

    Mettetevi davanti alla tele a guardare uno di quei programmi straseguiti su uno di quei canali dove gli spazi pubblicitari ancora non te li tirano dietro. Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