Magazine Politica

Silvio ha una donna. Dududù

Creato il 17 gennaio 2011 da Massimoconsorti @massimoconsorti
Silvio ha una donna. DududùCon grande sollievo di mariti, padri, fratelli, nonni, zii e nipotini attaccatissimi alle zie che giocano con loro ai Pokemon, Silvio ha dichiarato a reti unificate (mentre Radio Vaticana rilanciava vie etere le sue parole nell’universo intero) che ha una donna. Ebbene sì. Berlusconi ha una relazione stabile con una signora iniziata subito dopo che la moglie lo ha buttato fuori di casa. Neppure il tempo di “elaborare” la separazione, come di solito si fa quando non si subiscono lutti veri, che si era già accasato altrove. Ora. Ci viene un sospetto. Ma se Silvio aveva una donna fissa, “stabile” come dice lui, perché non l’ha tirata fuori prima? Perché non lo ha fatto da quando sono scoppiati i suoi scandali sessuali? Perché forse lui è un gentiluomo e forse la donna che si onora di stare al suo fianco è sposata? Memore della storia romantica e proibita di Fausto Coppi con la “dama bianca”, Silvio Berlusconi, o forse meglio dire i suoi legali, hanno elaborato una strategia difensiva d’altri tempi convinti che il potere mediatico di Silvio sia sugli stessi livelli di qualche anno fa. Come accade a tutti i grandi personaggi del mondo dello spettacolo a partire dalle rockstar, Silvio che è amato, venerato, inseguito come fosse un novello Rodolfo Valentino, ha preferito tacere il suo rapporto “stabile” per non urtare la suscettibilità e la gelosia della sue migliaia...(migliaia?)...ma centinaia di fan sparse in tutta la penisola e perfino in Crimea e a Tripoli. “Io – avrà pensato Silvio – che sono molestato dalle donne che vorrebbero portarmi a letto dopo che Patty ha raccontato la furia che sono, non posso tradire le aspettative delle mie ammiratrici. Tutte ambiscono a farsi vedere con me, a stare con me, ad essere la mia preferita, come faccio a dire pubblicamente che amo perdutamente una donna e una sola?”. E così, consigliato anche da Mons. Fisichella che, pregando pregando alla fine un suggerimento dal padreterno lo ha avuto, si è messo davanti a una telecamera e ha annunciato pubblicamente il suo essere uomo fedele, occupato, onesto e pudico. Ma non solo, con fare grave e solenne, come quando ha annunciato l’esonero di Sacchi dal Milan, Silvio, guardando direttamente nelle palle degli occhi gli italiani, ha detto: “Non ho mai pagato una donna, lo considererei degradante”. E ha ragione. Solo che ha omesso un avverbio: “direttamente”. Perché come tutti sanno, il saldo delle prestazioni non lo ha mai fatto lui di persona, hanno provveduto di volta in volta Gianpi Tarantini, tenutarie, camerieri, chauffeur, Lele Mora, e bodyguard espressamente addestrati, come spiegare altrimenti il “consumatore finale” detto da quella volpe (il gatto è il collega Pietro Longo) di Niccolò Ghedini? Ovviamente le reazioni politiche non si sono fatte attendere. Il più laconico è stato Umberto Bossi il quale ha detto: “Silvio lasci stare i giudici, ha talmente tanti voti che se lo può permettere”, come a dire “andiamo a votare, pigliamoci la maggioranza assoluta e poi gliela facciamo vedere noi”. Bersani si è messo a piangere pensando al destino crudele delle minorenni in mano a Berlusconi, approfittandone per parlare dei bambini-soldato, della fame nel mondo e del turismo sessuale pedofilo e riscoprendo il terzomondismo degli uomini di sinistra, mente il più “acido” e diretto non poteva che essere Gianfranco Fini. Intervistato da Fabio Fazio a “Che tempo che fa”, il presidente della Camera ha sottolineato due concetti. Il primo: “Berlusconi vada in tribunale e si difenda davanti ai giudici dimostrando che le tutte le accuse sono una montatura”. Il secondo: “Ci stiamo sputtanando ancora di più agli occhi del mondo e poi dicono che Marchionne vuole andarsene dall’Italia”. Resta il fatto che noi che siamo umani e comprensivi, siamo felici di sapere che Silvio si è finalmente accasato e messo la testa a posto. La dama misteriosa ci sarà presentata terminato il casting del “Grande Fratello 14”.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog