Magazine Cinema

Trittico Pulp Video, dalla Sharon Stone horror al Frankenstein giapponese

Creato il 08 gennaio 2012 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Non è la prima volta che ci occupiamo su queste pagine del ricchissimo catalogo Pulp Video, che, nel solo 2011, ha deliziato il mercato digitale con veri e propri cult del cinema bis quali Flesh Gordon-Andata e ritorno… dal pianeta Korno! (1974) e il televisivo Una donna in crescendo (1993), interpretato da Daryl Hannah; senza contare gli esordi stalloniani – dal porno Italian stallion (1970) a Taverna Paradiso (1978) – e l’horror con Robert”Freddy Krueger”Englund Night terrors (1995), diretto da Tobe Hooper.

Trittico Pulp Video, dalla Sharon Stone horror al Frankenstein giapponese
E proprio di Hooper torniamo a parlare, perché la label lancia per la prima volta su dvd italiano – fornito di sezione extra costituita da trailer originale, galleria fotografica e filmografia del regista – uno dei titoli più noti del suo curriculum: The funhouse-Il tunnel dell’orrore (1981), uscito in piena esplosione slasher (era lo stesso periodo di Halloween 2-Il signore della morte e del secondo Venerdì 13) e sicuramente debitore nei confronti del precedente Horror puppet (1979) di David Schmoeller, a sua volta derivato in maniera evidente dal capolavoro hooperiano Non aprite quella porta (1974).

Con un inizio che cita esplicitamente sia quello di Halloween-La notte delle streghe (1978) che la mitica scena della doccia di Psycho (1960), la vicenda di quattro amici – tra cui la Elizabeth Berridge poi vista in Amadeus (1984) – che, in cerca di una serata all’insegna del divertimento, rimangono di nascosto all’interno del tunnel dell’orrore di un luna park durante l’orario di chiusura; senza immaginare, però, di doversela vedere con il sanguinario, deforme figlio del padrone del posto.

Quindi, con SilviaCaloreMiles inclusa nel cast, una horror metafora che, partendo dalle conseguenze dovute ai gesti spesso incoscienti di tanti giovani, riguarda la crescita; relegando gli omicidi, però, alla sola ultima mezz’ora dei circa 86 minuti di visione.

Trittico Pulp Video, dalla Sharon Stone horror al Frankenstein giapponese
Ma, se parliamo di nomi noti del cinema della paura, non possiamo fare a meno di tirare in ballo il mitico Wes Craven, del quale la stessa casa di distribuzione recupera quel Benedizione mortale (1981) che, appartenente al suo periodo precedente al successo ottenuto con Nightmare-Dal profondo della notte (1984), non ebbe nemmeno diffusione in vhs dalle nostre parti.

Anche in questo caso, lo sviluppo della trama sfiora i connotati dello slasher, con una serie di uccisioni operate da un misterioso spirito del male dopo che il figlio del più anziano adepto di una misteriosa comunità della Pennsylvania atta a contestare il progresso tecnologico decide di sposare una donna non appartenente al gruppo.

Al di là del fatto che le musiche sono a firma del futuro premio Oscar JamesTitanicHorner, accanto al grandissimo Ernest Borgnine è una giovane e ancora sconosciuta Sharon Stone a rappresentare il nome di punta di un’operazione che, caratterizzata da un inaspettato epilogo destinato a virare sull’assurdo, individua i suoi momenti migliori nella sequenza in cui un serpente penetra nella vasca colma d’acqua occupata da una donna e in quella che vede un ragno calarsi tramite ragnatela nella bocca di un’altra.

Trittico Pulp Video, dalla Sharon Stone horror al Frankenstein giapponese
Contenuti speciali bene o male uguali a quelli del film di Hooper, mentre teaser, trailer originale e scene inedite in lingua originale corredano il disco Pulp del fino a oggi rarissimo Frankenstein alla conquista della Terra (1965), co-produzione tra la giapponese Toho e i re del basso costo a stelle e strisce Samuel Z. Arkoff e James H. Nicholson che vede al timone di regia l’Ishiro Honda responsabile del primissimo lungometraggio su Godzilla e di diversi suoi sequel.

Del resto, partendo dalla figura di un bambino sopravvissuto alla bomba di Hiroshima e ingigantitosi dopo aver mangiato il cuore del mostro di Frankenstein, i circa 93 minuti di visione – qui presentati in versione integrale con alcuni momenti sottotitolati – non sfruttano altro che un’atipica, bizzarra fusione tra la vicenda della creatura ideata da Mary Shelley e i cosiddetti kaiju eiga, ovvero i film nipponici di mostri giganti. Mentre il protagonista, incolpato dai comuni mortali di alcuni misfatti che non ha compiuto, tenta di dimostrare la propria innocenza e di salvare la razza umana affrontando il vero colpevole: il dinosauro Baragon.

Francesco Lomuscio

Trittico Pulp Video, dalla Sharon Stone horror al Frankenstein giapponese
Scritto da il gen 8 2012. Registrato sotto VIDEODRHOME. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog