Magazine Famiglia

Un concerto abbastanza radical chic

Da Scalposcarno @valeriocorini
Altro che "Un concerto tutto matto! / Accademia Nazionale di Santa Cecilia" ...
Sono stato con mia moglie, mia figlia, una sua amichetta ed il padre al concerto di cui sopra. Il concerto viene presentato bene in termini di occasione per i bambini di gradire, in un ambiente caldo e accogliente, musica e canto interpretati live da ottimi musicisti in mezzo al pubblico, così da nutrire la curiosità dei bambini ed il loro piacere nell'ascolto.
Obiettivo solo in parte raggiunto grazie al quarto d'ora finale (a spettacolo concluso) durante il quale i bambini hanno potuto veramente scorazzare e divertirsi suonando gli strumenti e ballando alla musica suonata dagli altri bambini.
Un concerto abbastanza radical chic
 Per il resto devo dire che lo spettacolo non mi è sembrato molto azzeccato: - interpreti e musicisti tutti vestiti di nero e tendenzialmente tristi come un mimo parigino squattrinato, - musiche cupe se non inquietanti (a parte una di queste, forse uscita allegra per caso ...) - non si poteva applaudire - si veniva spesso richiamati al silenzio, con particolare decisione in caso di bambini piangenti (come contraddirli ?)
Un concerto abbastanza radical chicOra, a parte le critiche sibilanti mosse sopra, i musicisti e i cantanti erano tutti evidentemente molto bravi, e l'obiettivo dichiarato nobile e lodevole ... peccato l'approccio sbagliato (mio personalissimo parere) e il prezzo (18 euro gli adulti, 8 euro i bambini), direi eccessivo per essere ospitati in una sala un pò freddina, cupa e per uno spettacolo di un'oretta scarsa, secondo me non adatto alla media dei bambini tra i 3 ed i 5 anni (come dichiarato ufficialmente).
Colgo l'occasione per segnalare che il sito dell'Accademia di Santa Cecilia non offre un servizio facile per consentire al pubblico di lasciare feedback sugli spettacoli cui ha assistito.
PS: è vero che i bambini vanno lasciati liberi il più possibile, soprattutto in un contesto del genere, per formare il carattere, per esplorare nuovi mondi di colori, sensazioni e soprattutto suoni, ma quando vostro figlio/figlia è un quarto d'ora che monopolizza il pianoforte tanto ambito anche da tutti gli altri bambini e non consente (soprattutto ai più piccoli) di sperimentare le sue stesse "esperienze sensoriali", allora forse è il caso di andarlo a prendere di forza e lasciar provare anche gli altri ... anche questa, in fondo è democrazia, e la libertà dei singoli non deve lederla, cari papà e mamme un pò radical chic, un pò troppo montessoriani. PPS: certo che sono proprio un criticone pesantone ... lo so, lo so

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Stupore è un sospiro

    Stupore sospiro

    Più delle sette meraviglie e molto più che se mi trovassi, io così piccolo, ai piedi dell'Everest: è impossibile cogliere l'immensità nel suo insieme. Rimane... Leggere il seguito

    Da  Cristiano
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Ho creato un mostro!

    Eleonora mi ha raccontato che alcuni dei suoi compagni di classe hanno le console portatili tipo il Nintendo DS e che uno l'aveva fatta giocare e si era molto... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La saggezza di un ragazzino

    Ho comprato a mio figlio un piccolo borsello a tracolla. Più che altro era un'idea per fargli portare il telefonino con sè ogni volta che esce da solo o con... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Pianta un albero!

    Pianta albero!

    Bellissima iniziativa quella di DoveConviene.Viene piantato un albero per ogni blog che aderisce, per sopperire alla produzione di CO2 che viene... Leggere il seguito

    Da  Slela
    FAMIGLIA, MATERNITÀ, SOCIETÀ
  • Un cuore a gruviera (Racconto)

    Il mio cuore a gruviera si sta lentamente rimarginando. Stanotte te lo posso dimostrare. Dovrai credermi e fidarti. Ti accarezzo i capelli scompigliati e... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Un suono che dà gioia

    È sera. Anette è fuori a prendere gli ultimi regali ed io sono a casa con le bimbe. Alle nove di sera in teoria dovrebbero già essere a letto.In teoria. Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • "Inventarsi" un sabato

    "Inventarsi" sabato

    Anette oggi è via tutto il giorno per una möhippa (addio al nubilato). A me quindi il compito di "inventare" un sabato con le bimbe. Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ

Magazines