Magazine Cultura

Un commesso

Da Nubifragi82 @nubifragi

Non vivo per il lavoro. Non vivo per il mio lavoro, precisamente. Il fai da tè, che sebbene un lavoro sia non è salariato, mi è cagione di ben maggiori soddisfazioni. Restaurare l’usura, resuscitare il decrepito e poi ancora creare dal nulla, riutilizzare materiali vetusti e unirli per dare vita a qualcosa di nuovo e utile. L’inusitato piacere di vedere il bello prendere forma dalle proprie mani, la libertà di fare e disfare a proprio piacimento. La quiete della mente che si esprime senza remora causata dall’altrui giudizio. Per fortuna il mio capo non ha più passione di me per il lavoro. Il negozio lo ereditò dal padre, un’attività ben avviata, roba di qualità che regge anche in periodo di crisi. Il vecchio avrebbe scambiato la nonna per uno di quei piumini di lana scozzese. Gli affari non vanno male nemmeno ora, il figlio sa il fatto suo, certo il tempo libero non lo passa in magazzino o studiando cataloghi di fornitori, come faceva il padre. Pure io non sono male. Se chiedete di me ai nostri clienti vi diranno che sono gentile e in grado di capire le loro esigenze. Solo ho qualche imbarazzo con i bambini, non lo posso negare. Vedete, ultimamente sono arrivati in negozio Montgomery per i più piccoli. Quando li dispieghi allo sguardo delle madri, le vedi lievitare sui tacchi, passerelle di alta moda si dipingono nei loro occhi. Osservate quelle cornee costrette tra due strati di mascara e vedrete il figlio sfidare i compagni di scuola con il suo Montgomery nuovo e, manco a dirlo, sconfiggerli uno ad uno, dal più straccione al più stiloso. Manna dal cielo per il negozio, non certo per me. Già, perché alla mia figura di commesso sono richieste tutte quelle domande banali al bambino che hanno l’unico scopo di circuire la madre, mentre il piccolo lo vedete, poverino, nascondersi dietro le gote rosse, asfissiato da domande a cui non può e non deve rispondere. Ma come si può chiedere ad un bambino se preferisce il papà o la mamma? Ma come si può affibbiare l’epiteto di “timidone” a chi non riesce a rispondere ad una domanda che potrebbe significare la fine dell’idillio famigliare? Io non posso, davvero, così come non posso nemmeno fare domande più intelligenti, sforzarmi di trovare un argomento pressoché nobile con cui conversare con il bambino. Come non rivedere me stesso tanti anni fa, in questo stesso negozio? Mia madre mi vestiva qui. Venivamo sempre per i saldi dopo il Natale. A volte ci serviva una commessa sulla quarantina, parlantina feroce e domande al limite della demenza. Ma tant’è, erano quesiti così idioti che non necessitavano risposta. Diverso era quando ci serviva il vecchio, quello che avrebbe venduto la nonna per uno dei suoi piumini. Costei non era mai banale, le sue richieste esigevano una risposta. Diversamente dalla querula commessa, lui le attendeva in silenzio. Occhi esigenti e severi si moltiplicavano, li sentivo graffiare la mia tenera pelle di bimbo. Ancora oggi, quando vedo quei bambini attorno ai Montgomery, sento la stessa oppressione, la pelle d’oca nella schiena e la saliva azzerata, ecco il vecchio squadrarmi con la ghigna sprezzante del commerciante self-made. Come non rendersi conto di quanto stia soppesando la mia inettitudine al mercato globale della vita? E mia madre, povera donna, si volta e mi guarda implorante “Su piccolo, rispondi. No, mi raccomando, questo non me lo devi fare, ho appena detto a tutti quanto sei intelligente. E educato. E affettuoso.” Allora le parole mi sgorgano dalla bocca e sembrano melma più che acqua e vedo le labbra di mia madre tremare nel tentativo di suggerirmi la risposta. Lasciate stare i Montgomery. Costano più di quel che valgono. Più della fiducia che non avete per i vostri bambini.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Archiloco “Dopo un naufragio”

    Archiloco “Dopo naufragio”

    Roma 18 marzo 2014 ” Il mio scudo, da guerra?Bell’affare. Lo butto subito alle ortiche. Domani passo dall’armaiolo e me ne compro un altro. Ma intanto salvo la... Leggere il seguito

    Da  Lielarousse
    CULTURA, TALENTI
  • Che cos’è un racconto

    Non è la cronaca di un fatto avvenuto.Rispondeva così Flannery O’Connor a chi le chiedeva di definire cosa sia un racconto. E questo complica parecchio le... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Un boato

    boato

    Un boato Un boatoPrima di tutto un boatoChe qui vien giù tutto è la fine del mondoDove sono i bambini?Gli allarmi delle auto sono i primi ad urlareCorrere è... Leggere il seguito

    Da  Olivierifrancesco
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, MUSICA, RACCONTI, TALENTI
  • Un #compleannolondinese: I preparativi

    #compleannolondinese: preparativi

    Prima o poi dovevamo affrontare anche questo passo: Il compleanno all’inglese. Perchè qui, in effetti, hanno delle usanze un filo diverse dalle nostre. Una su... Leggere il seguito

    Da  Silbietta
    TALENTI
  • Un Nuovo Inizio

    Sono stato a lungo titubante sull'opportunità, sul modo e sul fatto che fosse finalmente giunto il tempo di pubblicare questo post. SirenaParthenope cambia! Leggere il seguito

    Da  Marino Maiorino
    RACCONTI, TALENTI
  • Un dono

    Vivere con una malattia così fin da piccolo, pensare di non poter vedere i 18 anni; arrivare a 27 e inaugurare la propria casa; arrivare a 28 e donare tutti... Leggere il seguito

    Da  Lupussinefabula
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Un caleidoscopio di colori

    Salve a tutti!Quella che vi sto per presentare non è una recensione ma solamente un "commento in corso di lettura" dedicato ad uno dei romanzi più fenomenali... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI

Magazines