Magazine Italiani nel Mondo

Ultime notizie dal paese della Tata Nano

Creato il 18 aprile 2010 da Mariagraziacoggiola
Ecco qualche notiziola degli ultimi giorni da questo paese che non finisce mai di stupire
Le Tata Nano stanno invadendo Delhi. Ebbene si’, a due anni dal commovente lancio della topolino che esaudira’ i sogni degli indiani, la Nano ha cominciato a occupare il suo (piccolo) posto nel mostruoso traffico della capitale. Piu’ o meno ogni volta che esco mi capita di vederne una. Segno che le consegne stanno avvenendo, anche se qualcuna ha preso fuoco appena uscita dal concessionario, ma questo e’ un dettaglio…Mentre andavo nella zona diplomatica in scooter, ieri, sono stata superata da una Nano gialla, ancora con i segni della ‘puja’ sul cofano e i sedili incellofanati. Come me, anche gli altri automobilisti curiosi la stavano osservando avidamente. Ho notato anche una certa reverenza. Nel senso che le e’ stata data la precedenza e si sono anche mantenuti a una certa distanza (non so se per via del rischio che prenda fuoco come e’ successo…). Secondo me la Nano, almeno per ora, gode di un certo rispetto nella giungla d’asfalto.
Fa caldo come non faceva da 50 anni ad aprile. E’ quello che ho letto sui giornali oggi mentre stoicamente mi imponevo di fare colazione fuori sotto il sole ‘primaverile’. E’ vero. Delhi ribolle a 42 gradi o piu’ a seconda di dove si misura la temperatura. Qualche grado in meno la notte. A me piace questo calore, non uso nemmeno l’aria condizionata, ma solo il ventilatore. L’unico problema e’ surriscaldamento del laptop che cerco di ridurre con del ghiaccio sintetico, rimasuglio di una vecchia borsa frigo che usavo per la Pasquetta. In citta’ e’ chizzata la vendita di angurie e anche purtroppo la frequenza delle interruzioni di corrente (che pero’ permettono al mio laptop di raffreddarsi).
Il flop del vettore con motore criogenico. L’altro giorno gli scienziati indiani hanno lanciato un razzo con un sistema di propulsione fatto da loro con tanta fatica perche’ non e’ facile reperire certa tecnologia con pochi soldi (e senza spie). Il ‘Cape Canaveral’’ indiano e’ un isola sulla Baia del Bengala. Avevo scritto una notizia e stavo seguendo la partenza in diretta sul canale CNN IBN. Il razzo era uno di quelli giganteschi e portava un grosso satellite per le comunicazioni, anche quello orgoglio della scienza indiana. Quando e’ partito ha lasciato dietro una enorme scia di fuoco e fumo. Dalla sala di Cape Canaveral tutti si sono alzati in piedi e hanno applaudito. Dopo un paio di minuti vedo pero’ che la scia di fumo in cielo prende una piega storta. La Tv inquadra gli scienziati chini sui computer. Qualcuno scrolla la testa, altri confabulano. La commentatrice televisiva ipotizza che ci puo’ essere un problema. Sotto le immagini compare una scritta BREAKING NEWS: TROUBLES? Tutti quanti, me compresa, tratteniamo il fiato. La scia e’ sempre piu’ storta. Uno scienziato parla di ‘deviazione’, poi subito dopo dice che ‘’e’ stato perso il controllo’’. A quel punto vado in panico. Dove cadra’? Un collega che mi chiama al telefono mi dice di guardare fuori dalla finestra…Intanto gli scienziati confermano di aver perso il controllo del razzo a causa del malfunzionamento di due motori. E poi annunciano che il test sara’ compiuto di nuovo tra anno!
Dopo parecchie ore scopro finalmente che il costoso razzo con il suo altrettanto costoso satellite e’ finito in mare. Immagino lo splash, spero non abbia centrato nulla. Immagino si trovi negli abissi dell’oceano con il suo decantato motore criogenico e le altre diavolerie elettroniche. Un tesoro negli abissi. Chissa’ se qualcuno lo andra’ a recuperare? Per i riciclatori di e-waste vale un fortuna. La stampa indiana naturalmente tace anche su quanti soldi sono stati buttati a mare.
Prove di asfalto. Con i giochi del Commonwealth, che saranno a ottobre. La citta’ e’ un inferno di cumuli di terra, macerie, cantieri edilizi e polvere, tipo quella vulcanica islandese, ma piu’ bassa. Una devastazione da cui solo un paese come l’India - dove tutto (ma proprio tutto) e’ possibile - puo’ venirne fuori. Qualcosa pero’ e’ gia’ cambiato. Da casa mia al Khan Market, noto posto di ritrovo per stranieri a sud Delhi, non ci sono quasi piu’ buche. Me ne sono accorta l’altro ieri quando mi sono stupita di come lo scooter filasse liscio sull’asfalto. Ovviamente, e lo sottolineo dieci volte, sto parlando della parte ricca di Sud Delhi, che non e’ nemmeno il 10 % della capitale (del resto non nulla perche’ ci vado raramente). In effetti il manto stradale era quasi perfetto. Ma che davvero Delhi stia per diventare una ‘first class city’ come vorrebbe la governatrice Sheila Diskhit?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ultime gocce

    Ultime gocce

    Cado ai piedi di una emozione la guardo a lungo senza parlare Le ultime gocce avvolgo del sapore rimasto Un colpo di frusta sembra scuotermi dinanzi a quel... Leggere il seguito

    Da  Rimmel
    POESIE
  • La pun"tata" della settimana

    pun"tata" della settimana

    Puntata deliziosa che vede Tata Francesca da Frosinone City alle prese niente meno che con Elton John!Tra equivoci...e risate ,non perdetevi la cotonatura... Leggere il seguito

    Da  Decorazionisegrete
    SERIE TV
  • Le parole ultime, e non famose

    parole ultime, famose

    Qui, tra le varie cazzate, scrivevo che non avrei ma più cambiato l’headline di Oldboy. Quel “mai più” è durato sì e no cinque mesi. Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA
  • La pun"tata" della settimana

    pun"tata" della settimana

    Lo so,l'ho già postata....Ma ieri ho visto questa puntata de "la Tata" in tv e devo dire che è sicuramente una delle più belle e divertenti di sempre!Non... Leggere il seguito

    Da  Decorazionisegrete
    SERIE TV, TELEVISIONE
  • Così parlò il nano da giardino

    Così parlò nano giardino

    Chi non si intende di roditori probabilmente non conosce i gerbilli e soprattutto non sa come si chiamano, cosa fanno e dove vivono. Leggere il seguito

    Da  Mirco
    RACCONTI, TALENTI
  • La pun"tata" della settimana

    pun"tata" della settimana

    .Oggi è la festa della mamma e quale puntata della mitica tata è più azzeccata di questa?Francesca infatti è impegnata in una particolare gara proprio per la... Leggere il seguito

    Da  Decorazionisegrete
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SERIE TV, TELEVISIONE
  • La pun"tata" della settimana

    pun"tata" della settimana

    Cosa suderebbe se proprio il Signor Sceffield,prouttore a Broadway,non volesse tentare di far pubblicare un suo romanzo e tata Francesca a sua insaputa lo... Leggere il seguito

    Da  Decorazionisegrete
    SERIE TV, TELEVISIONE