Magazine Cultura

Station Dysthymia – Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out

Creato il 22 luglio 2013 da Iyezine @iyezine
Station Dysthymia – Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out – Grande Funeral Doom Dalla Siberia - Solitude Productions &l;
  • HOME
  • recensioni
    • Indie
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Pop / Folk
    • Elettronica
    • Metal
  • articoli
  • news
  • libri
  • interviste
  • podcast
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Elettronica
  • 7 pollici
  • BESTof2011
    • BESTof2010
    • BESTof2009
    • BESTof2008
    • BESTof2007
  • archivio
    • Archivio2012
    • Archivio2011
    • Archivio2010
    • Archivio2009
    • Archivio2008
    • Archivio2007
  • chi siamo
  • contatti

Recensione

Home > Recensioni > Station Dysthymia – Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out

http://www.iyezine.com/media_foto/2013/station.jpg metal Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out Station Dysthymia

Station Dysthymia – Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out

22 Luglio 2013 A cura di:

Stefano Cavanna

Station Dysthymia - Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out

Station Dysthymia
Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out

2013 - Solitude Productions
Voto : 8.50 / 10

Tag: funeraldoommetal funeraldoommetal

2013-07-22 00:00:00 Stefano Cavanna

Dire Siberia e rabbrividire per un attimo anche in piena estate è un tutt’uno, così come lo è immaginare che i musicisti provenienti da quelle parti possano essere naturalmente predisposti a sonorità tutt’altro che solari.

Luoghi comuni a parte, gli Station Dysthymia da Novosibirsk, con questo loro splendido secondo disco, si pongono all’attenzione degli appassionati di funeral doom, collocandosi sulla scia dei magistrali Esoteric.
L’accostamento con la band britannica invero non è causale, se pensiamo che Greg Chandler ha curato in prima persona la resa sonora di Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out.
Va chiarito subito che il riferimento agli Esoteric ha la sola funzione di fornire un termine di paragone più o meno attendibile a chi si vuole avvicinare a questo monolitico lavoro: in realtà il sound dei siberiani possiede una propria peculiarità anche se, in una band di formazione relativamente recente, la presenza di influenze più o meno significative va a maggior ragione tollerata.
Il disco trae il suo lungo titolo dal romanzo di Athur C.Clarke “I nove miliardi di nomi di Dio” e questo, in qualche modo, indirizza anche le tematiche fantascientifiche che permeano il lavoro: ovviamente non è difficile immaginare che, anche nella visione dei nostri, il futuro del genere umano sia tutt’altro che roseo.
Un’ora e dieci di ritmi pachidermici si abbattono su chi possiede la passione e la pazienza per ascolti di questo tipo: la prima, mastodontica traccia intitolata A Concrete Wall dura quasi trentacinque minuti e, da sola, basterebbe e avanzerebbe per definire questo lavoro un must per gli habituè del genere.
Nell’occasione, lo stile degli Station Dysthymia non mostra la pur minima apertura a passaggi melodici basando tutto sulla profondità dei suoni e sull’impatto ossessivo capace di infrangere qualsiasi tentativo di resistenza psichica: l’ultimo quarto d’ora del brano è qualcosa difficile da descrivere, tale è lo straniamento che è in grado di provocare.
La successiva Ichor non è assolutamente da meno, anche se ci viene concesso di intravedere qualche fioco bagliore di luce, grazie a una tastiera che talvolta riesce a farsi timidamente largo tra il cupo riffing delle
chitarre: francamente un brano splendido che, in virtù di una durata dimezzata rispetto alla traccia precedente, sembra persino dotato di un (relativo) dono della sintesi.
Il finale è riservato a Starlit, suddivisa in due parti , nella quale un’aura malinconica attenua non poco i toni claustrofobici che, fino a questo punto, avevano contraddistinto il disco: una conclusione degna per un’opera di grandissimo pregio, che ci consegna un’altra band in grado di affiancarsi a pieno titolo ai nomi di maggior spicco della scena funeral.
Tracklist :
1. A Concrete Wall
2. Ichor
3. Starlit: A Rude Awakening
4. Starlit: We Rest at Last
Line-up :
O. - Drums
S. - Guitars
A. - Guitars
B. - Vocals, Bass
STATION DYSTHYMIA - Facebook

Commenti:

Al momento non ci sono commenti. Lascia il primo commento completando il form qui sotto.

