Magazine Creazioni

Spettacolo degli Sbandieratori

Da Kyracrochet @kyrawolf
20 giugno 2011, Fabriano - Come da programma, all'interno del 17° Palio di San Giovanni Battista che si svolge a Fabriano (AN), si sono esibiti in Piazza del Comune due gruppi di Sbandieratori e Musici, quelli "da Varano" e quelli di Corinaldo.
GRUPPO SBANDIERATORI E MUSICI "DA VARANO" (MUCCIA)Spettacolo degli Sbandieratori
Gli Sbandieratori e Musici “Corsa alla Spada e Palio” – al tempo “Sbandieratori e Musici DA VARANO” - sembrano vantare inequivocabilmente il legame con la manifestazione camerinese annuale dedicata alle celebrazioni in onore di San Venanzio - patrono della città - avendone il gruppo stesso mutuato il nome. In realtà, la prima ha un’origine abbastanza lontana nel tempo, se si considera che la sua data di inizio può essere collocata nel 1969, ovvero molto prima che le feste dedicate al Santo protettore di Camerino venissero ripristinate.Era il 1969 quando l’allora presidente dello “Junior Club” di Muccia, il signor Luigi Petini, invitò il professor Aringoli, docente di educazione fisica presso le scuole medie del paese, ad istruire i suoi allievi al gioco di bandiera, così da poterli in seguito proporre come gruppo sbandieratori da inserire attivamente nella manifestazione muccese, il Trofeo Spinabello. Il Trofeo Spinabello rappresentò per ben tre anni la possibilità di esibirsi, sempre con tanta emozione, nel suggestivo scenario del proprio paese, Muccia. Dopo la fondazione del primo nucleo del gruppo, i fratelli Angelo e Giuseppe Reversi si sono adoperati personalmente affinché la bandiera entrasse ufficialmente a far parte della cultura locale di Muccia e delle zone limitrofe.Nel 1971, Luigi Petini, Renzo Riccioni ed Angelo Reversi decisero di dare una svolta positiva al gruppo. Il primo passo fu la proposta di organizzarsi al fine di condurre il gruppo fuori dal paese, per partecipare ad altre manifestazioni anche non locali, preferibilmente in cui gli sbandieratori fossero figure tematiche centrali. Pertanto si recarono a Città della Pieve dove operava un esperto gruppo di sbandieratori, dove presero parte ad una lezione intensiva dedicata alla pratica della bandiera ed all’acquisizione dei segreti necessari per usarla con dimestichezza.Il contatto con i giovani di Città della Pieve si rivelò indispensabile anche per avere delle indicazioni sull’acquisto di nuove e moderne bandiere, dato che i giovani muccesi fino ad allora si erano sempre esibiti con drappi artigianalmente fissati a manici di scopa. Su consiglio dei colleghi umbri, a Siena furono acquistate le prime aste professionali. Anche il look fu rimodernato e i vecchi abiti furono sostituiti con vestiti di velluto. Iniziava così a prendere forma un gruppo sbandieratori a tutti gli effetti.Le prime uscite del gruppo ebbero come scenario feste e manifestazioni organizzate nei paesi limitrofi: tra gli iniziali appuntamenti si esibirono a Pievebovigliana e furono ospiti ad una festa di quartiere a Tolentino.Il 1982 fu denso di appuntamenti importanti per il gruppo muccese. Ad agosto si esibirono a San Ginesio in occasione della Giostra dell’Anello, finalizzata a reperire fondi per autofinanziare i nuovi vestiti che poi furono realizzati dal noto stilista camerinese Giovanni Cito (e che sono per la quasi totalità ancora utilizzati dal gruppo odierno).All’anno dopo, il 1983, risale la prima partecipazione alla Giostra della Quintana di Foligno. Visto il severo regolamento della Giostra della Quintana folignate per quanto riguarda la gestione dei figuranti, fu necessario dare avvio ad un gemellaggio – durato qualche anno - tra il comune di Muccia e quello di Foligno, così da permettere al gruppo sbandieratori di sfilare ed esibirsi pur non essendo composto da persone residenti nel Comune di Foligno. Nel 1985 parteciparono al Festival dei Due Mondi di Spoleto in rappresentanza della Giostra della Quintana di Foligno.Nel frattempo iniziò la collaborazione con la Corsa alla Spada e Palio di Camerino ed in rappresentanza della stessa, il gruppo partecipò al Trofeo Marzocco di Firenze, una gara tra sbandieratori d’Italia che quell’anno vide sfidarsi tra loro alcuni gruppi tra cui Camerino, San Marino e Firenze.Nel 1995, il Terziero di Sossanta propose di individuare alcuni ragazzi da proporre come sbandieratori del Terziero in questione.Il gruppo è stato supportato per l’intera durata della formazione dai tamburini del Torneo delle Guaite di Visso, ed è stato coinvolto ad eventi importanti e stimolanti per l’attività del gruppo. Per due anni i ragazzi si sono esibiti nella Giostra della Quintana e a Porto Recanati per la Corsa del Palio Storico di San Giovanni; in virtù di un gemellaggio tra città, gli sbandieratori hanno giocato con la bandiera nella città di Udine; inoltre sono stati ospiti delle rievocazioni di Visso e Bolognola, nonché presenti ad altre celebrazioni organizzate nelle zone limitrofe.Tuttavia nel 1998, anche l’ultima formazione costituitasi si è disgregata, ed il gruppo sbandieratori di Muccia si è ufficialmente sciolto. Nel 2004, Riccardo Reversi ha ricostituito il gruppo, promuovendosene coordinatore.La formazione attuale è in parte rimasta invariata dal 2004. Sotto la direzione e la coordinazione di Reversi, la partecipazione a vari eventi si è ampliata e si è estesa anche al di là della Corsa alla Spada e Palio, che rappresenta comunque uno degli eventi centrali: solo per ricordare alcune, Narni e Prato (2004), Avila (2005), San Marcello di Iesi (2006), Bono, paese della Sardegna (2008), Gagliole (2009). Dall’anno 2005 è iniziata un’amichevole collaborazione con il Gruppo Tamburini Palio del Serafino di Sarnano; dal 2006 gli Sbandieratori si esibiscono alla Giostra della Quintana di Foligno al seguito del Rione La Mora, per la Sfida di giugno e la Rivincita di settembre; dal 2007 il gruppo collabora con gli spadaccini della Compagnia del Grifone della Scala di San Severino Marche. Oltre agli sbandieratori e ai tamburini, dal 2009 sono state inserite le nuove figure dei musici, che con chiarine, flauti e ottavine accompagnano le esibizioni.Il “Gruppo Sbandieratori e Musici DA VARANO” attualmente è composto da 24 elementi.
