Magazine Cinema

The Life of David Gale

Creato il 19 agosto 2014 da Nehovistecose

(The Life of David Gale)life_of_david_gale_ver2_xlg

Regia di Alan Parker

con Kevin Spacey (David Gale), Kate Winslet (Bitsey Bloom), Laura Linney (Constance Harraway), Gabriel Mann (Zack Stemmons), Matt Craven (Dusty Wright), Rhona Mitra (Berlin), Leon Rippy (Braxton Belyeu), Melissa McCarthy (Nico), Lee Ritchey (Joe Mullarkey).

PAESE: USA 2003
GENERE: Thriller
DURATA: 130’

Una settimana prima dell’esecuzione, il condannato a morte David Gale, ex attivista dei movimenti contro la pena capitale condannato per l’omicidio di un’amica, chiede di incontrare la giornalista Bitsey Bloom per essere intervistato. Gale ricostruirà gli eventi che gli hanno sconvolto la vita nei minimi dettagli, ma sarà Bitsey con le sue sole forze a scoprire l’atroce verità…

Scritto da Charles Randolph e prodotto da Nicolas Cage, è il sedicesimo (e finora ultimo) film dell’inglese Parker, esponente del cinema di impegno civile, cui spesso la critica rimprovera di “predicare bene e razzolare male”. L’esempio più pertinente? Il suo film più famoso, Mississippi burning, propone il messaggio secondo cui il razzismo violento fa combattuto con la violenza. Anche questo The life of David Gale affronta un tema di bruciante attualità – la pena capitale nello stato del Texas, con le sue parecchie condanne ingiuste – e, nelle quasi due ore che precedono i dieci minuti finali, tutto funziona mediamente bene: regia asciutta e curata, grande suspense, un trio di personaggi sfaccettati interpretati da tre attori in stato di grazia. Le riserve sono – oltre che sui troppi indugi a particolari morbosi – sul finale. Non tanto a livello emotivo (il colpo di scena è davvero sorprendente) quanto a livello ideologico. Come thriller a suspense funziona a meraviglia, come pamphlet contro la pena di morte è decisamente ambiguo. Come spesso accade nella sua opera, Parker parte progressista e finisce reazionario. Chi non cambia mai idea è uno stolto, certo, ma un minimo di coerenza, anche nell’arte, non dovrebbe mancare mai.

Voto



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • David Cronenberg Day - Videodrome (1983)

    David Cronenberg Videodrome (1983)

    Tra i registi del mio cuore, sicuramente un posto speciale se lo è ritagliato David Cronenberg. Cronenberg mi ha accompagnato per tutta la mia esistenza di... Leggere il seguito

    Da  Frank_romantico
    CINEMA, CULTURA
  • Still Life

    Still Life

    Se mi chiedeste di definire con una parola Still Life mi verrebbe subito in mente l’aggettivo commovente seguito senza dubbio da poetico, è davvero una visione... Leggere il seguito

    Da  Fidelio
    CINEMA, CULTURA
  • HARD CANDY di DAVID SLADE

    HARD CANDY DAVID SLADE

    Esistono film che sono davvero complicati e difficili da recensire, pellicole che per temi trattati ti obbligano a una certa dose di sano equilibrio. Leggere il seguito

    Da  Viga
    CINEMA, CULTURA
  • Still life di umberto pasolini.

    Still life umberto pasolini.

    Quante volete ci avrai pensato? No, non metterti a fare i calcoli! Che in matematica sei veramente una frana! Tu e i numeri, tu e l'economia viaggiate sempre... Leggere il seguito

    Da  Viga
    CINEMA, CULTURA
  • The Life of David Gale

    Life David Gale

    Oggi un film sulla pena di morte che non elettrizza il nostro divano Titolo: The Life of David Gale Cast: Kevin Spacey, Kate Winslet, Laura Linney Regia: Alan... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Still life ( 2013 )

    Still life 2013

    John May è un dipendente comunale a cui è affidato il compito di organizzare il funerale di persone rimaste sole e di fare eventuali ricerche su parenti del... Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA
  • Un David per Sophia

    David Sophia

    Sophia Loren in una scena del film “La Voce Umana” (ansa.it)Il Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema Italiano ha deciso di assegnare uno dei Premi... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA

Magazines