Magazine Poesie

Tanto per poetare

Da Sarapoesia
Tanto per poetare
Tanto per poetare
Ho scritto tanto e molto cancellatoe accartocciato fogli per la rabbia " Senza un dolore forte nel profondo   non ti chiami poeta”Ecco perché il dolore l’ho rubatosminuzzandolo fine come sabbiaspingendolo nei pori fino in fondoL’anima, che era seta,scarnificata come da grattugialibrò nell’aria versi insanguinati   “Facili rime, interne od alternate   lezzo di Medievale”Ecco perché dove la rima indugialancio coltelli aguzzi ed affilatistrappando figlie a chi le ha generateSulle ferite, salePoi scrivo nuovi versi con la bileAppendo settenari per la cordaE a capo torno solo se il polmonecessa di respirare   “Così nasce un poeta, nuovo stile” il Gotha della critica concordaIo rubo, copio e incollo l’emozione… tanto per poetare
( Sara Ferraglia )

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

COMMENTI (1)

Da Claudia Piccini
Inviato il 28 marzo a 11:59
Segnala un abuso

CLAUDIA PICCINI 23 Marzo, 2012

Claudia Piccini, Se fossi lei, Albatros editore. Veronica, una donna che ripercorre la sua vita fin dall’infanzia per ritrovare il tassello mancante che le impefisce la serenità . Un passato che la tiene sospesa fra origini incerte , un presente che la trasla in un’onda continua di ricordi e scommesse con se stessa. Il tradimento di due donne di porcellana che le passano davanti e scompaiono un giallo di sentimenti per ritrovare la luce della verità.

Magazines