Magazine Sport

Tour de Ski: il prologo va a Northug e Kowalczyk

Creato il 29 dicembre 2011 da Andreasport
Donne:
Grande prestazione per Justyna Kowalczyk che si aggiudica la settima vittoria nelle tappe del Tour de Ski beffando per soli quattro decimi la favoritissima Marit Bjoergen. La polacca aveva destato già ottima condizione in Slovenia a Rogla e ora le carte si rimescolano. Le favoritissime sono due con Johaug che può fare il bello e il cattivo tempo sull'Alpe del Cermis. Oggi a Oberhof c'è stato stranamente grando equilibrio con molte atlete in pochi secondi soprattutto nella fascia medio-alta. Al terzo posto si è classificata la sprinter svedese Hanna Brodin. Sfortunata gara per Krista Lathenmaaki che si trovava in lotta per la vittoria a metà gara, ma è stata vittima di una caduta sulle insidiose curve in discesa del tracciato tedesco. Le finlandesi hanno dato una buona prova di forza complessiva: Sarasoja quarta, Roponen sesta, Saarinen settima e la sfortunata Lahtenmaaki diciottesima.
Elisa Brocard
Fra le italiane è da sottolineare la buonissima prova di Elisa Brocard, ventunesima, e sicuramente la più adatta ad una formula di gara a tecnica libera che si trova a metà strada fra sprint e distance. Brava anche Ilaria De Bertolis che ha concluso in trentaquattresima posizione sfiorando i primi punti in carriera. Virginia De Martin Topranin, trentanovesima, potrà rifarsi domani cercando di rimontare diverse posizioni; ovviamente tutto dipende dallo stato di forma dell'alternista azzurra. Più indietro le altre che sono al Tour per cercare un acuto e fare esperienza, non avendo ancora chance di raggiungere le posizioni di alta classifica.
Uomini:
Northug si impone, Cologna è subito dietro, male gli azzurri. Se Bjoergen si è fatta beffare dalla sua rivale storica, Northug ha tenuto a bada i suoi due rivali più sentiti per costanza di risultati e motivi anagrafici. Dario Cologna ha dimostrato di essere il cofavorito per questo sesto Tour de Ski fermandosi a soli sette decimi dalla vittoria. Marcus Hellner è come suo solito partito fortissimo e nel finale ha subito il ritorno dei due e anche quello del francese Maurice Manificat che ha concluso terzo, dimostrando di aver raggiunto oramai una costanza incredibile ad alto livello. Niente podio, ma prestazione di squadra eccezionale per la corazzata russa che torna a ruggire: quinto Chernousov, settimo Legkov, ottavo Morilov, nono Vylegzhanin e quindicesimo Turychev. A livello di squadra anche i francesi sono stati competitivi con Duvillard decimo e Miranda undicesimo. Il canadese Alex Harvey è stato con i migliori terminando quinto, e nonostante siamo all'inizio, c'è da scommettere che sarà fra i migliori per tutto il tour. Lukas Bauer ha faticato chiudendo solo in ventisettesima posizione, ma avrà modo di rifarsi già domani andando a caccia degli avversari nei binari di Oberhof.
David Hofer
Notte fonda per gli azzurri: nemmeno quelli candidati ad avere un guizzo giornaliero sono riusciti ad esprimersi ad alto livello. Nessuno ha concluso in zona punti in una gara a tecnica libera con tutti quanti classificatisi in posizioni mediocri. David Hofer ha chuso trentaduesimo e tutti gli altri poco dietro in un fazzoletto di secondi. Le posizioni poco contano e domani si spera in una riscossa nonostante la tecnica sia poco favorevole. Il Tour de Ski è ancora lungo e queste prime tappe finiranno per essere interlocutorie.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazine