Magazine Per Lei

Stupide, piccole discriminazioni: quando due coppie condividono l'auto

Creato il 22 aprile 2011 da Taccodieci @Taccodieci
Domenica scorsa ho fatto una gita fuori porta con altre tre coppie. Il mio FF ed io, per evitare il traffico e poichè la giornata era particolarmente primaverile, abbiamo preso la moto, ma due coppie hanno condiviso la stessa auto. Come un fulmine a ciel sereno, mi è balzato agli occhi una strana usanza del folklore locale, che da queste parti va alla grandissima. Subito mi è salito un conato di vomito.
Condividendo la stessa auto, i due uomini erano seduti sui sedili anteriori, mentre le due donne si erano sistemate sul sedile posteriori. Casualità? Nono, assolutamente.
Quando due coppie condividono la stessa auto, indipendentemente da chi sia il proprietario dell'auto in questione, dal tempo di percorrenza, dagli eventi atmosferici e sociopolitici, le donne si siedono dietro e gli uomini davanti. Provate a farci caso.
Ho visto ragazze arrivare in coppia sotto casa degli amici, scendere dall'auto ed andarsi a sedere dietro, per lasciare il sedile anteriore all'altro uomo.
Lo so, è una [@##@[email protected], ma proprio per questo è un fenomeno che non ha senso.
Perchè lasciare il sedile anteriore ad un uomo?
Per una questione di rispetto? Non penso, perchè non avrebbe senso portare rispetto ad un uomo piuttosto che ad una donna. O sbaglio?
Non è che una volta viene lasciato il posto ad un uomo ed una volta ad una donna: il posto viene sempre e comunque lasciato ad un uomo.
Il sedile anteriore, lato passeggero, da queste parti viene anche affettuosamente chiamato “il posto della suocera” perché (così dicono voci incontrollate) è quello dove statisticamente avvengono più morti in caso di incidente stradale. Che pretendere quel posto sia da parte dell’uomo un modo velato per dire “io morirei per te”?
Già, perché ci sono uomini che “pretendono” di sedersi davanti e si offendono se non gli viene lasciato il posto.
Mi viene in mente una vacanza con il mio FF ed un'altra coppia. Per risparmiare abbiamo condiviso l'auto del FF, la più capiente della compagnia, con una coppia di amici. Stipati come profughi, con tende e sacchi a pelo al seguito, abbiamo percorso 2000 km più un tot di ore di nave. Ricordo la guerra in atto con il ragazzo dell'altra coppia per il sedile anteriore. Quando dovevamo salire in auto, si arrabbiava e teneva il muso se provavo a sedermi a fianco al mio FF, senza lasciare a lui il "trono". Inizialmente ero sconcertata, poi, per non trascorrere tutta la vacanza con qualcuno con il muso per un motivo così stupido, ho iniziato a lasciare il posto, infine, dal momento che mettersela via significava in qualche modo avvallare quell’atteggiamento mentale, ho iniziato seriamente a fregarmene: era un problema suo. Per tutta la vacanza mi sono seduta dove capitava, davanti o dietro che fosse.
Quanto è stupida questa cosa?
Eppure sempre di discriminazioni si tratta. Piccole, stupide discriminazioni.
So di ragazze che, nonostante l'auto in questione sia la propria e non siano interdette alla guida a causa di alcol o psicofarmaci, se condividono il mezzo con un'altra coppia fanno guidare il proprio ragazzo e si siedono sul sedile posteriore assieme all'altra donna. Per me è follia pura.
Non importa di chi sia l'auto, non importa chi ci salga: il posto dove ci si siede dovrebbe essere completamente indifferente. Dal momento che però siamo impregnati come spugne da pregiudizi e mentalità discriminatorie, diventa importante che la posizione nel mezzo di trasporto. Il sedile anteriore diventa quello del Navigator e pertanto spetta ad un uomo. Le donne vengono messe a chiocciare come galline su quello posteriore, come se fossero gli uomini a portarle a spasso.
Pensateci, ragazze, quando salirete in auto per la tradizionale gita fuori porta di Pasquetta.
E, chiaramente, un bacio di Buona Pasqua a tutti!
La Redazione

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 5 MINUTI.. dopo lo shampoo

    MINUTI.. dopo shampoo

    Nuovo appuntamento con la rubrica "5MINUTI: my super fast beauty routine" ideata da Redditude e Cosmetic Mind.Lo so, sono in ritardo, ma spero vi faccia comunqu... Leggere il seguito

    Da  Valentina
    BELLEZZA, PER LEI
  • Clarisonic Plus: cronaca di una pulizia viso extra lusso. Come farne a meno?

    Clarisonic Plus: cronaca pulizia viso extra lusso. Come farne meno?

    Quando una si sente un po’ giù, per mia esperienza non c’è nulla di meglio di entrare subito in profumeria e fare acquisti. Se poi si va da Sephora munita del... Leggere il seguito

    Da  Bellezza4you
    BELLEZZA, PER LEI
  • Periscop-ite?

    Periscop-ite?

    Il Grande Fratello sbarca sugli smartphone (anzi, per il momento solo sugli IPhone) sotto forma di una App lanciata dai signori di Twitter che permette di... Leggere il seguito

    Da  Morgatta
    LIFESTYLE, MODA E TREND, PER LEI
  • Ti ho conciato per mangiarti!

    conciato mangiarti!

    Ieri pomeriggio andando in ricognizione nel mio freezer mi sono accorta di avere in giacenza 3 arrosti arrotolati nella retina, muti e rassegnati all’idea di no... Leggere il seguito

    Da  Gattolona1964
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, RACCONTI, TALENTI
  • 155. alla mia mamma

    "Le cattive azioni sono di chi le fa" è una delle ultime frasi sensate pronunciate dalla mia mamma. La mia meravigliosa mamma. Adesso lo penso più che mai mamma... Leggere il seguito

    Da  Mavi
    OPINIONI, PER LEI
  • Storia di pianti e di giacche a vento

    Storia pianti giacche vento

    Mi ricordo io, una volta che ho pianto a scuola. Solo che ero più grande. Avevo preso troppo sole, vanità ingenua, nessuno mi aveva obbligata alle creme... Leggere il seguito

    Da  Maddalena_pr
    DIARIO PERSONALE, MATERNITÀ, PER LEI
  • viaggi e scoperte

    Stavo pensando, in questa mattinata che si appresta a non passare mai, ai viaggi.Viaggi non intesi solo come spostarsi da un posto all'altro, ma viaggi nel mond... Leggere il seguito

    Da  Deni
    MATERNITÀ, PER LEI

Dossier Paperblog

Magazine