Magazine Cinema

The Humbling - La Recensione

Creato il 30 agosto 2014 da Giordano Caputo
The Humbling - La RecensioneSi fa fatica a credere che il famoso attore al tramonto colpito dalla perdita del talento, con consecutiva crisi esistenziale, sia davvero Simon Axler. Si fa fatica perché davanti ai nostri occhi quell'attore pare proprio Al Pacino, e, purtroppo per lui (e per noi), nulla in "The Humbling" è in grado di farci cambiare idea.
E' difficile trovare un motivo (e non è che Al Pacino abbia perso realmente talento, è).
Ma forse chi ha avuto una determinata carriera cinematografica è obbligato a non prestarsi mai a ruoli che superano un certo limite. O forse l'adattamento libero - per non dire stravolto - del romanzo di Philip Roth diretto da Barry Levinson era troppo estremo per il vecchio Al che, ammaliato da una sceneggiatura stratificata e ricca di cambi di tono, tuttavia, non ha fatto in tempo ad accorgersene e a ripensarci.
Oscilla ininterrottamente tra commedia, dramma, sfociando spesso anche nel teatro classico infatti "The Humbling", sulla carta un terreno fertilissimo per l'attore, ma sullo schermo diventa un palcoscenico di umiliazione che per nulla è giustificato dal titolo. La fusione col ruolo affidatogli, di cui necessitava, probabilmente è mal costruita, assente, macchiata da un'ilarità di fondo per niente richiesta e che mal si adatta al contesto allestito. Sta di fatto che più che un'opera di finzione, quella di Levinson diventa presto, suo malgrado, più plausibile come documentario sulla star messa al centro, denigrata e sottomessa a momenti ridicoli della sua vita, poco appetibili da qualunque prospettiva si guardino.
The Humbling - La RecensioneLa verità è che prima di tutto "The Humbling" appare come un lavoro sconclusionato, confuso, che non sa mai da che parte andare e probabilmente usa (alla peggio) la figura di Al Pacino per cercare di coprire al meglio ogni singola pecca. Persino Levinson che tendenzialmente come regista ci ha abituato, nei suoi lavori, a tirar fuori dagli attori delle performance sempre all'altezza, stavolta sembra abbia intenzione di svolgere unicamente il suo compitino lasciando che ad ardere la scena sia lo scontro sfiancante - e per niente memorabile - tra la vecchiaia del suo protagonista e la straripante giovinezza della ragazza interpretata da Greta Gerwig (mai così somigliante a Kate Winslet), entrata nella sua vita da ancora di salvataggio, dopo aver concluso un'esperienza omosessuale.
E' poco chiaro, però, quale sia stato il meccanismo (o i meccanismi) che ha impedito a "The Humbling" di funzionare almeno per un minimo o per una parte. Magari rispettare fino in fondo la drammaticità del libro senza fornire spazio a una comicità nociva e poco funzionale avrebbe aiutato a garantirgli sorte migliore. Sicuramente, vista così, l'opera di Levinson e Al Pacino somiglia più a una conferma che ad una certa età con il cinema sarebbe meglio smettere. Tarantino docet.
Trailer:NON DISPONIBILE

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :