Magazine Cultura

Un duello del duce

Creato il 12 giugno 2013 da Patrizia Poli @tartina

da Livorno Magazine

di Patrizia Poli

Un giorno di ottobre del 1921, Benito Mussolini è ancora solo un onorevole fra tanti. Ha forti contrasti con Francesco Ciccotti Scozzese, ex compagno del partito socialista ed ex amico. Ciccotti è stato segretario della Camera del Lavoro labronica nel 1902. I due hanno continui scontri e diverbi, Mussolini definisce il Ciccotti - già nominato “Cagoia” da D’Annunzio - “lercio basilisco”. Ci si decide per un duello proibito.
Le trattative sono lunghissime, tutte le questure d’Italia si mobilitano per impedire lo scontro. I due iniziano il contrasto a Milano, poi scappano, inseguiti dalla polizia, cercando un posto tranquillo dove potersi sfidare. Una delle macchine inseguitrici, vicino a Piacenza, ha un incidente e finisce contro un carro di fieno. Il pilota della macchina di Mussolini è lo spericolato Aldo Finzi, che ha partecipato con D’Annunzio al volo su Vienna. Vagano per le città dell’Emilia e della Toscana in cerca di un luogo dove convocare Ciccotti. Finiscono ad Antignano, nella villa Perti, oggi scomparsa.

La sfida ha luogo al pian terreno, nel salone, i padrini di Mussolini sono il colonnello Basso e l’onorevole Finzi. Al quattordicesimo assalto Ciccotti entra in affanno, ha una crisi respiratoria. Viene fatto distendere sul letto, i medici gli praticano una iniezione di olio canforato, poi dichiarano l’insufficienza cardiaca e impediscono la continuazione del duello. Mussolini si arrabbia, pensa a uno stratagemma di Ciccotti per sottrarsi alla tenzone.

Un duello del duce

Aldo Finzi

Ha una ferita a un braccio e la giovane siciliana Elvira, parente del padrino di Ciccotti (il livornese Cesare Guglielmo Pini) lo cura. “Ferito”, dice Mussolini guardandola intensamente, “ma curato da una bella infermiera”, e le dona la sua spada.
La polizia li sorprende.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Poetica di un film

    Poetica film

    “Venuto al mondo”, è il film tratto dall’omonimo libro di Margaret Mazzantini, per la regia di Sergio Castellitto, con Penelope Cruz ed Emile Hirsch. Leggere il seguito

    Da  Stampalternativa
    CULTURA, LIBRI
  • Un amore.

    I Monologhi di Sana – Rubrica“…oltre il muro dei vetri si risveglia la vitache si prende per manoa battaglia finitacome fa questo amore che dall’ansia di... Leggere il seguito

    Da  Philomela997
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, LIBRI, STORIA E FILOSOFIA
  • Un giorno senza testa

    giorno senza testa

    Alzarsi con la voglia di lasciare la testa sul cuscino, iniziare la giornata senza, come niente fosse, così. Tanto fuori è tutto così bianco, così freddo, il... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Cos’è un Progetto

    Un progetto di sviluppo è un po’ un’isola magica, un’utopia, dove tutto funziona come dovrebbe, dove tutto è perfetto.Scrivere un progetto è relativamente... Leggere il seguito

    Da  Percentuale
    CULTURA, LIFESTYLE
  • Un figlio disamato

    figlio disamato

    Racconta il mito che, quando Efesto venne al mondo, sua madre Era, piena di rabbia alla vista di un figlio così brutto, lo ripudiò senz'altro e afferratolo, lo... Leggere il seguito

    Da  Lory663
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Un lac

    C’è molto buio in questo film di Philippe Grandrieux, un buio che non deriva soltanto dall’assenza di luci artificiali, bensì da quell’oscurità che non si può... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Un messaggio nella bottiglia.

    E poi arriva il momento, temuto da un lato atteso dall'altro. Una dicotomia inestricabile che è essa stessa parte del viaggio. Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI

Magazine