Magazine Cinema

The House of the Devil di Ti West

Creato il 22 gennaio 2012 da Intrinseco
L'ho visto proprio ieri sera, mi limito a un sonoro: bah!
No, non è vero, ecco il resto: non capisco e non condivido l'entusiasmo di alcuni, ma non mi sembra nemmeno un film da liquidare con tanta leggerezza.
Il suo pregio principale paradossalmente è proprio il lunghissimo prologo in cui non succede nulla, viene solo preparata la suspence per la prevedibile conclusione, il bello è che poco prima avevo visto Non avere paura del buio (a proposito, filmetto anonimo e banalissimo) in cui il problema è inverso, qualcosa succede ma... chissenefrega.
Sai che c'è qualcosa dietro l'angolo ma non sai quanto manca per svoltare, però è tutto qui, una semplice attesa, la suspence è lì ma non viene alimentata in nessun modo. Per fortuna osservare Jocelin Donahue che gironzola per casa è un piacere, altrimenti avrei gradito meno.
I titoli di testa mi hanno quasi fatto innamorare, semplici ma con stile, già dai primi istanti si capisce che il film è un bell'omaggio al filone horror anni '70 e '80 (più '80 però, anche se ricorda tantissimo Halloween).
Poi però arriva la delusione, forse proprio per colpa di alcuni commenti iper entusiastici che ho letto su forum e siti di cinema. La lunga attesa non è un problema, anche perché qui è gestita abbastanza bene, ma ci si aspetta che il finale sia proporzionalmente esplosivo, invece boh, lo trovo alquanto moscetto. Il ritmo sale, la regia si fa inevitabilmente più movimentata ma non c'è una vera e propria brusca accelerata rispetto alla calma piatta di poco prima, eppure non ci vuole poi molto a vivacizzare un film dopo un incipit del genere (giusto per essere più chiaro, il film dura 95 minuti e gli eventi precipitano a circa 15-20 minuti dalla fine).
Anche sulla regia niente da segnalare, ha giusto qualche momento particolarmente ispirato, come l'inseguimento all'aperto nel finale o alcune inquadrature che ricordano tanto quelle dei film che cerca di omaggiare. Per esempio quella in cui Samantha si affaccia sulla scala del seminterrato mi ha fatto alzare entrambi i sopraccigli.
The House of the Devil di Ti West

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • CABIN FEVER 2: SPRING FEVER (2009) di Ti West

    CABIN FEVER SPRING (2009) West

    Sette anni dopo il delirante Cabin Fever di Eli Roth di carne al fuoco – è il caso di dirlo – se ne vuole aggiungere tanta, ma il fumo di una produzione... Leggere il seguito

    Da  Close2me
    CINEMA, CULTURA
  • The Innkeepers di Ti West (2011)

    Innkeepers West (2011)

    Ancora una volta, cominciamo dalla musica. Ve la linko, non essendo sicuro che domani, quando leggerete queste parole, ci sarà ancora. Sono le 01:28 del mattino... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • The Innkeepers - Ti West

    Innkeepers West

    Sfavillante l'inizio di questo 2012. Nel giro di poche settimane abbiamo già qualche papabile per i tanto bramati Spicci Awards. Ma la corsa è ancora lunga e... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Safe house

    Safe house

    Anteprima Universal, 23 febbraio 2012Un bel film che dietro la tensione costante e l'azione più sfrenata non manca di sollevare profonde riflessioni su cosa... Leggere il seguito

    Da  Cinefilante
    CINEMA, CULTURA
  • Dust Devil – The Final Cut

    Dust Devil Final

    Se penso a Richard Stanley, mi vengono subito in mente promesse infrante e sogni buttati alle ortiche. Pochissimi registi infatti hanno ricevuto una punizione... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Devil - Il processo del secolo

    Devil processo secolo

    Avevamo lasciato l'identità segreta di Matt Murdock, Devil, svelata da un poliziotto infame ad un giornale per una manciata di soldi. Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Safe House

    Safe House

    In una delle solite diatribe che si sviluppano intorno alle cose del cinema a lungo si è parlato della presunta autorialità di Tony Scott, fratello minore, anch... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA

Magazines