Magazine Politica

Ucraina: la farsa regna sovrana tra Kiev e Ue

Creato il 13 settembre 2014 da Albertocapece

downloadLa storia qualche rara volta si diverte e spernacchia chi pretende di farla con leggerezza e inganni, La cosa purtroppo accade  raramente, ma abbiamo la fortuna in questi giorni di assistere a uno di questo momenti con la possibilità di trarne qualche lezione e qualche indicazione capace di trapassare il velo della banalità e del conformismo. Nell’autunno del 2013 il presidente ucraino Janukovyc rinviò di un  anno la ratifica degli accordi con l’Ue e l’Fmi per valutare una controfferta della Russia che appariva più conveniente per il Paese.

Ma evidentemente gli ucraini devono avere una vena masochista perché scesero in piazza ansiosi di provare sulla loro pelle le clausole austeritarie che facevano parte integrale dell’accordo con l’Europa e il fondo monetario. E scacciarono il presidente regolarmente eletto. Per la verità si trattava di qualche migliaio di persone inquadrate nelle milizie neonaziste foraggiate da organismi americani, perché come riferì Victoria Nuland , assistente del segretario di Stato Usa e inviata a Kiev dal governo Obama “Senza il sostegno finanziario e morale degli Stati Uniti l’opposizione al regime di Janukovich cesserebbe”. Però credere nelle balle e nelle narrazioni senza senso è una sindrome delle popolazioni occidentali sottoposte alla morbida tirannia mediatica oltre che una caratteristica del declino degli imperi.

Qui però arriva il bello visto che proprio ieri la stessa Ue ha rinviato di un oltre un anno, vale a dire al dicembre 2015, l’entrata in vigore dell’accordo per diversi motivi uno dei quali paradossale:  che proprio le sanzioni contro la Russia con cui Bruxelles ha ubbidito a Washington e che l’Ucraina  sarebbe tenuta ad osservare, distruggerebbero quel poco di economia che ancora rimane e che peraltro è legata al 90% con quella russa.  Con  la certezza di dover spendere somme enormi per sostenere Kiev e con il pericolo di trovarsi alle prese con piazze piena di gente vera e non prezzolata, sostenuta dalle Ong di Soros  o illusa dai media e magari con una vera rivoluzione senza il solito regista.

Se poi a questo aggiungiamo anche la guerra santa dichiarata da Obama all’Isis, ovvero contro gli ex  amici foraggiati di soldi e di armi, poi trasformatici in nemici da combattere con la guerra infinita, poi di nuovo in amici e ancora una volta in nemici, abbiamo fatto tombola, la farsa alla Feydeau, ma senza stile e rigore, è in pieno svolgimento.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines