Magazine Cultura

Sotto lo sguardo del Marco Aurelio

Creato il 11 novembre 2010 da Pioggiadinote

Sotto lo sguardo del Marco Aurelio

Il suono del pianoforte di Luis Bacalov è rotondo e carezzevole allo stesso tempo. Echeggiando dolcemente, corre e riempie l’aria della grande aula vetrata – il vecchio giardino dei Conservatori – che ospita i reperti più preziosi dei Musei Capitolini al Campidoglio. Quel suono coglie di ogni frase l’essenza pura, ne declina le sfumature con raffinato e sapiente equilibrio, senza nulla trascurare ma anche senza perdersi dietro le pose ammiccanti dei tangueri. Echeggiando avvolge la statua bronzea del Marco Aurelio, le nervature possenti dell’Ercole in bronzo dorato, la mano colossale del Costantino che così disposta sembra uscire dal terreno. Poi si posa sulle mie mani intirizzite dal freddo, e all’improvviso mi assale una radiosa voglia di suonare tutti i tanghi del mondo, specialmente quelli di Bacalov e Piazzolla, ma anche di scriverne qualcuno nuovo.

…E poiché di questi tempi ho un rapporto nuovo con le percussioni, generato anche dal mia pratica quotidiana di esecutore per la danza, quella sera mi ha subito colto anche un gran desiderio di disporre di un set come quello di Daniel Bacalov per quell’occasione: un insieme di strumenti per ottenere suoni morbidi e curvi, corredato di qualche ospite dal timbro speciale, come le campanine tubolari  dalla tessitura acutissima, che coloravano di tanto in tanto alcune cadenze con un tintinnio di suonini commoventi e leggiadri. Ecco, non posso dimenticare che quando il pianoforte non era solo, era accompagnato anche dal contrabbasso di Giovanni Tommaso: con un apporto anche qui interessante, che  sondava le possibilità timbriche dello strumento al confine tra il jazz  e i linguaggi contemporanei colti.

Il programma, come accennato, disegnava un percorso nella storia del tango, a partire dalle rivisitazioni sperimentali dello stesso Bacalov, fino ai classici e a Piazzolla.

Sopra tutto, la mente e il carisma di un musicista invidiabile per fecondità, freschezza del linguaggio e lucidità interpretativa, appunto quella di Luis Bacalov.

Ancor più sopra lo sguardo troppo fiero – per i tempi nostri, s’intende – del Marco Aurelio sul suo nobil destriero.

 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista a Marco Missiroli

    Intervista Marco Missiroli

    Di Morgan Palmas Marco Missiroli e il metodo Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Sotto accusa

    Sotto accusa

    Ieri ho acceso la tv dopo parecchio tempo che non lo facevo. In seconda serata hanno trasmesso Sotto accusa, un film che vale la pena vedere. Sotto accusa è un... Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    CINEMA, CULTURA, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Leggere sotto l'ombrellone

    Leggere sotto l'ombrellone

    Oggi ho fatto un giro in libreria, naturalmente non sono riuscita ad uscirne a mani vuote, ma mi sono limitata ad un libro solo.....anche se mi piacevano tutti... Leggere il seguito

    Da  Weirde
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Marco Pavin: monografia

    Marco Pavin: monografia

    BiografiaIntervista con Empedocle70- parte prima - parte seconda- parte terza- parte quartaRecensione di Electric Dreamhttp://feeds.feedburner. Leggere il seguito

    Da  Empedocle70
    CULTURA, MUSICA
  • Libri sotto l’ombrellone

    Libri sotto l’ombrellone

    Dopo lo sciroppo americano Dan Brown eccomi sotto l’ombrellone con un drink nostrano, verace e corposo: Indro Montanelli e i suoi “Conti con me stesso” cioè i... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a marco mazzanti

    Intervista marco mazzanti

    Cari lettori, dopo una lunga attesa rieccomi qui per una nuova intervista. Questa volta l'autore sottoposto alla mia dolce tortura è Marco Mazzanti autore roman... Leggere il seguito

    Da  Alessandraz
    CULTURA, LIBRI
  • Marco Buticchi - L'ordine irreversibile

    Commento personale Questa famiglia Rochas non riesce a prendere le mie simpatie. Non che ne abbiano bisogno, visto che hanno già tutto, perfezione compresa. Leggere il seguito

    Da  Vomitoergorum
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog