Magazine Cinema

The Way Back, una recensione

Creato il 31 gennaio 2011 da Anellidifum0

The Way Back, una recensioneIeri con la compagna di viaggio (in agitazione per un importante incontro di dottorato) siamo andati a vedere l’ultimo lavoro di Peter Weir, The Way Back.

Se vi ricordate il film Into the Wild, di  Sean Penn, questo è un film molto simile per fotografia e bei panorami. Dunque raccomando di vederlo in un cinema con schermo grande, perché ne vale davvero la pena. Per gli amanti di Peter Weir, però, avviso subito che la pellicola sarà una delusione. Qui il regista australiano vorrebbe tornare sui toni del suo meraviglioso Gallipoli, ma la cosa proprio non gli riesce perché gli viene a mancare una sceneggiatura in grado di costruire dei personaggi belli come quelli del film sulla Prima guerra modiale.

Anche se il film è forse il più deludente di Weir, conserva tuttavia alcuni pregi. Anzitutto, fa vedere la realtà di un lager siberiano, cosa che a mia memoria non capita poi così spesso nemmeno nella cinematografia americana, figuriamoci in quella australiana. Appare subito chiara la diversa funzione del lager rispetto al campo di sterminio nazista: nel primo manca l’industria della morte e i prigionieri (messi lì per aver osato dissentire dal regime, o per essere banali criminali) sono costretti a lavorare in condizioni estreme che possono facilmente portare  alla morte, che però non è causata in modo diretto e voluto dalle guardie rosse. Sotto questo aspetto il film è fedele alla ricostruzione storica e può servire a quei qualunquisti che son convinti dell’equazione nazismo=stalinismo, campi di sterminio=lager.

Ma il protagonista del film non è il lager. Il protagonista è la lussureggiante natura della grande Russia, e poi della Mongolia, le montagne del Tibet, le colline dell’India. La storia, tratta dalla realtà, è un topos classico: un gruppo di prigionieri prova a scappare dalla loro prigionia. Come? A piedi. Camminando per mesi, e poi per anni, in condizioni estreme. Partiranno in un bel gruppo, arriveranno in pochi. Particolarmente azzeccato il personaggio di Colin Farrell nei panni di un criminale russo ancora idealizzatore di Stalin e Lenin (che porta tatuati sul petto) e non disposto a lasciare la sua patria nemmeno da fuggitivo. Gran prova di recitazione anche di Ed Harris, seppure il suo personaggio è quello più tirato per i capelli nella sceneggiatura. Ma non è certo colpa dell’attore, che anzi qui offre una delle sue migliori interpretazioni. Non convince, al contrario, la recitazione dell’unica attrice, Saoirse Ronan, in un “all boys movie” come non se ne vedevano da tempo.

Il film termina con una specie di Bignamino storico che riassume le vicende del comunismo brutto e cattivo dal 1940 al 1989. Il finalino didattico se lo potevano risparmiare, ma capisco che per il pubblico australiano e nordamericano torni utile, perché mediamente i miei studenti non sanno niente della storia del Novecento.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Domenico Cataldo-"The Way Out

    Domenico Cataldo-"The

    Per la terza volta in poco tempo mi ritrovo a parlare di un album strumentale, proposto da un chitarrista.Se nel primo caso Marcello Capra mi ha raccontato le... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • The way they are

    they

    L'altro giorno, in uno dei programmi più ignobili e seguiti della storia della televisione, questo, Barbra Streisand e Robert Redford si sono incontrati... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA
  • Mona - Trouble On The Way

    Mona Trouble

    A meno che non vogliamo rimanere sintonizzati nel vecchio mondo antico, non possiamo fare a meno di spendere cinque minuti della nostra giornata spostandoci su... Leggere il seguito

    Da  Wordsinsound
    CULTURA, MUSICA
  • coming back

    Rumeni rasati e muscolosi da far paura che guardano il culo ad una latina che parla al telefono il solito cingalese con le rose in mano che sta per cominciare l... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Mosquito's Way

    Mosquito's

    Tra neppure dieci giorni uscirà questo libro, l'Annuario 2011 di Malicuvata.Malicuvata è una Casa Lettrice, ma pure Scrittrice, Editrice e Organizzatrice, e... Leggere il seguito

    Da  Fabriziogabrielli
    CULTURA
  • Born This Way!! Out NOW!

    Born This Way!! NOW!

    Mancano poche ore all'uscita ufficiale del nuovo singolo di Lady Gaga "Born This Way" che anticipa il nuovo album... ma 93.3 FLZ Tampa Bay Radio Staion già la... Leggere il seguito

    Da  Misscalifornia
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Lady Gaga – Born This Way

    Ho fatto una pagina a parte, ma già che ci sono faccio pure un articoletto per ricordarlo. Il link è il seguente: Lady Gaga – Born This Way l’ultimo video di... Leggere il seguito

    Da  Videosmusic
    CULTURA, MUSICA