Magazine Cucina

TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA... ma con il tocco del Maestro! :)

Da Gatadaplar
Nella Mia cucina non può mai mancare un buon dolce... e dunque... dolce sia!
Ma mica una robina qualcunque...
Per festeggiare la fine dell'anno vecchio (finalmente!) e l'inizio di quello nuovo (migliore...?) avevamo in programma di aprire un panettone... ma mi pareva una robina proprio triste-triste essere tutti qui insieme e non fare niente di speciale "solo" perchè il dolce era già disponibile, bello e confezionato... sbaglio?
Così a poche ore dal Cenone, mi sono messa a sfogliare uno dei TRE libri del Maestro Montersino che mi sono stati regalati dai Suocerini e... uno di questi è tutto dedicato a Tiramisù e Chantilly e alle sue infinite varianti... 
Praticamente come avere Montersino dietro l'angolo a gridare Tiramisuuuuuuuuuu Tiramisuuuuuuuuuuuuuuu e visto che non c'è modo di zittirlo, ecco qui il...
TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA... ma con il tocco del Maestro! :)TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA
per la base tiramisù pastorizzata 175 g di tuorli (io a temperatura ambiente) 340 g di zucchero semolato 100 g di acqua 1 bacello di vaniglia
per la crema tiramisù classica 450 g di base tiramisù pastorizzata 500 g di mascarpone 500 g di panna fresca (io ne ho usati solo 250... perchè quelli avevo...)
per terminare il Tiramisù 1 o 2 biscotti secchi per ogni porzione, a piacere 1 tazza da thè di Caffè Hilly decaffeinato non zuccherato 50 g di cioccolato fondente al 70% Lindt 6 tazze da thè di vetro trasparenti
TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA... ma con il tocco del Maestro! :)Prima di iniziare tutto l'ambaradan, ho messo la panna e i ganci del frustino elettrico in congelatore, così da esser certa di aver tutto ben freddo e ho preparato il caffè.
Per fare la "base tiramisù pastorizzata" ho rotto le uova (ne ho consumate 8) in una ciotola e con la mano ho tolto i tuorli, sistemandoli in una ciotolina più piccola.
Ho mescolato rapidamente i tuorli per rompere la membrana e tolto la parte di tuorlo in eccesso, per raggiungere il peso indicato in ricetta (i 175 grammi).
A questi ho aggiunto la polpa del bacello di vaniglia e li ho montati leggermente con frusta a mano per qualche minuto.
TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA... ma con il tocco del Maestro! :)Nel frattempo avevo già messo sul fuoco un pentolino con l'acqua e lo zucchero lasciando salire la temperatura fino ai 121° indicati in ricetta.
Frusta a mano... alla mano :D ho fatto cadere a filo i tuorli nel pentolino con lo sciroppo e mescolato fino ad amalgamare il tutto, quindi ho trasferito subito il composto in planetaria montando come accessorio la frusta e ho avviato a velocità sostenuta (quasi il massimo) e lasciato montare fino a raffreddamento; la planetaria ha lavorato circa 8-10 minuti.
TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA... ma con il tocco del Maestro! :)
E questa è la base per il tiramisù pastorizzata, assolutamente sicura non essendoci consumo di uova crude.
TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA... ma con il tocco del Maestro! :)Per fare la "crema tiramisù classica" ho aggiunto nel composto in planetaria il mascarpone un poco alla volta fino a completo amalgamento quindi ho tolto la planetaria dal suo supporto e ho messo la panna precedentemente semimontata incorporandola con una spatola, con movimenti decisi dal basso verso l'alto.
Per terminare il "montaggio" del dolce, ho sbriciolato in 3-4 pezzi i biscotti, li ho tuffati velocemente nel caffè freddo e li ho sistemati sul fondo di ogni tazza.
Ho quindi riempito le tazze fino ad un centimetro o due dal bordo e spolverato in superficie con cioccolato fondente Lindt al 70% grattugiato molto fine e messo in frigo a riposare fino al dopo-cena :P***
Poichè mi è venuta una quantità industriale di Tiramisù, ho mandato al volo Il Compare e Papà a farsi un giro al supermercato a comprarmi i savoiardi e... ho montato altri due Tiramisù in due ciotole rettangolari, cosparso con lo stesso cioccolato e... messi in congelatore!
TIRAMISU' CLASSICO IN TAZZA... ma con il tocco del Maestro! :)Spero che Montersino non me ne voglia e che, volendo, abbia fatto la cosa giusta ma davvero ne è venuto tanto e non possiamo campare di Tiramisù una settimana... o si?! :P*****
Inutile dire che non ho dovuto sciacquare i vari ammennicoli sporcati per la preparazione, prima di cacciarli in lavastoviglie perchè... quando praticamente tutto finito, mi sono ritrovata in cucina un'orda di golosi, chi col cucchiaio a pescare nella planetaria, chi a leccare  la spatola, chi incastrato con la lingua nella frusta... insomma... gran risate e "baffi" color avorio intorno al tavolo! :*D


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines