Magazine Fotografia

The Wolf of Wall Street, è davvero un bel film?

Da Fidya
 

Ieri ho deciso di andare a vedere uno dei film più attesi dell’anno, ovvero The Wolf of Wall Street del famosissimo Martin Scorsese, avevo letto delle recensioni bellissime su questo film, ma sinceramente l’ho trovato con tempi troppo lenti e ripetitivi, sesso, droga e soldi i punti chiave, ma pochi sentimenti o almeno poca morale, ad ogni modo ecco la trama del film.

The Wolf of Wall Street, è davvero un bel film?

1987: Jordan Belfort inizia la sua carriera come apprendista broker a Wall Street, sotto la guida dell’eccentrico Mark Hannah. È quest’ultimo che lo introduce a uno stile di vita esagerato basato sul sesso e sull’assunzione di droghe di ogni tipo per aiutare la mente a raggiungere importanti risultati. Jordan impara anche a compiere azioni disoneste che gli consentono di guadagnare molti soldi, e ben presto ottiene la licenza di broker. Il giorno stesso della sua assunzione, però, si verifica il cosiddetto lunedì nero, e la borsa crolla, causando il suo immediato licenziamento.

Per assecondare il suo sogno di diventare milionario, la moglie Teresa lo indirizza allora verso un modestissimo call center che si occupa della vendita di azioni quotate pochissimo. Grazie al suo stile aggressivo Jordan riesce ben presto a tornare in carreggiata e a riprendere la sua carriera di broker, ottenendo guadagni sempre maggiori. Poco dopo il ragazzo incontra Donnie Azoff, un suo vicino di casa ammirato dal suo stile di vita: i due decidono di mettersi in affari assieme e fondano un proprio studio, arruolando diversi malviventi medio-borghesi, in particolare spacciatori di droga. Belfort li istruisce su come truffare i clienti e ben presto lo studio si trasforma in una società, la Stratton Oakmont.

Dietro l’apparenza rispettabile c’è in realtà un complesso giro di truffe, che consente agli impiegati di guadagnare tantissimi soldi su ogni commissione. La rivista economica Forbes pubblica un articolo che mette in luce le sue attività truffaldine, ma ciò non fa altro che causare una notevole pubblicità all’azienda, che ottiene un numero incredibile di impiegati. Jordan e i suoi impiegati conducono una vita di eccessi tanto al lavoro quanto nel privato. L’uomo tradisce regolarmente Teresa con diverse prostitute e diventa ben presto dipendente da cocaina equaaludes. Ad un party aziendale Jordan incontra la bellissima Naomi Lapaglia, con la quale inizierà una relazione che lo porterà a divorziare da sua moglie per sposarsi con la nuova amante, con cui avrà anche una figlia di nome Skylar.

Intanto l’agente FBI Patrick Denham inizia a indagare sugli illeciti della Stratton; Jordan ottiene inoltre le azioni di Steve Madden, un grande produttore di calzature, guadagnando in un attimo ben 22 milioni di dollari. Per nascondere i proventi all’FBI, Belfort li trasferisce su un conto svizzero, usando come prestanome una zia inglese di Naomi, Emma, e come corriere la fidanzata slovena del suo socio Brad Bodnick, che verrà arrestato a causa di un diverbio con Donnie: questo mette a rischio l’azienda ma fortunatamente l’uomo non li tradirà, rimanendo in galera pur di non rivelare i loro nomi.

Donnie, sentendosi colpevole di questa sventura, regala a Jordan un flacone di un particolare tipo di quaaludes, vecchio di circa quindici anni. Poiché le pillole sono vecchie sembrano non avere effetto, così i due ne assumono un’abnorme quantità. Quella sera l’investigatore privato al soldo di Jordan Bo Dietl gli telefona per rivelargli che, dopo l’incidente di Brad, i telefoni di casa sua sono stati messi sotto controllo. In quel momento gli effetti della droga si fanno sentire e Jordan rimane quasi paralizzato; nonostante questo riesce a tornare a casa, dove trova Donnie al telefono con Saurel, il banchiere svizzero d’accordo con loro. Jordan riesce a impedire che l’amico gli riveli ciò che è successo con Brad, ma gli causa così un principio di soffocamento, dal quale riuscirà a salvarlo solo assumendo altra cocaina. Il giorno dopo Jordan verrà arrestato per guida in stato d’ebbrezza, ma sarà rilasciato quasi subito per mancanza di prove.

A causa del rischio sempre maggiore di essere scoperto, Jordan decide di lasciare l’azienda, ma durante il suo discorso di commiato ritratta. Nel corso di un viaggio in yacht in Italia, arriva la notizia della morte di zia Emma e, contemporaneamente, quella che Steve Madden avrebbe tolto le azioni dall’azienda. Jordan ordina immediatamente di partire per Monaco al fine di riprendersi il capitale lasciato scoperto da Emma, ma una violenta tempesta fa naufragare l’imbarcazione e tutti si salvano per miracolo. Anche l’aereo intervenuto per portarli a Ginevra precipita a causa del maltempo, e Jordan vede questo come un segno divino: decide così di non bere né drogarsi mai più.

Due anni dopo Saurel, il banchiere svizzero, viene arrestato e rivela all’FBI gli illeciti di Jordan, che viene così a sua volta arrestato. Per evitare di passare vent’anni in prigione, Jordan chiede e ottiene di collaborare con la giustizia fornendo i nomi dei suoi compagni. Naomi tuttavia decide di lasciarlo e di prendere con sé i loro figli; Jordan reagisce violentemente e assume dopo anni un notevole quantitativo di droga, andandosi poi a schiantare con l’auto contro un muro mentre tenta di fuggire con Skylar.

Il giorno dopo Jordan indossa un registratore e si reca in azienda per incriminare i suoi compagni, ma tenta di salvare Donnie passandogli un biglietto; Donnie a sua volta lo passa a Denham, che arresta di nuovo Jordan. Grazie alla sua collaborazione, tuttavia, l’uomo ottiene una pena minima di 36 mesi in un carcere a bassa sicurezza. Passata la detenzione, Jordan riprende la sua carriera tenendo seminari sulle strategie di vendita.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines