Magazine Media e Comunicazione

"Spaghetti Story" in sala dal 19 dicembre un film di Ciro De Caro

Creato il 30 novembre 2013 da Nicoladki @NicolaRaiano
SINOSSI
Valerio è un bravo attore, ma si arrangia con impieghi part-time nell’attesa di poter vivere del proprio lavoro. Il suo amico Scheggia vive ancora con la nonna, ma sa già come crearsi “una posizione”. Serena è una studentessa, ma vorrebbe costruire una famiglia con Valerio. Giovanna lavora come massoterapista, ma sogna di diventare chef di cucina cinese. Quattro giovani adulti dei nostri giorni, che sembrano avere le idee chiare su chi sono e cosa vogliono ma di fatto restano ingabbiati nei propri schemi mentali. Ognuno giudica l’altro, ed è cieco di fronte alle proprie esigenze e potenzialità. Quando la giovane prostituta cinese Mei Mei entra a far parte delle loro vite, tutto cambia rapidamente…
IL REGISTA – Ciro De Caro 
Ciro De Caro è nato a Roma nel 1975. Ha studiato presso la facoltà di Scienze della comunicazione (Sapienza, Roma) dove ha poi coordinato il laboratorio di produzione CUT, creato da Alberto Abruzzese (preside della facoltà) e diretto da Enzo Papetti (docente di cinema). Nell’ambito del laboratorio realizza cortometraggi e video che saranno acquistati e messi in onda da Sky, sul canale Cult Network. Successivamente inizia a lavorare nel settore pubblicitario, realizzando numerosi spot: un’esperienza fondamentale, che gli consentirà di sviluppare uno stile veloce, semplice ed essenziale, e gli darà modo di sperimentare nuovi linguaggi: lo spot sociale Adotta una cellula, da lui diretto, è stato tra i primi in Italia a essere girato in 3D. Lo spot fa il giro del mondo e raccoglie numerosi premi e riconoscimenti. Nel 2013 arriva l’esordio nel lungometraggio, con il film Spaghetti Story.
NOTE DI REGIASpaghetti Story è un film totalmente indipendente, in cui ho voluto raccontare la mia generazione, troppo spesso dimenticata dalle commedie giovanili che vanno per la maggiore. È un film low budget, anzi, sarebbe più corretto dire no budget: ho preferito agire piuttosto che restare in attesa di un vero e proprio finanziamento, non ho voluto correre il rischio che il film non vedesse mai la luce. Troppo spesso, infatti, nell’attesa di opzionare un attore famoso per invogliare un produttore a investire o ricevere i fondi che non arrivano, i film non vengono prodotti, e le storie che dovrebbero raccontare la “nostra storia” non vengono raccontate.
Spaghetti Story entra nelle vite dei giovani adulti di oggi e ne fa un ritratto onesto, veritiero, ironico ed emozionante. Racconta di ragazzi che conducono vite dagli orizzonti circoscritti, che hanno animi non ancora corrotti, non ancora gretti e, seppur costretti in problemi più grandi di loro, scelgono di correre in aiuto di chi si trova in difficoltà. Spaghetti Story rappresenta la mia generazione non solo per quel che racconta, ma anche e soprattutto per il modo in cui è stato realizzato. È un film molto semplice, girato con l’attrezzatura che poteva entrare nel bagagliaio di un’auto, con una sola ottica (un 50 mm), in soli undici giorni, tra difficoltà e imprevisti che, alla fine, si sono rivelati il vero valore aggiunto, poiché hanno stimolato la creatività e la ricerca di nuove soluzioni. L’uso quasi esclusivo di un solo campo, della macchina a mano, la relativa scelta di pochissimi primi piani e di molti tagli interni (funzionali, ma perfetti per come intendevo raccontare la storia), si rivela essere non solo un’esigenza imposta dalla povertà dei mezzi ma una scelta funzionale, necessaria al racconto di questa particolare storia. Il titolo, non a caso, fa riferimento a un modo tutto italiano di fare le cose, “spaghetti”: semplice, economico, anche povero se vogliamo, ma non per questo privo di creatività, ingegno, passione. Un modo per far sì che, in questo periodo di crisi, le storie non restino nei cassetti e che i film mainstream non siano i soli a vedere la luce; una delle possibili vie per evitare che la creatività soccomba alla mancanza di risorse.
Mi piacerebbe molto che, guardando questo film, altri registi (giovani e meno giovani) si sentano invogliati a seguire la mia stessa strada, scavalcando i falsi ostacoli e guardando alla mancanza di mezzi non come un limite ma come un’opportunità, che ne stimoli ancor più l’inventiva e ne garantisca la libertà di espressione.
CAST ARTISTICO & TECNICO Valerio Di Benedetto – nel ruolo di Valerio
Si diploma in arte drammatica presso l’accademia Teatro Azione di Roma. La sua carriera inizia a teatro ma ben presto si arricchisce delle più variegate esperienze: in pubblicità come in TV, in web serie di successo come nei cortometraggi. Il sodalizio artistico con Ciro De Caro prende vita dal cortometraggio Salame Milanese, del quale è attore protagonista. Spaghetti Story segna il suo esordio sul grande schermo.
Cristian Di Sante – nel ruolo di Scheggia 
Il suo iter formativo da attore è eterogeneo, comprende una formazione sia teatrale che cinematografica. Matura esperienze professionali in spettacoli teatrali, cortometraggi, serie web. Nel 2002 è protagonista del cortometraggio Spaghetti Odio di Ciro De Caro, nel ruolo di Scheggia. A dieci anni di distanza torna a dar vita allo stesso personaggio in Spaghetti Story, il film che segna il suo esordio al cinema.

Sara Tosti – nel ruolo di Serena
Diplomata nel 2005 al Centro Sperimentale di Cinematografia, Sara Tosti ha maturato una nutrita carriera in ambito teatrale. Le sue esperienze come interprete spaziano dalla TV ai cortometraggi, dalla narrazione radiofonica alla pubblicità. L’esordio al cinema arriva nel 2008 con il ruolo di Sofia nel film Giulia non esce la sera di Giuseppe Piccioni.

Rossella D’Andrea – nel ruolo di Giovanna
Studia recitazione cinematografica presso la New York Film Academy di Los Angeles e si diploma in arte drammatica presso l’Accademia Teatro Azione di Roma. La sua carriera inizia nell’ambito dell’audiovisivo: interpreta spot, fiction tv, cortometraggi, videoclip e docu-fiction, per poi esordire al cinema nel 2006 con il film Mare Nero di Roberta Torre. Prosegue in ambito teatrale e nel doppiaggio. È anche sceneggiatrice e autrice.

Davide Manca – direttore della fotografia
Si è formato al Centro Sperimentale di Cinematografia. Spaghetti Story è il suo terzo lungometraggio. Ha esordito con il film Et In Terra Pax, premiato nel 2010 al festival di Venezia. Ha firmato la fotografia di numerosi videoclip, spot pubblicitari e documentari.

Alessandro Cerquetti – montatore
Ha un’esperienza trentennale come montatore. Si forma all’Istituto d’Arte di Roma e inizia a lavorare come montatore su moviola tradizionale. Ha montato numerosi film, documentari, videoclip e spot pubblicitari. Ha collaborato con registi italiani e stranieri, come Tony Scott, Giuseppe Tornatore e Bernardo Bertolucci.
 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Caro Nicolas… Christine L.

    Caro Nicolas… Christine

    Appena sveglio ho letto la lettera della Lagarde (Direttrice del Fondo Monetario Internazionale) a Sarkozy (al tempo della lettera ancora Presidente della... Leggere il seguito

    Da  Simodisordina
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Mio Caro Diario

    La valigia dei ricordi è un bagaglio inesauribile. Ogni giorno,ogni ora qualcosa va riempiendola infilandosi nei pochi spazi rimasti in quell'infinito che è la... Leggere il seguito

    Da  Doppiogeffer
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI, UNIVERSITÀ
  • O mio Puccini caro...

    Dai Duran Duran agli U2. Da The Clash a The Doors passando per Metallica e Gun's n' Roses. Senza dimenticare David Bowie e Brian Ferry e i Queen: la musica e'... Leggere il seguito

    Da  Mrs Garrick
    CULTURA
  • Summer spaghetti

    Summer spaghetti

    Un classico che quasi mi vergogno a pubblicarlo, direi che quasi tutti (almeno quelli che si cimentano in cucina) sanno preparare gli spaghetti ai frutti di mar... Leggere il seguito

    Da  Aurore
    CUCINA, RICETTE
  • Caro diario...

    Mercoledí 26 Giugno - CINEMA. Le lettere e i giorni (odio_via_col_vento)Al cinema ci vado poco, anzi pochissimo con quello che costa nelle zone centrali di... Leggere il seguito

    Da  Mrs Garrick
    CULTURA
  • Caro editore ti odio

    Caro editore odio

    Non ci sono. Come ogni anno durante l’estate io e mio marito facciamo vacanze separate per consentire alle bambine di stare lontane da Milano il più a lungo... Leggere il seguito

    Da  Martinaframmartino
    CULTURA, LIBRI
  • Un “Benvenuto Granata” a: Ciro Immobile.

    “Benvenuto Granata” Ciro Immobile.

    Ufficialmente finito il tormentone Ogbonna, è arrivato ora il momento per Ciro Immobile di accasarsi al Torino! Ciro è nato a Torre Annunziata il 20 febbraio... Leggere il seguito

    Da  Maurocanavese
    CALCIO, SPORT