Magazine Cultura

The Fighter: You gotta fight for your right to fight

Creato il 28 gennaio 2011 da Cannibal Kid
The Fighter: You gotta fight for your right to fightThe Fighter(USA 2010)Regia: David O. RussellCast: Mark Wahlberg, Christian Bale, Amy Adams, Melissa Leo, Jack McGee, Bianca HunterGenere: boxeSe ti piace guarda anche: The Wrestler, Rocky, Million Dollar Baby, Toro scatenato, Lights Out (nuova serie tv), Friday Night LightsUscita italiana: 4 marzo
Trama semiseriaPrimi anni '90. La HBO sta preparando un documentario sul grande ritorno sul ring di Dicky Eklund, un pugile che grazie ai suoi successi è diventato una gloria locale. Peccato che le cose non siano esattamente così e il motivo delle riprese sia un altro: che vogliano proporgli di diventare il protagonista di un reality-show? Nah, siamo nel 1993 e quella merda (ancora per poco) non esisteva.Intanto Dicky allena suo fratello Micky Ward (Mark Wahlberg), pugile professionista in ascesa schiacciato però dal comportamento sopra le righe del brother e dalla madre manager. Riuscirà a diventare il nuovo Rocky?
The Fighter: You gotta fight for your right to fightRecensione cannibaleTratto da una storia vera, una di quelle molto ma molto americane, The Fighter è un gran bel film. Uno di quelli che avvincono dall’inizio alla fine, imperdibile per tutti gli appassionati delle pellicole sulla boxe, ma che al termine della visione non mi ha lasciato un segno così indelebile nel cuore.Quello che mi è rimasto dalla visione di questa pellicola è allora soprattutto un Christian Bale davvero oltre, enorme, gigantesco, in grado di impossessarsi del resto del film. Il suo personaggio è alquanto particolare: un tipo molto estroverso e iperattivo, una forza della natura, l’idolo della tipica cittadina di provincia (per non dire di merda) americana per via del suo passato di successo. Perché allora un pugile ha un aspetto così magrolino, tanto che Bale ha dovuto dimagrarire quasi quanto per L’uomo senza sonno? Per evitare spoiler non ve lo dico, ma è lì che si annida la parte più interessante della storia e che devia dalla solita vicenda pugilistica tra alti e bassi, comunque raccontata in maniera impeccabile e con una regia di buon livello da parte di David O. Russell, già dietro allo stralunato ma piacevolmente folle I ♥ Huckabees. In un primo tempo il film doveva essere diretto da Darren Aronofsky, ma il progetto si era stoppato per lo sciopero degli sceneggiatori e poi Aronofsky aveva preferito girare il meno ruffiano The Wrestler.
The Fighter: You gotta fight for your right to fightTornando a Christian Bale è vero, sono di parte, è il mio attore preferito, in pratica l’equivalente maschile di Natalie Portman, giusto un filo meno grazioso. La sua folle e spassosissima interpretazione dello yuppie serial killer Patrick Bateman di American Psycho rimane per me tra le interpretazioni più allucinate nella storia del cinema (se la gioca con il Jack Nicholson di Shining), però questa va a insidiarla da vicino. Indubbiamente da Oscar.
Seppur schiacciato dietro a un personaggio così ingombrante, il vero protagonista del film è, suo malgrado, Mark Wahlberg nei panni di Micky Ward. La sua è la classica parabola alla Rocky, con l’interessante variante famigliare. Oltre a volersi staccare dall’ombra fraterna, Micky deve vedersela con una famiglia di quelle molto numerose e molto presenti in ogni sua scelta lavorativa e affettiva, visto che a fargli da manager c’è la madre (una Melissa Leo brava, ma la nomination all’Oscar mi pare eccessiva) e quando porta a casa la sua nuova fidanzata, la barista Amy Adams (per lei la nomination ci sta), tutte le varie zie rompiballe la caricano e insultano di brutto e in coro, nel corso delle scene più divertenti della pellicola.The Fighter: You gotta fight for your right to fightLa famiglia allargata di classici burini a stelle e strisce, l’ambientazione anni ’90 e soprattutto l’intepretazione larger than life di Christian Bale sono dunque i valori in più di questo film in grado di diventare un piccolo classico tra i film di pugilato. L’unica cosa che gli manca è allora un pizzico di cattiveria in più, il colpo in grado di stenderti K.O.(voto 7+)
Personaggio cult: Dicky Eklund alias Christian BaleCanzone cult: “Strip my mind”, Red Hot Chili Peppers

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Recensione the fighter

    Recensione fighter

    Locandina "The Fighter" VOTO: 8 - Chiamatemi pazzo, ma credo fermamente che “The Fighter” sia il “Toro Scatenato” del nostro secolo. Leggere il seguito

    Da  Jeffsoftly
    CINEMA, CULTURA
  • Thank you for smoking

    Thank smoking

    PAESE: Stati Uniti - ANNO: 2005 - DURATA: 92 minuti - COLORE: colore - REGIA: Jason Reitman - ATTORE PRINCIPALE: Aaron Eckhart (Nick Neilor) Commedia narrata... Leggere il seguito

    Da  Andreacusati
    CINEMA, CULTURA
  • Someone like you.

    Nevermind, I’ll find someone like you.I wish nothing but the best for you too.Don’t forget me, I beg, I remembered you said:“Sometimes it lasts in love but... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • What you see is what you get.

    What what get.

    GiuseppeOra, va bene che si parla di un avvenimento tragico come quello della morte, la settimana scorsa, di un ragazzo di 28 anni nei bagni della facoltà di... Leggere il seguito

    Da  Idiotecabologna
    CULTURA
  • The Fighter - David O. Russell

    Fighter David Russell

    Strano sport la boxe. Due persone si allenano con costanza e tenacia, per mesi, con l'unico scopo di affrontare un altro uomo a pugni solo per capire chi, tra... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • The Fighter

    Fighter

    Tre anni, due registi e un numero più che considerevole di stelle di Hollywood che hanno tentato di dar luce a The Fighter, per quella che a molti – e sin da... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • The Fighter (2010)

    Fighter (2010)

    Ancora una volta, con The Fighter, per la regia di David O. Russell, il pugilato si mescola all’ambizione e al desiderio di dar vita a un’opera superiore alla... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA