Magazine Italiani nel Mondo

Tour Paris 13: il regno della street art

Creato il 05 novembre 2013 da Italianiaparigi
Tour Paris 13: il regno della street art

Tour Paris 13: il regno della street art

La mostra temporanea Tour Paris 13 è stato uno degli eventi parigini che ha riscosso il maggior successo nel 2013.
Più di 25.000 persone hanno affrontato file interminabili per accedere a questo tempio effimero dedicato alla street art, situato nel XIII arrondissement, di fronte alla Senna e al ministero delle finanze.
L’esposizione, organizzata dalla galleria Itinerrance all’interno di un palazzo destinato alla demolizione, ha visto la partecipazione di 80 artisti provenienti da tutto il mondo che hanno esposto le loro creazioni in uno spazio di 4500 m² distribuito su 10 piani e 36 appartamenti.
L’elemento che ha reso questa mostra unica e che ha determinato un incredibile afflusso di visitatori è stato il carattere effimero della mostra.
La consapevolezza dell’imminente distruzione del palazzo e dei suoi graffiti ha motivato migliaia di parigini desiderosi di partecipare a un evento insolito e originale.
La Tour Paris 13, vittima del suo successo, è stata presa d’assalto da tantissimi curiosi e appassionati d’arte che ogni mattina, schierati in simmetrica fila indiana, hanno pazientato per ore interminabili davanti all’edificio rosso fuoco della rue Fulton.
Nel rispetto delle misure di sicurezza vigenti, l’accesso al palazzo era limitato a 49 persone contemporaneamente. Questa restrizione unita alla grande affluenza di pubblico e alla gratuità dell’evento ha determinato file mostruose: i visitatori hanno dovuto attendere mediamente dalle 5 alle 7 ore di fila!

Ho visitato la Tour Paris 13 il 31 ottobre scorso, ovvero l’ultimo giorno disponibile per vedere la mostra.
Se interessati, potete vedere le foto che ho scattato e i video che ho girato visitando rispettivamente la pagina Facebook e il canale Youtube  del blog.
Mi sono presentato sotto il palazzo decorato da un enorme graffito tribale su sfondo rosso, intorno le 9h30 del mattino. Ho messo piede all’interno della Tour Paris 13 alle 16h30. Sette estenuanti ore di attesa hanno messo a dura prova la mia pazienza e svariate volte ho avuto la tentazione di abbandonare la fila e rientrare a casa. Tuttavia la voglia di prendere parte a un evento effimero e di poter dire “io c’ero” è stata più forte.
La fila infinita ha rappresentato una vera e propria esperienza psicologica e umana che ha testato la pazienza di migliaia di parigini, allineati disciplinatamente, per aspettare il fatidico momento dell’accesso al palazzo.

La mostra, coloratissima e fantasiosa, era semplicemente stupenda. Artisti come C215, Katre, El Seed, Rapto, Pantonio, Lek & Sowat, Guy Denning, HOPNN, Marko 93, Stew e tanti altri sono stati capaci di convertire un palazzo semi-abbandonato in un gigantesco museo effimero che ha accolto la più grande esposizione di street art del mondo.
Gli artisti hanno dato sfogo a tutta la loro creatività e ogni appartamento della Tour 13 si è trasformato in un pianeta del loro universo onirico e allucinato: un vero e proprio festival dell’arte urbana impreziosito da tecniche artistiche finemente utilizzate (collage 3D, spray, pixacao, light painting), stanze segrete, passaggi inattesi e una riproduzione in stile puntinista dell’affresco della cappella Sistina.
Nonostante varie petizioni e richieste al municipio, la mostra sarà distrutta tra poco tempo insieme al palazzo che l’ha ospitata.
Le creazioni artistiche della Tour Paris 13 sono ancora visibili sul sito dedicato all’esposizione che dal 1 novembre (data di chiusura della mostra) è simbolicamente disponibile nella versione in bianco e nero.
Se non è stato possibile salvare l’esposizione reale dalla sua fine imminente è, invece, realizzabile il progetto di conservare l’esposizione vitrtuale.
Per salvare virtualemente i graffiti della Tour Paris 13, i visitatori del sito dovranno cliccare, prima dell’11 novembre, uno dei 500.000 pixel della mostra online.
Il pixel cliccato si colorerà come per magia e quando la percentuale di salvataggio avrà raggiunto il 100%, l’opera avrà la certezza di continuare a esistere…almeno sul web.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Beauty || Surprise by Caudalie Paris

    Beauty Surprise Caudalie Paris

    from my Instagram accountBuongiorno, chi mi segue su Instagram (mi trovate come @gretamiliani), qualche giorno fa ha visto che Caudalie Paris, azienda francese... Leggere il seguito

    Da  Gretamiliani
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Haute Couture à Paris

    La Fédération Française de la Couture, du Prêt-à-Porter, des Couturiers et des Créateurs de Mode ha presentato il calendario degli appuntamenti dell’alta moda... Leggere il seguito

    Da  Sandfashionblog
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Colette Paris

    Colette Paris

    Ciao a tutti!Vorrei parlarvi di una linea cosmetica con una formulazione ad altissima Fitobiotecnologia Molecolare: Colette Paris. Leggere il seguito

    Da  Tiziana Balduini
    BELLEZZA, LIFESTYLE, PER LEI
  • Paris Mon Amour... o no?

    Paris Amour...

    Da sempre scrivo sui mobili me lo ero inventato in Germania quando vivevo ad Hamburg nel 98 del secolo scorso... mi piaceva il contrasto col bianco che giaà... Leggere il seguito

    Da  Marziasofia1
    ARREDAMENTO, HOBBY, LIFESTYLE
  • Jungle - Kenzo - Paris

    Jungle Kenzo Paris

    Eccola qui! Finalmente mi sono decisa ad indossare la mia t-shirt di Kenzo! Penso proprio che la sfrutterò per diversi outfit questa estate....che ne dite del... Leggere il seguito

    Da  Lenselse
    LIFESTYLE
  • { Paris | The Maison Champs Elysées }

    Paris Maison Champs Elysées

    High Fashion meets avant-garde Interior Design For those of us who wrestle between our two passions, fashion and interiors, finally there is a way to enjoy... Leggere il seguito

    Da  Theparisienne
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Paris street style

    Paris street style

    Si è conclusa, ormai da qualche giorno, la settimana della moda parigina.Non potevo dedicare un post, anche se brevissimo, allo street style, con i look che... Leggere il seguito

    Da  Colorblock
    LIFESTYLE, MODA E TREND