[foto e fonte: Gruppo Sbandieratori e Musici "Da Varano"]
Guarda l'esibizione del gruppo Sbandieratori e Musici di Varano del 20 giugno 2011 a Fabriano durante il 17° Palio di San Giovanni.
SBANDIERATORI E TAMBURI "L'ARABA FENICE" (CORINALDO)Spettacolo degli SbandieratoriLa compagnia degli alfieri di Corinaldo si costituisce nel 2004 forte dell'esperienza di ragazzi provenienti da altre associazioni andando a creare l'Accademia di Alto Maneggio della Bandiera che viene affidata alla scuola del coreografo e maestro di bandiera Giovanni Nardoni da Ascoli Piceno.Nel 2007 si viene a creare anche il gruppo tamburi guidato da Daniele Maori.La compagnia sbandieratori attraverso il recupero degli antichi manuali di maneggio della bandiera, editi in Italia ed in Germania ad opera di insigni maestri d'arme della prima metà del Seicento quali Francesco Ferdinando Alfieri "La bandiera", Rennen ed Hussler "Nuovo modo artistico di manovrare le bandiere", confeziona esibizioni di giochi di bandiere di grande valore spettacolare che coniugano perfettamente il valore tecnico dei rigidi manuali militari con l'esigenza espressiva di far diventare il gioco medesimo un veicolo di trasmissione di emozioni e sensazioni legate ai temi fondamentalmente dell'animo umano.La conseguenza di ciò è che vicino ad esibizioni di tipo rigorosamente storico, eseguite con spada e bandiere viene sviluppata un'intensa esperienza plastico-narrativa.Quest'ultima permette alla Compagnia Sbandieratori di offrire non solo spettacoli da parata o esibizioni diurne e notturne con spade, picche e torce accompagnate dal ritmo incessante e travolgente del gruppo tamburi, ma anche esibizioni teatrali di grande valore spettacolare e scenografico, in cui l'abilità tecnica dei rigidi manuali militari viene perfettamente coniugata con l'intento principale del gruppo, cioè quello di voler comunicare al pubblico emozioni e sensazioni sempre intense e diverse.Il gruppo sbandieratori L'Araba Fenice propone spettacoli interamente articolati sull'uso espressivo di giochi di bandiere accompagnati da una colonna sonora travolgente fatta di motivi medievali, prerinascimentali e moderni, da particolari effetti scenici suggestivi e coreografici, spade infuocate, giochi di luci e fumo, effetti pirotecnici che creano un'atmosfera surreale adatta a raccontare fatti, storie e leggende appartenenti per lo più al periodo medioevale e rinascimentale.A fianco dell’attività legata agli spettacoli interpretati, i ragazzi della Compagnia sbandieratori portano avanti da sempre la Scuola di Bandiera per i giovani.In questo contesto gli sbandieratori più grandi insegnano agli sbandieratori più piccoli prima i lanci base dell’Accademia Picena di Alto Maneggio della Bandiera della scuola di Giovanni Nardoni da Ascoli Piceno; si passa poi a giochi coreografici più complessi da riproporre in esibizioni con l’ausilio dei tamburi; dopo qualche anno i giovani iniziano a preparare degli spettacoli su basi musicali.Oltre che in diverse città in Italia, il gruppo di Corinaldo si è esibito anche in Australia, Spagna, Portogallo, Francia e Slovenia.
[foto e fonte: Sbandieratori e Tamburi "L'Araba Fenice"]
Guarda l'esibizione del gruppo Sbandieratori e Tamburi "L'Araba Fenice" (Corinaldo) del 20 giugno 2011 a Fabriano durante il 17° Palio di San Giovanni.
- Kyra - 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines