Magazine Cultura

Un fragore di cordiale ilarità

Creato il 28 gennaio 2011 da Lucas

Mi sono alzato con un nervoso addosso, una rabbia intensa, vera, forte¹. Oh se solo potessi colpirlo con qualche oggetto contundente, se solo potessi essere sicuro di centrarlo con un'incudine sulla crapa incatramata. Bum, colpito e affondato mezzo metro nel selciato. Ma il mio timore è che lui la scampi ancora come quell'antipaticissimo struzzo e io faccia la fine del nostro caro Willy

Un fragore di cordiale ilarità

Ma perché somatizzare questa stronzaggine infinita? Cosa posso fare per non pensarci? A cosa posso pensare per non pensare a lui? Come posso estirpare dalla mia mente il mostro?

Uccidere il tiranno [è] impresa tanto facile che [potrei] compierla senza muovermi da[lla mia] stanza. Per l'attentato potrei usare o una vecchia rivoltella ben conservata, oppure un gancio, sopra la finestra, che un tempo doveva servire per l'asta delle tende. Meglio questo che quella, poiché avevo i miei dubbi sull'efficienza d'una cartuccia vecchia di venticinque anni. Uccidendo me stesso avrei ucciso anche lui, poiché egli era totalmente dentro di me, ingrassato dall'intensità del mio odio. Assieme a lui avrei ucciso il mondo da lui creato, tutta la stupidità, la codardia e la crudeltà di quel mondo che, con lui, era cresciuto a dismisura dentro di me [...] Poi, d'un tratto, l'incredibile intensificarsi di tutti i sensi che m'aveva sopraffatto subì una metamorfosi strana, quasi chimica.²

"Non è un paese libero quello in cui quando si alza [ Egli alza la cornetta] il telefono non si è sicuri della inviolabilità delle nostre conversazioni. Non è un paese libero quello in cui un cittadino può trovarsi sui giornali delle proprie conversazioni che fanno parte del proprio privato e che non hanno nessun contenuto penalmente rilevante. Non è un paese libero [ Egli riaggancia la cornetta con difficoltà] quello in cui una casta di privilegiati può commettere ogni abuso a danno dei cittadini senza mai doverne rendere conto ". ( Ultimo videomessaggio di S.B.).

Il riso, in effetti, mi [ha salvato]. Dopo aver sperimentato tutti i gradi dell'odio e della disperazione, io [salgo] a quell'altezza donde lo sguardo spazia sul ridicolo. Un fragore di cordiale ilarità mi [ha guarito], così come succede in quella fiaba a un certo signore, "nella cui gola un ascesso scoppiò alla vista di un buffo cagnetto ammaestrato".³

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un giudice

    giudice

    Il nomignolo di “Svastichella”, solo a leggerlo e a sentirlo, lascia di stucco. È il nome di un nazista ma anche il nome di un Giullare. Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Se fossi un supereroe

    fossi supereroe

    Devo confessarlo: alcune volte ho avuto tentazioni “tirannicide”; esse si manifestano soprattutto quando mi trovo solo ad ascoltare e vedere i soliloqui, i... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Un sogno beato

    Ho provato a farmi beato:mi sono disteso a metà tra pratoe asfalto, tra le foglie aspettandola decomposizione, diventandoda giallo a marrone – colore del... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Ci sarà un risveglio

    A Antonin Artaud (frammento)IICi sarà un'età per nomi che non siano questici sarà un'età per nomipurinomi che magnetizzanocostellazionipureche facciano irromper... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Un anno di scuse

    «Alcune passeranno alla storia, altre resteranno solo negli annali del gossip e dello sport, ma l'anno che sta finendo ha sicuramente segnato la vita di molti... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Io sono un delatore

    L'on. Antonio Palmieri, responsabile internet del sito Forzasilvio, mi ha scritto oggi alle 13,17:Ciao Luca,Il quotidiano "La Stampa" ha attivato un sondaggio o... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Un pianto lo seppellirà

    pianto seppellirà

    “Una risata seppellirà B”. Questo il titolo di un articolo su L’espresso che presenta il secondo libro con la collezione di battute apparse su Spinoza.it. Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ

Magazines