Magazine Cultura

SUNSET PARK -Paul Auster

Creato il 15 giugno 2012 da Lalettricerampante
SUNSET PARK -Paul Auster Miles Heller ha ventotto anni e vive in Florida. Ha poco, eppure ha tutto: l'amore di un'adorabile ragazza di origini cubane, la passione trasmessagli dal padre per il baseball con le sue storie fatte di destino e casualità, e i libri, "una malattia da cui non vuole essere curato". Il lavoro non è un granché, d'accordo, ma lui sembra farlo come se in quell'attività intuisse un misterioso legame con la sua esistenza: affinché le banche possano rimetterle in vendita, deve entrare nelle abitazioni abbandonate e fotografare gli oggetti che gli inquilini vi hanno lasciato. Ma Miles ha una vita precedente da cui negli ultimi sette anni è fuggito. E continuerebbe a farlo se il destino (o il caso) non si mettesse in mezzo: Pilar, la sua ragazza, è orfana e vive con le sorelle maggiori. Ed è minorenne. Così quando decide di trasferirsi da Miles, lui deve avere il loro consenso che ottiene corrompendo la più grande. Ma dopo qualche mese, Angela Sanchez inizia a ricattarlo. A Miles non resta che cambiare aria per un po': in fondo Pilar sarà presto maggiorenne e nulla potrà separarli. Si rivolge all'unico amico con cui è rimasto in contatto, Bing, che insieme ad altri tre ragazzi vive a Brooklyn, in una casa occupata in una zona chiamata Sunset Park. Tornare a New York, la sua città natale, significa fare i conti con i motivi che l'hanno spinto ad andarsene di casa, significa chiarire definitivamente i motivi che hanno determinato la morte del fratello Bobby. 
Tra tutti gli autori americani contemporanei di un certo spessore che ho letto, Paul Auster è sicuramente quello che mi piace di più. Per carità, McCarthy con "La Strada" o Raymond Carver con "Cattedrale" hanno lasciato una traccia indelebile dentro di me e meritano davvero di essere letti (con DeLillo ho invece qualche problema, lo trovo troppo difficile da capire... o forse sono io troppo poco intelligente), però Paul Auster è quello con cui simpatizzo di più, quello di cui segno sempre almeno una citazione e che riesce sempre a trasmettermi qualcosa, anche quando magari un suo romanzo non mi è del tutto piaciuto. Credo che buona parte di questa mia simpatia derivi dal fatto che nei suoi libri ci sono sempre libri. A volte svolgono un ruolo fondamentale, come in "Follie di Brooklyn", a mio avviso un capolavoro imprescindibile, altre sono presenti sullo sfondo in modo quasi silenzioso ma che comunque influenza anche la trama, come in Moon Palace (bellissima la prima parte, noiosa e difficile la seconda) e come, appunto, in questo suo ultimo lavoro Sunset Park.

