Magazine Cultura

Ti stimo fratello

Creato il 08 marzo 2012 da Mistersimpatia @mistersimpatia

Ti stimo fratelloChecco Zalone ha fatto scuola e un altro talento di Zelig si prepara a incassare lo stesso successo. «Essiamonoi, essiamonoi»: glielo abbiamo sentito cantare centinaia di volte.
Giovanni è un ingegnere elettronico fresco di laurea in cerca di un lavoro e di un amore. Lasciata Genova per la più produttiva Milano, è raggiunto presto e con risultati rovinosi da Jonny, gemello diverso col vizio della house music e l’inettitudine al pensiero. Occupato presso un’agenzia pubblicitaria e legatosi sentimentalmente alla tirannica figlia del suo capo, Giovanni deve fare fronte alle continue incursioni del fratello, sistemato a casa sua e in attesa dell’esame per entrare nel corpo della Guardia di Finanza. Ossessionato dalla discoteca e da una ragazza intravista tra una gazzosa e una performance ipnotica, Jonny scompaginerà la vita convenzionale di Giovanni, rivelandone la spontaneità e chiarendone una volta per tutte le ambizioni professionali e sentimentali.
Dei tanti, troppi e inflazionati personaggi di Zelig, Jonny Groove era il più difficile da pensare sul grande schermo perché ‘agito’ da sole pulsioni ritmiche e privo di qualsiasi radicalità comica. Portatore di un giovanilismo ebete dentro jeans muccati, Jonny Groove è un fenomeno di costume senza un atteggiamento nei confronti della vita, senza un ‘discorso’ da articolare, senza una prospettiva morale (condivisibile o meno). Da questa assenza e insufficienza deriva la necessità di raddoppiare il personaggio e sdoppiare l’attore.
Un film demente che sconsiglio, se avevamo parlato male de “I Soliti Idioti” ebbene qui è ancora peggio. Mi è sembrato di voler a tutti i costi portare un personaggio inutile del piccolo schermo, sul grande schermo, in una sala ancora più buia. Un passo notevole, ma è davvero questo il cinema che vogliamo?


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Nessuno ti può giudicare, tranne me

    Nessuno giudicare, tranne

    Apperò, discreta manza la Cortellesi in questo film! Chi l'avrebbe detto? Nessuno mi può giudicare(Italia 2011)Regia: Massimiliano BrunoCast: Paola Cortellesi,... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA
  • Non ti arrendere

    arrendere

    Suor Evelyne ama il suo Dio che la guida e la sostiene, rendendo il suocuore ebbro di gioia. La sua vita è una missione colma di luce e di speranza. Il suo... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Cara, ti amo…

    Cara, amo…

    "Cara, ti amo..." è la storia di quattro amici che, alla soglia dei quarant'anni, affrontano le loro vicissitudini quotidiane, confrontandosi per cercare di... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Se sei così ti dico sì

    così dico

    Il titolo e la locandina sono terribilmente ingannevoli. Sembra la classica commedia romantica, che seppur dal finale scontato a volte è piacevole da vedere... Leggere il seguito

    Da  Annanihil
    CINEMA, CULTURA
  • Magna che ti passa

    Magna passa

    Anna Lombroso per il SimplicissimusUna inclinazione a godersi i “ponti” (del quale intenderà avvalersi in altra location), aerei e ristoranti pieni: il... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Faust - La rece che non ti aspetti

    Leggo una rece del FAUST di Sokurov su Il Fatto Quotidiano è di Elisabetta Battistini. Rimango sconcertato.Mi dicono non è nuova a queste recensioni.Per me segn... Leggere il seguito

    Da  Watanabe
    CULTURA
  • "Caro Amore Ti Scrivo"...

    "Caro Amore Scrivo"...

    Ti piace scrivere e hai un racconto che desideri far leggere? Da domani il nostro blog raccoglierà i testi migliori e li pubblicherà on line. Leggere il seguito

    Da  Tuttosuilibri
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazine