Magazine Passione Motori

UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2

Da Superpantah
UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2
Il primo giorno di viaggio, dopo esser andato perfettamente fino quasi alla conclusione, si è purtroppo concluso in modo non esaltante, ma non è stata che colpa mia. A Campo Imperatore ho imboccato la deviazione per Vado di Sole che mi avevano segnalato, ma complice un branco di cavalli piuttosto incazzosi che ho attraversato ho poi ritenuto non fosse il caso di tornare indietro. E mi sono fatto prendere dalla frenesia dell'orario: faceva buio e chiudere il giro per cercare un letto una volta tornato in zona diventava difficile. Che fare? Pescara non era lontana, e mi ci sono diretto; sono finito a dormire in una brutta pensione a Francavilla al Mare, posto decisamente insulso. La mattina dopo non vedevo l'ora di levarmi dai coglioni, e mi sono fatto un bel po'di strada per tornare sull'itinerario. Ho attraversato il Molise, del quale mi ricordo più che altro strade tutte buche e piene di merde di vacca grosse come torte di compleanno, ma senza candeline.
UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2La meta della giornata era Rionero in Vulture, paese dell'amico Donato delle cui moto abbiamo parlato un po'di tempo fa. Di lui vi vorrei parlare in separata sede perché credo sia il caso: in questo momento mi limito a dire che mi ha fatto da cicerone fino a Castelmezzano, che era il punto di arrivo del mio giro.
UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2
UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2Dire quanto siano belli Castelmezzano e le Dolomiti Lucane presentando un paio di foto è decisamente riduttivo: consiglio semplicemente a tutti di farci un salto. Personalmente non farei il famoso "volo dell'angelo" nemmeno mi pagassero oro, ma per chi apprezza le emozioni forti c'è appunto anche la possibilità di essere imbragato a Pietrapertosa che è il paese dall'altra parte della vallata ed essere sparato giù a Castelmezzano a 120 all'ora attaccato a un cavo d'acciaio. Son soddisfazioni... :-)
Ah... la casa sul puntone di roccia è una delle cose più geniali che si possano inventare. Chissà che bello attaccare i quadri. Nella foto subito sotto c'è lo spuntone di roccia chiamato "becco della civetta". Chissà come mai gli hanno dato quel nome... :-)
UN GIRINGIRO DI QUATTROGIORNIQUATTRO - giorno 2La sera Donato (non prima di avermi invitato a restare da lui...) mi ha accompagnato in un bell'agriturismo gestito da suoi conoscenti, dove ho dormito come un sasso. Complice il suo micidiale vinello da 14 gradi... :-)
Continua...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • un tocco di blu

    tocco

    Il blu è un colore che nell'arredo a me non piace utilizzare.Lo stò riscoprendo ora, a piccole dosi.Qualche tocco di blu o azzurro, qua e là, con... Leggere il seguito

    Da  Design Your Life
    ARCHITETTURA E DESIGN, ARREDAMENTO, LIFESTYLE
  • Ritratto di un assassino

    Ritratto assassino

    Come mai Pupottina ha letto questo libro?Lo ha letto perché Gino, l'Amico del Cuore di suo marito Kevin, glielo ha regalato e dopo di che non ha mai smesso di... Leggere il seguito

    Da  Pupottina
    CULTURA, GIALLI, LIBRI
  • Replica di un artista

    Replica artista

    Lascio spazio in questo mio blog al collega Alberto Loi che desidera replicare ai messaggi ricevuti dai tanti colleghi artisti e professori d`orchestra delle... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, MUSICA
  • Un grazie di cuore!

    grazie cuore!

    -nella foto, Ancelotti spiega a Terry come battere i rigori.-All'inizio di questa stagione, la scorsa estate e per diversi mesi sucessivi, tutti i giornali... Leggere il seguito

    Da  Gianclint
    CALCIO, SPORT
  • Un pizzico di sogni

    Sono al giro di boa del mio anno di servizio civile, un'esperienza che tra alti (i fantastici compagni di viaggio e la conoscenza di tante realtà interessanti) ... Leggere il seguito

    Da  Martatraverso
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Un giorno di lavoro

    giorno lavoro

    Sono commessa in un negozio di accessori per donna. La mia clientela va dai 14 anni fino ai 70/80. Vedo ogni tipo di donna, da quelle "fighe" a quelle che... Leggere il seguito

    Da  Miriam
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • Confessioni di un italiano

    A me del calcio non me ne importa niente, zero, anzi meno dello zero assoluto. Ora potete immaginare ogni quattro anni, quando ci sono i mondiali, la discreta... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    CALCIO, SPORT

Magazine