Magazine

Terremoto padano

Creato il 06 aprile 2012 da Ilarius
TERREMOTO PADANO
POLITICA - Il terremoto padano che si è abbattuto sulla Lega Nord in questi giorni è culminato con le dimissioni del suo leader carismatico, Umberto Bossi, dalla guida del partito. Le dimissioni del senatur rappresentano l'inizio della fine di un movimento che, nel bene o nel male, è stato protagonista della vita politica italiana degli ultimi venti anni. 
Facciamo un passo indietro... è la mattina del 3 aprile 2012, quando la Guardia di Finanza e i Carabinieri del NOE irrompono nella sede del Carroccio a Milano in via Bellerio, il blitz avviene dopo un indagine che vede coinvolte tre procure: Milano, Napoli e Reggio Calabria.
Durante il blitz vengono acquisite carte e documenti, il tesoriere Francesco Belsito (che si dimetterà in serata) è indagato insieme agli imprenditori Stefano Bonet e Paolo Scala, per appropriazione indebita e truffa verso lo Stato.
Come un vero e proprio terremoto ciò che sconvolge il popolo del nord sono le conseguenze, infatti a poche ore dal blitz emergono le prime indiscrezioni, che vedono una gestione in nero delle risorse del partito (soldi pubblici) sia in entrata che in uscita.
Soldi pubblici che sono stati usati (secondo i magistrati), oltre che per investimenti in Tanzania e a Cipro, anche per le macchine di lusso dei figli del capo, multe e diplomi del Trota.
È un quadro triste e malconico per tutto il popolo leghista, poichè quello che sta' emergendo dalle indagini e dalle intercettazioni sembrerebbe essere una bomba ad orologeria, pronta ad esplodere insieme alla Lega Nord un movimento nato e cresciuto proprio in risposta alla politica craxiana, un nuovo modo di fare politica duro e puro.  
Se i militanti del Carroccio credevano di essere l'antipolitica alla politica degli anni di Tangentopoli, forse dovranno ricredersi perchè l'unica vera scissione che hanno ottenuto è stata quella della classe dirigente dalla base leghista.
L'unico vero rimpianto per militanti e simpatizzanti della Lega è che in Italia, il rinnovamento politico passa sempre dalla magistratura, forse sarebbero potuti intervenire prima dei pm ... ma conflitti e veleni interni l'hanno impedito; adesso il Nord trema il terremoto c'è stato ... ma quello che fa più paura sono le conseguenze!
ILARIUS
  

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :