Magazine Attualità

Trance di nasello alla mugnaia

Creato il 13 ottobre 2011 da Yellowflate @yellowflate

Trance di nasello alla mugnaiaIl Nasello o Merluzzetto  è un pesce d’acqua salata.

Il nasello presenta un corpo allungato e slanciato, i denti prominenti e forti. Il suo dorso è di tonalità grigio-nerastra, così come l’interno della bocca, mentre i fianchi hanno un colore più argenteo.
Può raggiungere grosse dimensioni: 140 cm di lunghezza per un peso di 15 kg. Si trova nelle acque dell Mediterraneo. nel Tirreno e nell’ Adriatico. Molto utilizzato in cucina, preparato in filetti o tranci, fritto impanato, o cucinato per famose ricette, è un pesce a  carne bianca, povero di grassi, e quelli che ha sono gli acidi grassi polinsaturi (“Omega 3); è ricco di proteine, di sali minerali (quali il fosforo, il calcio, lo iodio ed il ferro) e di vitamine del complesso B.

Potete eseguire questa ricetta anche con i filetti di nasello congelati.

Trance di nasello alla mugnaia

6 trance di nasello

un bicchiere di latte crudo

farina

gr 125 di burro

u bicchiere d’olio

sale, pepe, un  mazzetto di prezzemolo

3 limoni

Per accompagnare

kg 1,500 di patate sbucciate e lessate

burro, prezzemolo tritato

Fate tagliare le fette di pesce dello spessore di un cenimetro e mezzo-due. Preparate il latte in una scodella e la farina, circa due manciate, sparpagliata sopra una carta bianca. Scaldate il burro e l’olio in una padella, tuffate velocemente le trance di pesce nel latte, una per volta, scolatele, infarinatele, fate cadere la farina in eccesso, rosolatele a fuoco vivo. Rivoltatele appena dorate, abbassate la fiamma e fatele dorare dall’altra parte. Toglietele dal fuoco, mettetele in un tegame da forno. Condite con una presa di sale e pepe, passatele al forno a 200°, lasciando terminare la cottura a sportello aperto. A parte lavate il prezzemolo, tritatelo, mettetene una presa abbondante sopra ogni fetta di pesce e servite con intorno gli spicchi di limone. Il pesce va accompagnato con le patate cosparse di burro fuso e prezzemolo.

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog