Magazine Rugby

Spazio Elettorale – Franco Ascantini e il problema della formazione

Creato il 23 agosto 2012 da Ilgrillotalpa @IlGrillotalpa

Spazio Elettorale – Franco Ascantini e il problema della formazioneFranco Ascantini è uno dei grandi nomi del rugby italiano. Giocatore, allenatore, dirigente e mille altre cose. Avercene. Ascantini alle prossime elezioni federali si presenta come candidato a consigliere federale in quota tecnici, appoggiando la corsa a presidente di Gianni Amore. Mi ha scrito una lettera aperta che vi giro. Io intanto rinnovo l’invito a tutti i candidati di ogni schieramento: se volete parlare da questa piccola tribuna, non avete che da contattarmi.

Ciao Paolo come ho già scritto ritengo che il mio vecchio amico Dondi con cui ho lavorato come tecnico federale negli anni ottanta sicuramente ha fatto un ottimo lavoro nel rapporto con tutte le altre federazioni, con il mondo importante del rugby. Otttimo rapporto con il Coni grande capacità di rapportarsi con televisioni e sponsor tutto a grande vantaggio del nostro mondo.Basta pensare ai 70.000 spettatori all’OLIMPICO. In quella occasione io mi sono commosso ho pianto. Tutto questo è un dato di fatto indiscutibile e tutti dobiamo ringraziarlo. Il punto su cui ho avuto sempre da ridire è che in questi anni non si è mai pensato ha far crescere la scuola rugbystica italiana. Scusa il mio dire si è costruita una scuola tecnica di yes-man sempre pronti a modificare la loro convinzioine tecnica a seconda del tecnico straniero in arrivo. Manca completamente il lavoro di base . I tecnici regionali non collaborano con presenza costante in particolare con le piccole società. Usano solo il metro e la bilancia per segnalare dei giocatori giovani che poi finiscono nelle Accademie.
Mancano nelle società gli educatori che sappiano, rispettando i giovani nella loro evoluzione, arricchendoli di destrezza e di tecnica individuale e collettiva. QUESTO è IL VERO PROBLEMA CHE SI EVIDENZIA DRASTICAMENTE quando i nostri giovani grossi e forti competono a grosso livello.
Caro Paolo c’è anche un altro grande problema il numero dei giovani che giocano: pensa per poter fare il campionato giovanileUNDER 19 si devono far giocare insieme i 17/18/19 e 20 enni con tutti i problem evidenti tra un uomo e un ragazzo. Ci sarebbe tanto altro da dire che puoi trovare sui vari siti. Qeste sono le mie considerazioni di cui sono profondamente convinto e che ho sempre trasmesso.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :