Magazine Cultura

Un Kilim anatolico è come un libro da leggere

Creato il 03 febbraio 2011 da Traveltotaste

Un Kilim anatolico è come un libro da leggere

Tanta gente ho visto passare nel negozio di tappeti Galerie Faruk, ad Uçhisar in Cappadocia.

Moltissimi, come me, sono rimasti affascinati dalla moltitudine di tappeti che arredano le grandi stanze. Li guardano, li selezionano in base al colore, ai disegni, alla misura ed al materiale. Poi, qualunque sia la cifra spesa, se ne vanno soddisfatti dell’acquisto figurandoselo già sul pavimento di casa propria.

Altri invece, vogliono mettere subito in chiaro che non amano i tappeti. A questi Faruk, dall’alto della sua esperienza di commerciante e della saggezza turca, risponde che se ne si acquista uno poi non si riesce a smettere di comprarli.

Devo ammettere che, negli anni, ho visto talmente tante persone cambiare idea in merito che, oggi, rispondo con le stesse parole a chi mi chiede come mai mi piacciono così tanto i Kilim anatolici.

Innanzitutto è bene chiarire la differenza tra tappeto e Kilim.

Un Kilim anatolico è come un libro da leggere

Il tappeto è un tessuto ottenuto con una manuale lavorazione a nodi che costituisce la base su cui poi si intrecciano fili orizzontali, la trama, con fili verticali, l’ordito.

I Kilim, invece, vengono chiamati tessuti piatti e sono il risultato di una lavorazione su telaio.

Il Kilim mi piace in particolar modo perché, più degli altri, ha una storia da raccontare. Per chi lo sa interpretare, il Kilim è un come un libro da leggere.

Come uno specchio, riesce a riflettere la vita di colei che l’ha tessuto e la tradizione culturale cui apparteneva.

Molti sono i simboli che vengono rappresentati sui Kilim e tutti hanno uno specifico e profondo significato.

Çeingel, l’uncino, è simbolo di protezione nonché un potente amuleto contro il malocchio.

Le corna d’ariete vengono utilizzate a fini propiziatori per garantire la fertilità e la protezione del parto. Elibelinde, mani sui fianchi, è simbolo di maternità.

Quello che un Kilim mostra nelle geometrie dei suoi disegni non è solo quello che si vede e si tocca ma, soprattutto, rivela le emozioni e l’anima della tessitrice.

In un disegno è possibile trovare ciò che non si potrebbe descrivere se non con l’utilizzo dell’astrazione, quasi fosse una poesia.

Per questo motivo i Kilim, tessuti a mano ovviamente, sono oggetti di grande valore non solo come opere d’arte ma anche come testimonianza culturale.

Forse molti di voi potrebbero sentirsi intimoriti nell’entrare in un negozio di tappeti ma se avrete la fortuna di incontrare un commerciante serio ed appassionato, sarà un viaggio nel viaggio stesso, che non potrete più scordare.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un libro...

    libro...

    Oggi niente recensione (ohhhhh!). Colpa del duro lavoro di editing su testi quali Polvere Eravamo ed Eva che, come potrete ben immaginare, hanno rubato molto... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Un trionfo!...

    trionfo!...

    "XXVI Stagione del Teatro in Dialetto triestino", IV edizione premio "L'Armonia"per il miglior interprete maschile, the winner is: ROBERTO CRESO! Leggere il seguito

    Da  Icocaits
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Un booktrailer un po’ speciale

    Avrete notato che ultimamente ci siamo appassionate molto al booktrailer, scrivendone in vari post (e posti) qua e là. Vi avevamo anticipato che ci stavamo anch... Leggere il seguito

    Da  Biblioragazzi
    CULTURA
  • Un bambino

    bambino

    Sono ancora visibili, fino a sabato 30 aprile presso le Officine Minganti di Bologna, le tavole di Sonia Possentini, giovane reggiana, i cui lavori esulano dall... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Un inno

    Poi mi hanno chiesto di cantare "Che sarà" e volevo tornarmene in camera. E invece l'ho cantata e ho pensato un milione di cose. Leggere il seguito

    Da  Fabriziogabrielli
    CULTURA
  • Un errorino

    Confine Ucraino – Polacco, 25 mag 2011, giorno 135, ore 11:11, treno Se acquistate un biglietto del treno Kiev – Vienna e la bigliettaia vi dice che parte da... Leggere il seguito

    Da  Guidoeug
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Un gradino

    gradino

    Uno ha un bel dire vabbe' dai provo a non parlare sempre delle stesse cose, ché tanto lui sta già qui sopra, con quel cappellino da sfigato e il gesto con le... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA

Magazines