Una presenza quella dei libri che compare già dalle prime pagine, quando, descrivendo il protagonista Miles Heller, viene detta questa frase: "... ma alla fine i libri non sono tanto un lusso quanto una necessità, e leggere è una malattia da cui non vuole essere curato...". Basterebbe già solo questo per farmi amare un libro. E ovviamente qui, non c'è solo questo. Il protagonista è un ventottenne in fuga dal passato e dai sensi di colpa, dopo che il fratellastro è morto investito da un'auto, sotto la quale è finito dopo una sua spinta. Da quel momento Miles Heller perde se stesso, perde il suo scopo nella vita e trova nella fuga, un perigrinare da uno stato all'altro degli USA, la sua unica salvezza. Taglia i ponti con la sua famiglia, la madre attrice che lo ha abbandonato da piccolo e il padre, editore, in crisi con la moglie, madre del ragazzo investito. Miles rimane in contatto solo con Bing Nathan, suo compagno dell'Università, che ora vive da squotter in una casa di Sunset Park a New York insieme ad altre due ragazze.  E sarà proprio lì che Miles andrà a vivere, dopo che è costretto a lasciare la Florida e l'amore della sua vita, la giovane Pilar, perché lei ancora minorenne. Una volta tornato a New York, oltre a sviluppare i suoi rapporti con i suoi coinquilini, l'insicura Ellen, la studiosa Alice e appunto il suo amico Bing, deciderà che è giunta l'ora di riallacciare i contatti con il passato e di prendersi quelle responsabilità da cui è fuggito per anni. Fino all'inesorabile finale.
"Sunset Park" è un libro molto intenso, scritto con uno stile freddo e asciutto, e che analizza i diversi rapporti umani che possono crearsi nella vita: le coppie in crisi che rimandano il più possibile la resa dei conti, il bisogno di sicurezza e stabilità e come questo sia troppe volte difficile da trovare, soprattutto se il passato è troppo pesante da sopportare, la necessità di scoprire sé stessi perché il senso di smarrimento che si prova a un certo punto non ti fa più vivere, il dover prendersi le proprie responsabilità anche quando si vorrebbe solo fuggire, la forza dell'amore nonostante l'età e l'inesorabilità del nostro destino. E lo fa grazie a tanti fantastici personaggi, ognuno ben caratterizzato e ognuno con una sua particolarità, un tratto peculiare della personalità in cui chiunque potrebbe specchiarsi. Molto bello, anche se non me ne intendo assolutamente, è il filo conduttore del baseball, un legame indissolubile tra padre e figlio che nemmeno sette anni di lontananza potrà spezzare. Così come ho apprezzato molto l'apparizione quasi casuale nella vita di tutti, in momenti e situazioni diverse, del film "I migliori anni della nostra vita", un altro piccolo legame tra questi personaggi tanto diversi tra loro.
Certo, almeno per quanto mi riguarda, non è all'altezza di "Follie di Brooklyn", che come dicevo già prima, considero un grandissimo capolavoro (da cui è tratta anche la frase che fa da sottotitolo a questo blog). Ma è comunque un romanzo molto bello e molto intenso, che ti conquista e che ti fa anche riflettere. Consigliatissimo!
Nota alla traduzione: si trova spesso qualche termine un po' particolare, non di uso comune, ma credo siano scelte dello stesso Auster. Nulla da dire quindi!
Titolo: Sunset Park

Autore: Paul Auster Traduttore: Massimo Bocchiola Pagine: 222 Prezzo di copertina: 12 euro
Editore: Einaudi

Acquista su Amazon: Sunset park (Super ET)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Jean-paul

    Jean-paul

    Cari genitori, non so più cosa pensare: so che sarò fucilato. Sono coraggioso, ma non avrei pensato che la mia vita finisse in un modo così brutale. Cosa ne sar... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Auguri a Paul Young

    Paul Antony Young è nato a Luton (UK) il 17 gennaio 1956 ed è un cantautore, bassista e chitarrista, che negli anni '80 raggiunse una grande popolarità con bran... Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Una stella per Paul

    stella Paul

    Il prossimo 9 febbraio, alle 14, una cerimonia speciale fermerà Hollywood. Sir Paul McCartney si vedrà assegnata una sua personale stella nella Walk of Fame... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA
  • News Paul McCartney

    Da quando Paul McCartney si è sposato, non passa giorno che non vi siano notizie che lo riguardano, come se stesse vivendo una seconda o terza giovinezza! Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Green Park 28

    Green Park

    Song: Ludovico Einaudi – Fly (PLAY)C’è un grande parco verde dove si sta consumando la serata di due giovani ragazzi. Una coppia che dalla vita non ha chiesto... Leggere il seguito

    Da  Rudiexperience
    CULTURA, SOCIETÀ
  • NEW YORK #3 - Bryant Park

    YORK Bryant Park

    Se c'è un luogo che davvero mi è rimasto stampato nell'anima a New York, quello è, senza dubbio alcuno Bryant Park. Perché? Perché è speciale. Leggere il seguito

    Da  Lafenice
    LIBRI
  • Robocop - Paul Verhoeven

    Robocop Paul Verhoeven

    Vivo o Morto, tu verrai con me! Robocop entrò nella mia vita sotto forma di pubblicità, come una promessa. L'apparecchio televisivo mi diceva che presto... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA

COMMENTI (1)

Da inforMe
Inviato il 27 agosto a 10:19
Segnala un abuso

Ho appena finito di leggerlo e l'ho amato molto. Sarà che come te ho un debole per Paul Auster e ho letto tutti i suoi libri.. Sarà che anche io ho scritto una recensione per non dimenticare il sapore delle sue parole..

Ritornerò nel tuo sito :)