Magazine Attualità

Stupidario – hobbesiano

Creato il 10 maggio 2014 da Rosebudgiornalismo @RosebudGiornali
Thomas_Hobbesdi Giuseppe Leuzzi.
“Vedere un male altrui è piacevole. E piace non perché è un male ma perché è altrui. Da ciò proviene che gli uomini siano soliti accorrere allo spettacolo della morte e del pericolo altrui. Analogamente vedere un bene altrui è molesto, non tuttavia in quanto è un bene, ma in quanto è altrui” (Hobbes (“De Homine”, XI, 12)

“Ricevere un bene è meglio che non averlo perso. Quindi, essere convalescente è meglio che non essere stati ammalati” (Id.,  XI, 14).

“L’ozio affligge. La natura non sopporta né spazio né tempo vuoto” (Id., X, 15).

“Vado dunque a tentare di provare i seguenti principi: Che il soggetto al quale il colore e l’immagine sono inerenti non è affatto l’oggetto visto.Che non c’è realmente fuori di noi niente di ciò che chiamiamo immagine o colore” (Hobbes, “Della natura umana”, II, 4).

“Gli anziani sognano più spesso e più penosamente che i giovani” (Id., III, 2) 

“La passione del riso è un moto improvviso di vanità, prodotto dalla percezione improvvisa di qualche vantaggio personale, a fronte di una debolezza che rimarchiamo nello stesso tempo negli altri” (Id. IX, 13).

“Essere continuamente sorpassato, è disgrazia.Sorpassare continuamente quello che precede, è felicità.Abbandonare la corsa, è morire” (Id., IX,15)

Featured image, Thomas Hobbes


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :