Magazine Cinema

The lone ranger

Creato il 11 luglio 2013 da Houssymovies2punto0 @h0ussy

imagesChe bel film The Lone Ranger, seppur poco adatto al pubblico italiano, western atipico buttato in pasto alle sale di un paese, il bel paese, che ultimamente non va proprio d’accordo con questo storico e leggendario genere. Sì è vero c’è Johnny Depp con il suo repertorio di espressioni alla Buster Keaton, ci sono perfino il regista ed il produttore dei Pirati dei Caraibi, c’è la Cavalcata del Guglielmo Tell e ci sono gli ultimi straordinari venti minuti, capaci di far deflagrare la fantasia di una generazione, tutto vero, c’è questo e c’è anche molto di più. E’ piuttosto raro a ben guardare, che in un film Disney, sostanzialmente per famiglie, si scorga in maniera così netta la grettezza dell’avidità, che va a braccetto col potere e che di fatto compra le istituzioni, ancora più raro è vedere, tra una trovata e l’altra, una sequenza dura e senza sconti, come quella in cui l’esercito massacra i nativi senza alcuna pietà. Non stupisce quindi che un oggetto cinematografico così sui generis fatichi a trovare un proprio pubblico, perché spesso, troppo spesso, il pubblico non è incline a farsi domande, men che meno a riflettere, soprattutto al cospetto di film come questo. La pellicola di Gore Verbinski (Oscar per Rango, ma anche The Ring e l’ottimo The Weather Man) non si poggia sul trionfalismo da bancarella, lascia da parte la retorica a stelle e strisce e riflette ben più seriamente di quel che si crede, sul sangue, il fango, il sudore e le lacrime, che hanno portato alla costruzione di un paese che ama professarsi libero, mentre il potere e l’avidità lo divorano e lo logorano. A differenza del recentissimo Man of steel, dove bandiere garrivano e soldatesse si sdilinquivano, in The Lone Ranger, film pieno di pregi e di difetti, dove però i secondi battono in ritirata al cospetto dei primi, sembra che l’unica giustizia si possa ottenere solo da chi sceglie di operare al di fuori della legge, delle regole e dell’ordine. Un messaggio forte, poco Disneyano e sicuramente poco americano, anche se intriso di quel anarchico spirito di patriottismo, che un tempo ha fondato una nazione in cui, si dice, tutti gli uomini sono uguali. The Lone Ranger racconta quella presunta, violata, utopica uguaglianza, mostrandocene tutta la sua effimera e fallace impalpabilità.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    John Reid è un uomo di legge, educato in città e tornato nel vecchio west per consegnare alla giustizia il pluricriminale Butch Cavendish. Durante la spedizione... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    Dispiace non poco che quest'ultima fatica del regista Gore Verbinski, interessante artigiano del cinema d'intrattenimento hollywoodiano nonché personaggio capac... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA
  • THE LONE RANGER – Nuove Clip sulla lavorazione del Film

    LONE RANGER Nuove Clip sulla lavorazione Film

    Uscito ieri in tutti i cinema nazionali, qui la nostra recensione, l’ultima proposta della Disney si segnala come uno dei Kolossal più spettacolari del 2013!! Leggere il seguito

    Da  Poison78
    CINEMA, CULTURA
  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    La leggenda di un improbabile giustiziere contrario alle armi, di un bizzarro cavallo bianco e di uno strampalato nativo americana, uniti nel nome della... Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    Come vi avevo annunciato fin dall'epoca prenatalizia, è uscito ier l'altro The Lone Ranger di Gore Verbinski. Dopo aver spolpato fino all'osso la saga dei Pirat... Leggere il seguito

    Da  Thetalkingmule
    CINEMA, CULTURA
  • “The Lone Ranger”, nuovo film con Johnny Depp nei panni di un indiano pazzo

    “The Lone Ranger”, nuovo film Johnny Depp panni indiano pazzo

    “Vi prego, commettete un errore, non c’è bisogno di fare una guerra.” “Ormai siamo già fantasmi.” Nella San Francisco del 1933 un ragazzino appassionato del not... Leggere il seguito

    Da  Alessiamocci
    CINEMA, CULTURA
  • Lone Ranger – Recensione

    Lone Ranger Recensione

    Lone Ranger è come una persona che si presenta bene, fa un sorriso smagliante e ti stringe la mano, poi pronuncia il suo nome: “piacere, dr.Frankenstein”. Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    CINEMA, CULTURA