Magazine

Smallville

Creato il 31 maggio 2011 da Beautysocialnerd
Smallville10 stagioni ed è giunta al termine questa bellissima serie.
Ciò che mi ha fatto seguire questa serie passo per passo è stato il fatto di conoscere la fine: Clark Kent diventa Superman. Volevo vedere e sapere come ci sarebbero arrivati.
La serie racconta le avventure del giovane Clark come da adolescente diventa un giovane uomo e un supereroe.
Episodio dopo episodio scopre i suoi poteri, si intrecciano amori e amicizie. Il rapporto con i genitori adottivi e con Jor-El. Il rapporto conflittuale con Lex Luthor (attore e personaggio molto affascinante).Tutto in un delicato incastro per arrivare a sviluppare il carattere di Superman.
Vederlo nel finale con il costume, vedere che accetta sia il suo lato umano che quello kryptoniano, accetta di mostrarsi. E' stato un finale emozionante che riempie di orgoglio.
La serie inizialmente l'ho seguita in tv in italiano, poi dalla settima stagione in lingua originale subita.
Sentendo le voci originali ho apprezzato ancora di più la serie. Non solo effetti speciali bellissimi, ma delle voci straordinarie.
L'attore che interpreta Clark ha una voce rassicurante che con l'evoluzione del personaggio matura con lui.
Zod ha una voce teatrale possente, non si può fare a meno di ascoltarlo rapiti dal suo tono vigoroso e profondo.
Lois Lane è un bellissimo mix di carattere forte e femminilità.
In questa serie ho visto una grande cura nei costumi. I colori più adatti ad ogni attore, un certo modello o taglio di tessuti per valorizzarne il corpo e le proporzioni.
Clark per 8 serie aveva sempre una maglietta blu o rossa poi si sono scurite sia le scene a Metropolis che i costumi di tutti.
Lois veste molto femminile con tacchi a spillo (vi ricordate Stiletto?) e camicie con maniche principessa (maniche a sbuffo) per rendere le spalle importanti più dolci. 
Tess Mercer con dei trench bellissimi.
Scene molto patinate, personaggi molto belli interpretati da attori molto belli e molto bravi che hanno saputo farsi amare dal pubblico.
Smallville

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog