Magazine Cultura

Ti prendo e ti porto via [Roma]

Creato il 31 gennaio 2014 da Librimetro @Librimetro

Cappotto corto rosso, occhiali da vista dalla montatura vintage, taglio alla maschietta: la osservo e penso che sembra uscita da una rivista di moda. Se ne sta in piedi proprio di fronte alle porte del vagone, lottando con la borsa, che le scivola di continuo dalla spalla, ed il libro che si ostina a tenere aperto nonostante le spinte dei passeggeri che salgono e scendono intorno a lei. Ti prendo e ti porto via: chissà se del libro è stato il titolo evocativo ad attrarla, oppure l’autore, Niccolò Ammaniti, una garanzia per i suoi affezionati lettori.Ti prendo e ti porto via



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ti voglio bene(?) Denver

    voglio bene(?) Denver

    Che io Denver me lo ricordo relativamente poco. Nel senso che mi ricordo benissimo la sigla, ho memoria di me che lo guardavo...ma non ricordo assolutamente di... Leggere il seguito

    Da  Sommobuta
    CULTURA, DIARIO PERSONALE
  • Ti placciono i placebo?

    placciono placebo?

    Condividi Placebo “Loud Like Love” Era da un po’ che non ero più eccitato per una nuova uscita dei Placebo, band che avevo amato parecchio, soprattutto a fine... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • "jo ti recuardi, narcìs..."

    recuardi, narcìs..."

    Il Narciso di Caravaggio Narciso era figlio, tanto per cambiare, di una ninfa e di un fiume. La mitologia antica e moderna non ha mai saputo spiegare come ciò... Leggere il seguito

    Da  Giuseppeg
    CULTURA
  • Berlinguer ti voglio bene

    Berlinguer voglio bene

    Ora di cena. Orario democristiano adibito, oggi più che mai, al consueto incontro familiare dinanzi al teleschermo. Talvolta, con comune assenso, si decide di... Leggere il seguito

    Da  Coloreto
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Kant che ti pass(?)

    Kant pass(?)

    Quante volte, parlando di Kant, il filosofo altresì noto come cacacazzo di Konisberg, non vi è uscita fuori la celeberrima frase "Kant, che ti pass"? Scommetto... Leggere il seguito

    Da  Sommobuta
    CULTURA, DIARIO PERSONALE
  • Caro diario ti scrivo

    Caro diario scrivo

    Tra i numerosi pregi della letteratura per ragazzi c'è quello di annoverare, tra le proprie fila, delle vere e proprie perle. Perle che risultano spesso più pur... Leggere il seguito

    Da  Vocedelsilenzio
    LIBRI
  • Purtroppo ti amo

    Purtroppo

    Ho avuto l’onore di poter sfogliare le pagine dell’ultimo lavoro di un fotografo senese, Federico Pacini: Purtroppo ti amo.E’ una raccolta di scatti realizzati ... Leggere il seguito

    Da  Michelepinassi
    CULTURA

Magazines