Magazine Cultura

Si leggono ancora libri?

Creato il 20 aprile 2012 da Mdileo @atmospherelibri

Image

Le persone leggono sempre meno libri. In molti casi, oltre a libri religiosi e libri di testo necessari, forse, è difficile trovare libri che sono letti nel tempo libero. Non dobbiamo minimizzare l’effetto devastante su un popolo, di una non-cultura della lettura. La gente dovrebbe leggere. In realtà, le persone non leggono, ma ciò non è proprio evidente. La realtà è che i libri sono in competizione con molti altri mezzi per l’attenzione della popolazione. Siamo diventati afflitti da disturbi da deficit di attenzione, grazie a Internet. Internet ha cambiato le nostre vite e ci ha cambiato in modo misterioso. Non ci sono confini che Internet non possa violare. È inarrestabile nell’abbattere muri fisici.

Lasciatemi ammettere che ci sono aspetti negativi significativi alla crescente globalizzazione del nostro mondo. Tuttavia, se chiedete a una persona che vive in un posto sperduto, la tecnologia l’ha liberata dalla solitudine. Ha il telefono cellulare, si fa raggiungere in qualsiasi momento. Non puoi sapere quanti usi può avere il cellulare. Nelle notti in cui non c’è corrente in casa tua, puoi usare il cellulare come una torcia per trovare il bagno.

Siamo testimoni viventi di cambiamenti sismici nel modo in cui ora si accede al processo delle informazioni. L’industria dell’editoria tradizionale è alle corde, sostenuta solo dalla prepotenza di coloro che insistono sul fatto che i libri devono essere scritti, e che verranno letti se la gente va nei centri commerciali e compra i libri. Ci siamo ridotti a vendere i libri al supermercato, come merce disposta sullo scaffale tra un barattolo di fagioli e un ammorbidente. Ma poi ovunque si guardi, i giornali stanno morendo, stanno finendo in decomposizione. Sopravvive solo la pubblicità, mentre le notizie sono diventate secondarie, si potrebbe dire, superflue. Forse un domani leggeremo sulla carta stampata solo i necrologi. Edicole, librerie: tutto superato, stantio, antico, inutile. Leggerò il mio giornale sul mio iPad o smartphone.

L’editoria tradizionale è alle corde. Non sopravviverà per molto tempo.

Le case editrici si stanno rifacendo il look, sforzandosi di recuperare lo spazio che è minacciato dalla democratizzazione della pubblicazione – che ci è regalata gratis su Internet. Le case editrici sono in competizione con i nuovi strumenti di espressione. La gente sta andando verso il nuovo mezzo come fonte primaria di informazione, educazione e intrattenimento. Le case editrici tradizionali hanno molto da essere preoccupate. Esse storicamente dipendevano dal libro per la loro sopravvivenza.

Il libro è avviato a una morte molto lenta?

Ma ci siamo chiesti se non è vero che le nuove tecnologie possono anche aggravare il divario economico tra abbienti e non abbienti all’interno e tra le nazioni? Gli scrittori si lamentano che la gente non legge più. Ma poi, è vero che la gente non legge? Forse non legge più libri, ma legge nei cyber-caffè, e nei posti di lavoro. Ovunque la vita lo consenta, la gente legge senza sosta. Non leggerà libri, ma legge tonnellate di roba sui propri telefoni cellulari, sui computer portatili, su qualsiasi cosa abbia uno schermo. I nostri scrittori hanno solo bisogno di trovare un modo per consegnare creativamente le loro idee usando questo mezzo.

La gente in realtà legge molto più di quanto pensiamo. Dobbiamo passare le nostre idee dove sono le persone. C’è una fucina di giovani che naviga sui social network: Twitter e Facebook. Legge l’equivalente di un capitolo di un libro al giorno, solo che non se ne rende conto. La fame di lettura è tutta lì.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il silenzio si muove

    silenzio muove

    Due anni fa la casa editrice madrilena SM ha commissionato un libro allo scrittore Fernando Marías con l’intento, preciso e ardito, di rivoluzionare la... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Silenzio, si ruba - di Marco Travaglio

    Silenzio, ruba Marco Travaglio

    Titolo: Silenzio, si rubaAutore: Marco TravaglioEditore: ChiarelettereAnno: 2011 “Silenzio, si dorme!” è l’esortazione che i genitori indirizzano ai... Leggere il seguito

    Da  Ilibri
    CULTURA, LIBRI
  • Claudio Foti si racconta...

    Claudio Foti racconta...

    Eccolo, Claudio Foti, finalmente qui con me per rispondere ad alcune domande. Claudio è un autore che conquista con la sua simpatia e disponibilità. Affascinant... Leggere il seguito

    Da  Chichili123
    CULTURA, EBUSINESS, LIBRI
  • L'inverno si era sbagliato - Louisa Joung

    L'inverno sbagliato Louisa Joung

    Titolo: L'inverno si era sbagliatoTitolo originale: My Dear I Wanted to Tell YouAutore: Louisa JoungTraduttore: R. ScarabelliEditore: Grazanti LibriPagine:... Leggere il seguito

    Da  Frencina
    CULTURA, LIBRI
  • Chi non muore si rivede!

    muore rivede!

    Come dice un celebre detto "chi non muore si rivede!" e infatti eccomi qui dopo una lunga assenza dal blog. Sono ritornata! Questo fine anno ci si è messa... Leggere il seguito

    Da  Tricheco
    CULTURA, LIBRI
  • Wikipedia? Si, no, forse...

    Wikipedia? forse...

    Conoscete Philip Roth? E' sicuramente tra i più grandi scrittori viventi. Cito per tutti Ho spostato un comunista, ma la lista dei suoi libri in realtà è molto... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • Nessuno Si Salva Da Solo [Milano]

    Nessuno Salva Solo [Milano]

    16:44 E’ alle prime pagine e legge con attenzione: Nessuno si salva da solo della Mazzantini. Una donna di mezza età, con due borse. Una da lavoro e una da... Leggere il seguito

    Da  Librimetro
    CULTURA, LIBRI