Magazine

Trasparenze. Per capire "dove" e "cosa" siamo

Creato il 12 giugno 2013 da Francesco74

Trasparente, come l’acqua. Per vedere con chiarezza dove siamo, cosa siamo. A Villa Jamele, a Orsara di Puglia, c’è una scatola di vetro.  The glass box. Sembra quasi un tempio, e spesso vi si celebrano matrimoni. Tutto intorno c’è il “dove” e il “cosa” siamo. I vigneti su un lato, un grande orto su un altro, il bosco che s’intravede in lontananza, un prato immenso e poi un castello del colore del sole. Carlo Petrini ne è rimasto incantato. Nel 2011, il fondatore di Slow Food, in quella scatola di vetro ha (ri)scoperto la Capitanata. Terra di agricoltori, di contadini, di cose buone. In quell’occasione, era il 9 ottobre di due anni fa, Petrini arrivò a Orsara di Puglia per portare il suo saluto a Peppe Zullo e celebrare i 25 anni di attività del cuoco-contadino. Quel giorno si parlò di quello che “the glass box” mostrava grazie alle sue trasparenze: la terra, i suoi prodotti, una cultura legata in modo indissolubile ai colori e ai sapori dell’orto, agli alberi e alle piante del vicino bosco, ai grappoli d’uva che maturano lentamente nei vigneti. Assieme a Carlo Petrini c’era anche Oscar Farinetti, fondatore di Eataly. “Per me è stata una grande occasione di vedere applicata, in maniera egregia, non solo la filosofia di Slow Food, ma anche la capacità manageriale di un contadino che ha saputo ridare alla sua terra quell’orgoglio che si merita. Questo è un esempio vivente di come è possibile conciliare un’economia giusta, positiva, nel rispetto dell’ambiente e anche della giustizia sociale. Da sempre mi affascina la bellezza di questa terra e anche la determinazione con cui una nuova generazione di cuochi ha saputo fare cose meravigliose”, disse allora Carlo Petrini.  Nel tempio di vetro, posto nel cuore della tenuta di Villa Jamele, Peppe Zullo celebra il matrimonio tra la terra e la tavola e spesso ospita convegni e appuntamenti in cui si discute di qualità, di eccellenza dell’agroalimentare “made in Puglia”. E’ quanto accaduto, ad esempio, il 19 ottobre 2012, quando il pastificio Granoro, uno dei marchi di punta dell’agroalimentare pugliese e italiano ha deciso di presentare proprio a Orsara, proprio in the glass box di Villa Jamele, il progetto “Prodotti di Qualità Puglia” e la prima pasta certificata 100% pugliese realizzata con i grani di Capitanata. Il grano, il pomodoro, la frutta, gli ortaggi, il vino e la cucina: storie di fatica e di successi, acquerelli naturali, la terra madre. Il 9 giugno 2013, ancora una volta, qualcuno ha scelto le vetrate e le trasparenze al centro della struttura di Peppe Zullo per raccontare uno degli aspetti più edificanti e positivi dell’agroalimentare pugliese. Questa volta, il tempio di vetro ha ospitato un meeting dedicato all’asparago, un prodotto del settore orticolo per il quale la provincia di Foggia è leader in Puglia e in Italia. Per quanto riguarda l’asparago verde, la Capitanata rappresenta il 95 per cento della produzione regionale, con 1.500 ettari di superficie agricola impiegata, oltre 100 mila quintali raccolti annualmente, per una filiera che conta su un volume d’affari stimato in più di 15 milioni di euro l’anno e un export che porta il “made in Foggia” su tutti i mercati del mondo.  L’appuntamento dello scorso 9 giugno è stato organizzato dalla Cooperativa Giardinetto, una realtà produttiva che mette insieme oltre 150 produttori agricoli, 600 ettari di colture orticole, 1500 ettari di cerealicole, un fatturato a sette zeri, con l’80 per cento della produzione indirizzata all’export in Europa e nel mondo, 20 lavoratori impiegati stabilmente e poco meno di 100 per 10 mesi all’anno.C’è una peculiarità che rende unico l’asparago coltivato a Orsara di Puglia: qui, nelle terre ricche di selenio dell’agro orsarese, il gambo del prezioso ortaggio è interamente verde e totalmente commestibile a differenza delle varietà prodotte in Veneto e in altre regioni italiane. Si tratta di un prodotto completamente tracciabile che arriva sui mercati del Bel Paese e in quelli internazionali col marchio “Prodotti di Puglia”. In onore di “Sua maestà l’asparago”, Peppe Zullo ha preparato pasta, pane e perfino un gelato a base di asparagi. Sui tavoli e nei piatti ancora una volta è stato servito un modello sano di economia e di cultura, fatto di cooperativismo e di qualità. Si può fare, e si fa. Anche in tempi di crisi. Anche in Capitanata. Il tempio di vetro di Villa Jamele ne è testimone e megafono.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Per Marisa

    Ciao Marisa,si sono proprio io, quella che è venuta a trovarti stamattina. C'erano tante cose che volevo dirti ancora e quindi ti scrivo.... qua. Leggere il seguito

    Da  Francesca_82
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Per Giovanni

    Giovanni

    In una sera strana di gennaio, un vento caldo è arrivato e se l'è portato via.Lui, che ogni giorno veniva a giocare con me quando ero piccola, orgoglioso come s... Leggere il seguito

    Da  Oggimordo
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Nuovo aggiornamento per l’app eBay per iOS

    Nuovo aggiornamento l’app eBay

    eBay ha aggiornato la sua applicazione per iOS, introducendo nuove funzionalità che semplificano il processo di creazione e pubblicazione delle inserzioni sul... Leggere il seguito

    Da  Redazioneatv
    TECNOLOGIA, TELEFONIA MOBILE
  • I Saldi per LUI e per LEI

    Saldi

    Siamo ormai entrati nel vivo dei saldi. Approfittate degli sconti per poter aggiungere al vostro guardaroba non solo i capi che non avete preso nei mesi passati... Leggere il seguito

    Da  Glamoos
    LIFESTYLE
  • Per lucia

    lucia

    Nel giardino del cuoreè sbocciata una rosaHa un profumo delicatoLa sua veste è bianca come la luceSi offre così, semplicementeall'aria del mattinoed io, così,... Leggere il seguito

    Da  Paola50
    TALENTI
  • Halloween tragico per Federica come per Meredith

    Halloween tragico Federica come Meredith

    Da: TGCOM24La famiglia di Federica: "La verità è lontana"Giallo Anguillara, ancora tanti punti da chiarire"Mia figlia aveva paura del buio e non può aver... Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • per amore

    amore

    Il soldato inglese, nella fotografia, si chiamava Horace Greasley ed è sopravvissuto al campo di concentramento, dove lo vediamo, per morire il 4 febbraio del... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