Cosa ne pensi ? Lasciaci un commento.....

Nome* Email Commento* La capitale d'italia?* (write 'roma' minuscolo)

Secondo noi potrebbe piacerti anche:

Krief De Soli-munus Solitudinis

krief

Estrangement - Beneath Belong

Estrangement - Beneath Belong

Abstract Spirit - Theomorphic Defectiveness

Abstract Spirit - Theomorphic Defectiveness

Ultimi post:


22 Luglio 2013

IYEcast Guestmix Ep16-Regen

22 Luglio 2013

Invinofender
A Foolish Rush

22 Luglio 2013

LIVE REPORT : Orange Goblin -

22 Luglio 2013

Alberto Montero
Puerto Principe

22 Luglio 2013

My Tin Apple
The Crow’s Lullaby

22 Luglio 2013

Station Dysthymia
Overhead, Without Any Fuss, Th

22 Luglio 2013

Acacia
Tills Doden Skiljer Oss At

19 Luglio 2013

Nima Marie
Woollen Cap

19 Luglio 2013

Demonic Death Judge
Skygods

19 Luglio 2013

Madame Blague
Pit-A-Pat


Station Dysthymia – Overhead, Without Any Fuss, The Stars Were Going Out

Altre Sezioni:
Netlabels
Tour Diaries
Cinematic Blog
Riviera 2011

In Your Eyes:
Contatti
Chi Siamo
Sitemap
Iscriviti alla Newsletter
Web Design

Social:
Facebook
Gruppo di Facebook
Twitter
Feed Rss


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The stars (Are Out Tonight), il nuovo singolo di David Bowie

    stars (Are Tonight), nuovo singolo David Bowie

    Dopo l'enorme successo raggiunto con il singolo Where are we now, David Bowie torna a deliziare i fan con un nuovo video, diretto da Floria Sigismondi. Leggere il seguito

    Da  Valentina Orsini
    CULTURA, MUSICA
  • The stars (are out tonight) - david bowie

    Dopo la meravigliosa "Where are we now??" la conferma, se mai ce ne fosse bisogno, che il Duca è tornato ed è in forma smagliante....welcome back mr Bowie! Leggere il seguito

    Da  Beatrixkiddo
    CINEMA, CULTURA
  • Any Given Monday al Qube

    Given Monday Qube

    Il lunedì a Barcellona, Londra, Berlino, San Francisco e in molte altre città non è un giorno come gli altri. Accantonati i monotoni impegni e le incombenze... Leggere il seguito

    Da  Simonilla
    CONSIGLI UTILI, CULTURA, EVENTI, LIFESTYLE
  • Get'em out!

    Get'em out!

    Ho potuto constatare più volte, negli ultimi mesi, come l’amore sviscerato per il mondo dei Genesis non sia per nulla affievolito. Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA, OPINIONI
  • Jah Station @ Sonar

    Station Sonar

    Musica reggae a Firenze Sabato 6 aprile 2013 – ore 22.30 Jah Station meets Iration ft. Dreadmovement >>IRATION STEPPAS Mark Iration è sempre stato un... Leggere il seguito

    Da  Wfirenze
    CULTURA, EVENTI, VIAGGI
  • Stars & stripes | melania de leyva

    Stars stripes melania leyva

    Succede a Treviso... STARS STRIPES20 OPERE di MELANIA DE LEYVA dal 6 al 18 aprile 2013 Le 20 opere (tra fotografie, poster e istallazioni) in mostra sono un... Leggere il seguito

    Da  Roberto Milani
    ARTE, CULTURA
  • “EARTH/STARS” | Paolo Maggis

    “EARTH/STARS” Paolo Maggis

    Paolo Maggis a Palazzo Panichi E’ Pietrasanta (LU) la città scelta da Paolo Maggis per completare il progetto “EARTH/STARS”, con il ciclo “Stones” che sarà... Leggere il seguito

    Da  Roberto Milani
    ARTE, CULTURA

Magazine