Magazine Tecnologia

Steve Jobs avrebbe predetto anche l’arrivo della VR

Creato il 04 novembre 2014 da Oculusriftitalia

Spesso si sente dire che Steve Jobs fosse un genio e un pioniere della tecnologia. Ciò che forse non tutti sanno è che nell’ormai lontano 1983 aveva profetizzato il passaggio dai “vecchi media” ai “nuovi media”.

Negli anni ’80 i “nuovi media” sono quelli che oggi vengono considerati ordinaria amministrazione: i personal computer. Oggi chiunque possiede un pc, naviga in internet e manda e-mail ogni giorno, ma allora erano concetti estremamente nuovi, e forse era al limite della fantascienza parlare di computer portatili quando i cellulari non erano ancora stati messi in commercio e internet era tutto fuorchè diffuso.

Nonostante tutto ciò di cui parlava fosse solo una sequenza di ipotesi partorite da una mente tanto geniale quanto visionaria, a distanza di trent’anni ci troviamo effettivamente nelle condizioni descritte da Steve Jobs durante la conferenza di Aspen del 1983: passiamo più tempo davanti al computer che dentro l’automobile, riceviamo dati tramite computer portatili in ogni momento della giornata, e paghiamo i nostri acquisti tramite internet senza recarci fisicamente in negozio. Oggi è la norma, ma lui lo ha detto trent’anni fa.

Volendo espandere il discorso senza tirare troppo la corda, non ci vuole molto per collegare la situazione di allora con quello che stiamo vivendo oggi con l’imminente arrivo della realtà virtuale. Allora i nuovi media erano i computer, oggi sono i visori e tutti i device connessi alla VR. All’epoca si parlava di negozi per i software destinati ai personal computer, oggi si parla di applicazioni per la realtà virtuale distribuite tramite internet. Prima internet era scomodo e difficilmente accessibile, oggi è la realtà virtuale che attende il momento propizio per entrare nelle case delle famiglie e, se la storia si ripeterà anche in questo caso, è facile immaginarsi lo scenario che ci aspetterà tra una ventina d’anni.

Probabilmente Steve Jobs non parlava direttamente della realtà virtuale nel suo discorso, anche se viste le sue intuizioni non è da escludere che avrebbe potuto farlo, e chissà che non abbia effettivamente avuto qualche idea in merito.
Ad ogni modo, nel caso vogliate ascoltare il suo discorso per intero, noi vi lasciamo il link qui di seguito.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog