Magazine Astronomia

Un altro asteroide ci "sfiora"

Creato il 03 settembre 2014 da Aliveuniverse @_AliveUniverse

Pubblicato Mercoledì, 03 Settembre 2014 15:34
Scritto da Marco Di Lorenzo

NEO asteroide

Credit: ESA

L'asteroide di nome 2014 RA è stato scoperto dall'osservatorio Catalina quando ormai era già passato alla minima distanza dalla superficie terrestre, ovvero 50.290 +/- 40 km, nella notte a cavallo tra il 31 Agosto e il 1 Settembre. Avendo un diametro di soli 4.5-10 m (stima basata sulla magnitudine assoluta H=28.8), anche in caso di impatto non avrebbe potuto comunque fare molti danni, anzi sarebbe stato probabilmente distrutto completamente dall'attrito con l'atmosfera (l'oggetto viaggiava a oltre 13 km/s).
Come si vede nella seguente classifica, si tratta del terzo passaggio più ravvicinato per quest'anno e del ventesimo tra tutti quelli osservati storicamente:

Passaggi ravvicinati

Gli incontri più ravvicinati con asteroidi, in ordine di distanza crescente.
Tabella generata dal sito http://neo.jpl.nasa.gov

In realtà, il primo oggetto della lista (2014 AA) è un impattatore in quanto sembra sia davvero caduto sulla Terra a inizio anno, presumibilmente nell'Atlantico (purtroppo non ci sono testimonianze e anche la traiettoria è incerta); l'incontro più ravvicinato è quindi quello di 2011 CQ1 che, 3,5 anni fa, sfiorò la superficie terrestre a soli 5480 km di altezza.

Il bello è che, proprio mentre stavo scrivendo l'articolo, è giunta notizia di un altro oggetto, 2014 RC, appena scoperto dall'osservatorio automatizzato Pan-STARRS 1 ; questo dovrebbe passare ancora più vicino la sera del 7 Settembre, a circa 34.000 km di altezza (più vicino dei satelliti geostazionari!); l'oggetto, tra l'altro, è anche più grande del precedente (H=26.6 ovvero 13-29 metri).

In ogni caso, non c'è pericolo di caduta e questo incremento di scoperte è abbastanza normale poichè si verifica ogni volta che siamo vicini agli equinozi e le condizioni di illuminazione sono più favorevoli...


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Europa? Un vulcano di ghiaccio

    Europa? vulcano ghiaccio

    La superficie di Europa. Crediti: NASA/JPL/University of Arizona/University of Colorado Un oceano salato sotto una superficie incrostata di ghiaccio. Leggere il seguito

    Da  Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Catturato il suono di un atomo

    L’atomo artificiale (a destra) genera onde acustiche di superficie (SAW) costituite da increspature sul substrato solido. Il suono così prodotto viene poi... Leggere il seguito

    Da  Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Giannini: ci vuole un piano decennale

    Giannini: vuole piano decennale

    Un Piano decennale della ricerca per rilanciarla e non farne più la Cenerentola che è da decenni. È quanto auspicato dal dal ministro per l’Istruzione,... Leggere il seguito

    Da  Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Un microscopio con ottiche adattive

    microscopio ottiche adattive

    La complessità della biologia può confondere anche il più sofisticato dei microscopi ottici. Campioni di tessuto sono in grado di piegare la luce in modo... Leggere il seguito

    Da  Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Un tuffo nello spaziotempo

    tuffo nello spaziotempo

    Crediti immagine: Jason Ralston (CC BY 2.0) Attualmente uno dei problemi più pregnanti in fisica teorica è l’armonizzazione della teoria della relatività... Leggere il seguito

    Da  Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Un regalo astrolimpico

    regalo astrolimpico

    Ci sono 295 regali di Natale molto speciali sotto l’albero di altrettanti ragazze e ragazzi, 143 per la categoria junior (14 e 15 anni) e 152 per la categoria... Leggere il seguito

    Da  Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Antares molto più di un ‘botto’

    Antares molto ‘botto’

    Palpabile l’emozione nella voce prima, e l’imbarazzato silenzio del telecronista poi, al lancio del razzo Antares di Orbital Sciences, che avrebbe dovuto portar... Leggere il seguito

    Da  Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE