Magazine Cultura

Tav, Parigi vicina a l’adieu: costa troppo e non serve.

Creato il 12 luglio 2012 da Albertocapece

Tav, Parigi vicina a l’adieu: costa troppo e non serve.Pessime notizie per quelli che speravano di concedersi una fettina di patè pantin da Paul Bocuse e poi tornare in tutta fretta in Italia: la tav Torino Lione da cui sembrava dovessero dipendere i destini d’Italia, non interessa più ai francesi. E’ tra quelle opere che il governo di Parigi si appresta a cancellare perché troppo costose e poco remunerative.

Ma questo è niente: con grande smacco per le fanfaluche sparse a piene mani da quattro governi, il ripensamento è avvenuto proprio in base ad alcune evidenze portate avanti dai no tav e contrastate  da improvvisati difensori dell’opera, nonché da perizie tecniche date per esistenti, ma mai venute alla luce. In particolare proprio la diminuzione costante di traffico merci ha indotto la Francia a riconsiderare il valore strategico dell’opera e il rapporto costo-beneficio: son coût (12 milliards d’euros) est de nature à la disqualifier. De plus, la baisse du fret tombée à 4 millions de tonnes sur le trajet en 2011 contre 11 millions de tonnes il y a près de vingt ans ne joue pas en faveur du projet.

Così sappiamo che la Tav non ce la chiede l’Europa, bugia che invece era stata venduta a piene mani per giustificare una spesa pazzesca in un momento drammatico e adesso non ce la chiede più nemmeno la Francia. Sarebbe interessante sapere chi è che la chiede ancora, se il sultano del Brunei o non piuttosto chi  si attendeva di fare lucrosi guadagni da una “grande opera” di poca importanza e da chi si aspettava imperitura e, come dire, concreta riconoscenza per aver sostenuto l’opera superflua anche a costo di instaurare uno stato di conflitto permanenente.

Beninteso adesso costoro si daranno da fare in ogni modo perché Parigi non bocci l’opera, anche se la sua inutilità o marginalità è ora accertata in sede internazionale: ma si sa che i fans di Bocuse  sono gente che non molla, capacissima di tentare ancora di “paté le bourgeois” con nuovi mirabolanti studi tecnici appositamente scritti da Jules Verne, ingegnere ferroviario di grandissima esperienza. E purtroppo uscendo dal sarcasmo, c’è anche caso che si arrivi a decidere la continuazione unilaterale dei lavori: la fantasia italiana per gli sprechi è inarrivabile.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sulla TAV sarò breve

    Sulla sarò breve

    Chi segue questo blog sa che mi piace l'argomentazione. Se uno mi dice che deve fare qualcosa mi piacerebbe sapere perché lo deve fare, quali sono le premesse... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Tav: il capotreno

    Tav: capotreno

    Chi si fosse illuso che la dipartita di Berlusconi da Palazzo Chigi avrebbe portato un cambiamento di sostanza alla guida del Paese, è servito a puntino. Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Tav: due pezzi facili

    Tav: pezzi facili

    La mistica della grande opera Un barlume li ha illuminati. Ieri i cosiddetti tecnici hanno capito che la questione della Tav Torino – Lione deborda ormai dai... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Tav: servi sciocchi dell’Europa

    Tav: servi sciocchi dell’Europa

    Anna Lombroso per il SimplicissimusOggi sul Sole 24 mi sono imbattuta su un concetto sconcertante, un equilibrismo verbale acrobatico e spericolato a sostegno... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Da Morgan via Tav: la mala informazione

    Morgan Tav: mala informazione

    Tra ieri oggi abbiamo appreso dai grandi giornali che in gennaio il Tesoro ha pagato oltre 2 miliardi e mezzo a Morgan Stanley per estinguere un giardinetto di... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Tav: la ripubblica delle bugie

    Tav: ripubblica delle bugie

    Ho passato la mattinata a leggere i giornali francesi, preso dal lancinante sospetto della presa in giro. E infatti non solo bisogna cercare col lanternino la... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Solidarieta’ e sostegno al movimento no tav

    Solidarieta’ sostegno movimento

    Ezio Locatelli, segretario provinciale di Rifondazione Comunista-Fds di Torino“Dopo la militarizzazione della Val di Susa si è deciso di attuare la... Leggere il seguito

    Da  Gctorino
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ

Magazines