Magazine Cinema

Somewhere

Creato il 03 settembre 2010 da Filmdifio
Somewhere
Non le è riuscito il poker d'assi. E mi dispiace molto. Perchè Sofia Coppola mi ha conquistata da subito. Primo film visto "Lost in Translation" ed è stato amore a prima vista. Poi vidi il primo che realizzò, "Il giardino delle vergini suicide". Infine "Marie Antoinette". Brava, brava, brava.Oggi a Venezia riesco ad accaparrarmi uno degli ultimi (ultimi ultimi eh....ne erano rimasti 6) biglietti per assistere alla proiezione di "Somewhere" che la figlia di Francis Ford presenta in concorso al Lido. Ci sono delle bellissime intuizioni, degli eloquenti silenzi, coraggiosi anche. In film sempre più "parlati", dove tutto si spiega, dove i dialoghi soffocano le immagini, ho trovato ammirevole la scelta di lasciare cullare lo spettatore dalle sole immagini, dai suoni "naturali", da poche parole. Lì c'è il tocco della Coppola, la sua eleganza, il suo romanticismo contemporaneo, delicato, quasi freddo. Purtroppo questo non riesce però a reggere il film. Protagonista un attore (ma sarebbe più semplice parlare solo di un uomo) dalla vita banalmente dissoluta e disorganizzata. Ha una figlia che vede poco e che è il secondo perno del film (la bambina è l'eccezionale Elle Fanning). La prima parte del film funziona bene, è nella seconda che sembra che la regista abbia avuto meno attenzione, meno cura nel definire personaggi e soprattutto trama. Il finale, da non svelare ovvio, è di un retorico e di un banale imbarazzanti. Però, appunto, l'inizio scorre bene. Sofia Coppola riesce come pochi a descrivere "l'intimo" di noi stessi, quello spazio indefinito tra l'ego di un uomo e il carattere che lascia trapelare all'esterno. La regista si prende il suo tempo, realizza lunghe immagini fisse, quasi dei mini piani sequenza, che esprimono bene la fissità del personaggio, il suo soffocante stato d'animo (geniale la scena della realizzazione della maschera per un set).Tra le righe anche l'Italia, uno sguardo non proprio edificante. C'è una cerimonia dei Telegatti (argh!), le Simone silicone Venture, il mondo trash della tv. C'è Laura Chiatti che come attrice non riesce a reggere il confronto con i colleghi americani, nonostante la piccolissima parte.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ieri ho visto somewhere e per un momento ho vissuto in una nuvola

    Ieri visto somewhere momento vissuto nuvola

    Andare al cinema per me significa immergermi per due ore in un'altra realtà. Il mio cervello si scollega, guardo il film, mi concentro,mi emoziono. Leggere il seguito

    Da  Rockandfiocc
    CINEMA, CULTURA
  • Movie not to be missed: somewhere

    Movie missed: somewhere

    Dalla sceneggiatrice/regista premio Oscar Sofia Coppola (Lost in Translation – L’Amore Tradotto, Il Giardino delle Vergini Suicide, Marie Antoinette)... Leggere il seguito

    Da  Mindthecap
    CINEMA, CULTURA
  • Somewhere

    Somewhere

    .... ciao papà?! ........ ciao Cleo?! ....Somewhere, a quattro anni di distanza da Marie Antoinette è l'ultimo film di Sofia Coppola. Leggere il seguito

    Da  Biancheggiando
    CINEMA, CULTURA
  • Somewhere è Leone d'Oro

    Somewhere Leone d'Oro

    E' il film targato Sofia Coppola il vincitore del Leone d'Oro alla 67 edizione del Festival di Venezia. L'opera ha convinto la giuria, presieduta... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Coppole e Tarantini - Ancora su Somewhere

    Coppole Tarantini Ancora Somewhere

    Non sarà per niente passato inosservato che a Venezia quest'anno il presidente della giuria Quentin Tarantino, amatissimo da tutti in tutto il mondo anche... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Somewhere

    Somewhere

    Cui prodest il nuovo film della Coppola? E' evidente che questo suo ultimo lavoro costituisca un ulteriore tassello della sua filmografia e trilogia (? Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Somewhere

    Somewhere

    Somewhere di Sofia Coppola è il film vincitore della 67esima Mostra del Cinema di Venezia. Una Ferrari nera ultimo modello sfreccia su una distesa di sabbia... Leggere il seguito

    Da  Zarizin
    CINEMA, CULTURA