Magazine Maternità

Sprechen sie Deutsch?

Da Cherryplum

Sprechen sie Deutsch?Oggi vorrei essere nata in Germania. Capelli biondo cenere. Crautofaghia. Birkenstock ai piedi.Quanto meno vorrei trovarmici in pianta stabile. Casa. Lavoro. Vada pure per il maritino alcolizzato con la panza. Tutto, per non dover considerare le conseguenze, e poter seguire il mio istinto.
Zero pensieri. Il vuoto in testa.Perché è così che si fa.

Perché, prima o poi, succede. Che t’accorgi tutto d’un botto che è già passato un anno. E che il fantasmagorico rientro al lavoro s’avvicina. Ho scelto di prendermi tutto il tempo possibile: maternità facoltativa, e una piccola aspettativa. Ma adesso non mi sembra abbastanza.Ho praticato l’attachment parenting senza sapere cosa fosse, ovviamente in una modalità che si confà ai ritmi di casa mia. Ho sempre cercato di rispondere alle esigenze di mio figlio. Allattando a richiesta. Portandolo nella fascia. Tenendolo stretto ogni volta che ne aveva bisogno.Cercando di non dimenticarmi troppo di me stessa.

Vorrei continuare a farlo. Vorrei che una donna avesse la facoltà di poter scegliere. In entrambi i sensi. Che desideri rientrare sin da subito al lavoro o che voglia restare qualche mese in più a casa.Senza pensieri. Il vuoto in testa.Perché è così che si fa.
Postilla. In Germania la maternità obbligatoria (6 settimane prima del parto, 8 dopo) è pagata al 100%. La facoltativa dura 12 mesi, al 67% dello stipendio. Dopo la facoltativa una donna può scegliere di restare a casa con il proprio figlio fino ai 3 anni, a stipendio zero, e la ditta è obbligata a conservarle il posto.Come casalinga, una donna percepisce dallo Stato 500,00 euro al mese, come sostegno per potersi dedicare interamente alla famiglia, più altri bonus a seconda del numero di figli.Il lavoro da casa è appoggiato. Il telelavoro una realtà.
Avete parolacce in canna? Sparate pure.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines