Magazine Africa

Un buon passo avanti con la firma di Nairobi per la pacificazione in Centrafrica anche se rimangono incertezze

Creato il 10 aprile 2015 da Marianna06

 

Bangui_1

 

Rappresentanti dei due gruppi di milizie ex-Seleka e Antibalaka che si affrontano in Centrafrica hanno firmato a Nairobi un cessate il fuoco. Un secondo documento prevede inoltre l’impegno dei due movimenti a sostenere la road map per la transizione del paese.

I negoziati, in corso da due mesi, sono stati condotti dal presidente keniano Uhuru Kenyatta, che ha messo in guardia le parti da possibili tentativi di far saltare l’intesa. “Molti – ha sostenuto – tenteranno di portare divisioni tra voi per il loro beneficio personale”. Un precedente accordo, firmato a fine gennaio sempre a Nairobi, era già fallito per l’opposizione del governo transitorio di Bangui e lo stesso mediatore ufficiale, il presidente del Congo Brazzaville Denis Sassou Nguesso, aveva sconfessato il documento.

Naturalmente, diversi sono gli auspici di Kenyatta per il cessate il fuoco appena siglato. “Lo spirito di fratellanza che avete sviluppato qui – è stata la sua esortazione alle fazioni coinvolte – dovrà durare anche nel forum di Bangui”, che dovrebbe segnare un’altra tappa della pacificazione nazionale ed è in programma a fine mese. Sull’esito dell’intesa resta comunque incertezza. Non è stata infatti formalmente firmata dagli ex presidenti François Bozizé (a lui, assente alla cerimonia, erano in passato vicini alcuni leader anitibalaka) e Michel Djotodia (già leader di Seleka, a Nairobi solo in veste di spettatore).

Nella foto in alto : una piazza di Bangui in tempo di pace.

 

                         a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un disegno per Manuel

    disegno Manuel

    L'idea è quella di riempire la camera di Manuel di disegni e colore. La prima volta che non sono sicuro di saper scrivere quello che ho in testa. Leggere il seguito

    Da  Riciard
    DIARIO PERSONALE, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Un Fallimento chiamato Libia

    Era il 12 giugno 2009 quando il leader della Libia Moammar Gheddafi faceva attendere tutti i deputati italiani per circa due ore prima che l’allora Presidente... Leggere il seguito

    Da  Gianluca Pocceschi
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Caronte, un caldo infernale!

    Caronte, caldo infernale!

    Arriva in Italia il temibile anticiclone africano "Caronte" che porta aria bollente dall'entroterra algerino con conseguente aumento delle temperature che... Leggere il seguito

    Da  Freeskipper
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Un comunicato dell’ambasciata ungherese

    Ungheria :::: Ambasciata d’Ungheria presso la Repubblica Italiana :::: 25 settembre, 2015 ::::   L’Ambasciata d’Ungheria presso la Repubblica Italiana ha... Leggere il seguito

    Da  Eurasia
    CULTURA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Un acquario a Larvotto

    acquario Larvotto

    Mi piacerebbe vedere le vostre facce se capitasse anche a voi di passeggiare lungo la banchina di una spiaggia qualsiasi con alle spalle metri e metri in altezz... Leggere il seguito

    Da  Eleglam
    LIFESTYLE
  • Un nuovo appendiabiti.

    nuovo appendiabiti.

    Di colore noce scuro le parti in legno e color ottone le zone in ferro, questo appendiabiti è stato trasformato completamente. Un lavoro lungo e di precisione. Leggere il seguito

    Da  Carla Fiore
    FAI DA TE, HOBBY
  • Arlecchino è un assassino!

    Arlecchino assassino!

    ...Ma però, nonostante l'immagine di copertina, quella grandissima bimbominkiata della "Fratellanza Di Assassin's Coso" non c'entra una benemerita. :) Come al... Leggere il seguito

    Da  Marte
    INFORMATICA, TECNOLOGIA