Magazine Società

Tutti dicono I love You

Creato il 02 febbraio 2010 da Pinomario

In tempi di “amore liquido” (Bauman) possiamo smettere di interrogarci su cosa diciamo quando diciamo: ti amo? O vogliamo appaltare, anche su questo argomento, il nostro cervello a conduttori e comparse di talk show e reality?
E allora cominciamo, facendoci guidare dalle riflessioni del raffinato filosofo Jean Luc Nancy, (Sull’amore, Bollati Boringhieri; vedi anche Nancy, M’ama non m’ama, Utet), dal constatare che in questo nostro mondo, comandato da troppi calcoli, aspettative e valutazioni, si ha l’impressione che amare sia sottoposto a troppe domande. “Amare – si, ma secondo quale misura di gusto? Secondo quale aspettativa di durata, secondo quale modo di esistenza? Secondo quali rischi e quali chance? Amare – sì, certo,vi aspiriamo sempre, ma non senza misurare i possibili costi e benefici, non senza prevedere più o meno espressamente la possibilità di limitare o di abrogare l’impegno. Amare – sì, lo diciamo sempre, ma non confondendo forse l’impegno incondizionato con le attrattive della condivisione (calore, compagnia, comfort non nel senso antico del termine, bensì scivolando verso il suo senso moderno di confortevole, gradevole, comodo) oppure con le spinte del desiderio?” Forse è per questo che l’amore ci sembra oggi talora in pericolo: minacciato, rovinato, degradato? Forse è per questo che “abbiamo sviluppato una coscienza così acuta delle illusioni, delle trappole e delle inconsistenze dell’amore”?
E poi, non è significativo che la parola cristiana per amore, la “carità”, terza virtù teologale, che starebbe a indicare un amare caramente, un sentire caro (chérir), un donare o riconoscere un prezzo assoluto (e quindi nessun prezzo calcolabile) a qualcuno, un valutare l’inestimabile, “sia caduta al rango dell’elemosina condiscendente e per questo quasi impossibile da riannodare seriamente all’amore di quel Dio” di cui è detto che “è amore” e che “la sua legge è amore”? Sembra davvero che si sia fatto di tutto, anche nella pratica dottrinale e sociale delle Chiese, per far svanire questo rapporto tra amore e Dio!
Perché ciò è avvenuto? Come è stato possibile?
Ci consola forse il fatto, scrive J.L. Nancy, che, in ogni caso e nonostante tutto, “siamo in apprensione per l’amore, che non cessiamo di cercarlo nella vita e di interrogarlo nel pensiero, comprendendoci e, assieme e allo stesso tempo, fraintendendoci su quel che abbiamo così di mira, questo solo fatto ci assicura che l’amore c’inquieta, che ci tiene in allerta e che è una scommessa” – la scommessa? Non ci resta allora che amare questa “inquietudine d’amore riguardo all’amore”?
In fondo, dovremmo, forse, dire: “l’amore ovvero il senso”!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Tutti i dati che dimostrano l’esistenza del signoraggio

    di Giovanni Passali Un lettore mi ha inviato un commento all’articolo “FINANZA/ Quanto ci costa il signoraggio delle banche centrali?”. Leggere il seguito

    Da  Artigianauta
    SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Tutti i colori del bianco

    Segnalo l'uscita del nuovo numero di Studi Culturali, con un inserto ( a cura di Gaia Giuliani e con articoli di Valeria Ribeiro Corossacz, Giulietta Stefani e... Leggere il seguito

    Da  Vi
    PARI OPPORTUNITÀ, SOCIETÀ
  • Contro tutti i totalitarismi

    Contro tutti totalitarismi

    Cinque mesi di carcere per aver definito "talebani" gli intellettuali che fomentarono l'odio che portò alle guerre jugoslave degli anni '90: è la sentenza emess... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    SOCIETÀ
  • I love you Babe

    Qualche riflessione in merito alla tesi di laurea di Barbara Berlusconi (d'ora in poi: Babe). Innanzitutto: congratulazioni alla neo-laureata. Leggere il seguito

    Da  Lucas
    SOCIETÀ
  • Oggi ce n'è per tutti i gusti

    Oggi tutti gusti

    Un po' di pensieri in libertà senza troppo rileggere...Oggi alle 14.30 finalmente arriva 'sto benedetto PIL USA del 2° trimestre 2010: tutti lo attendono con... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • I love you, Iceland

    love you, Iceland

    Questo blog cambia ufficialmente nazionalità… e ora si batte bandiera islandese. Viva l’ Islanda! L’Italia non è un paese per bloggers. Ormai è dimostrato. Leggere il seguito

    Da  Ladylindy
    SOCIETÀ
  • with or without you

    with without

    La prossima settimana sarà una di quelle, che da gennaio 2009 con regolarità capitano, di una moria di “amici” e conoscenze. Perché regolarmente ad ogni articol... Leggere il seguito

    Da  Ivy
    SOCIETÀ

Magazine